Certificati Airbag

I Certificati Airbag sono prodotti strutturati e fanno parte della categoria dei certificati a capitale condizionatamente protetto.
A differenza di molti certificati presenti sul mercato, questi strumenti non hanno cap o limiti alla performance del sottostante.

Sono prodotti strutturati particolarmente indicati per quegli investitori che possiedano aspettative rialziste sui mercati ma che, a causa della propria propensione al rischio, vogliano avere un paracadute in caso di perdite significative del sottostante.

I certificati Airbag presentano pertanto un livello di barriera utile sia per definire un primo livello di protezione, sia per calcolare il rapporto Airbag.
Il rapporto “Airbag” viene calcolato dividendo il valore dello strike price del certificato per il valore del livello di barriera; “Airbag = (Valore dello strike price / Valore del livello di barriera)”. Il valore dell’airbag è sempre superiore a 1.

Per fare un esempio: si supponga di avere un certificato del valore nominale di 100 Euro il cui sottostante sia l’indice DAX. Lo strike price viene fissato a 13’000 punti ed il livello di barriera viene fissato al 80% dello strike ovvero, 10’400 punti. Il rapporto “Airbag” sarà così uguale a 1,25 (13'000 / 10'400 = 1,25). È anche possibile calcolare il rapporto “Airbag” utilizzando i valori percentuali ovvero il 100% dello strike diviso il livello di barriera, qui fissato all’80%. Si otterrà ovviamente lo stesso rapporto “Airbag”, 1,25 in questo caso. La protezione allora funzionerà come segue; supponendo che il sottostante registri una performance negativa pari al -30%, ovvero si attesti a 9’100 rompendo il livello di barriera, l’investitore riceverà ((100 * 0.7)*1.25) = 87.5 Euro. Senza la protezione data dall’airbag l’investitore avrebbe ottenuto solo 70 Euro a certificato a parità di condizioni.

Nei Certificati Airbag la partecipazione ai rialzi è generalmente meno che proporzionale. L’investitore infatti, sarà propenso a rinunciare a parte dei profitti in favore di una protezione contro un possibile scenario avverso.

Come funzionano?

A scadenza, si potranno verificare tre diversi scenari:

• Se il sottostante si  dovesse attestare al di sopra dello strike price allora l’investitore riceverà la performance positiva del sottostante moltiplicato per il fattore di partecipazione, se previsto.

• Se il sottostante dovesse attestare al di sopra del livello di barriera ma al di sotto del livello dello strike price allora il certificato rimborserà all’investitore il suo valore nominale.

• Se in terza istanza, il sottostante si dovesse attestare ad un livello al di sotto del livello di barriera, l’investitore riceverà un capitale inferiore rispetto al nominale ma la perdita sul certificato sarà inferiore rispetto a quella registrata dal sottostante in termini percentuali poiché risulterà attenuata dal rapporto “Airbag”. Vedi esempio sopra.