Banche Europee: perché gli investitori non comprano le azioni? | Investire.biz

Banche Europee: perché gli investitori non comprano le azioni?

26 mag 2023 - 07:00

Le banche europee hanno dato dimostrazione di essere molto solide, ma le azioni in Borsa restano sottovalutate. Ecco quale può essere il motivo

Gli investitori non comprano le azioni delle banche europee e, guardando i fondamentali, questo appare un fatto inspiegabile. A livello di bilancio, gli istituti di credito del Vecchio Continente stanno raccogliendo i frutti dell'aumento dei tassi d'interesse attuato dalla Banca Centrale Europea. Negli ultimi anni molti hanno eseguito importanti riorganizzazioni, dotandosi di forti riserve di capitale e tenendosi al riparo dal contagio derivante dalla crisi bancaria americana e dallo stress del salvataggio di emergenza di Credit Suisse.
 
Eppure le azioni sono ampiamente sottovalutate. Se si confronta il rapporto tra il prezzo delle azioni e il valore netto contabile delle banche europee rispetto a quelle americane si nota una differenza a volte non giustificabile. Ad esempio, tale rapporto è circa un terzo in Deutsche Bank, mentre in PacWest Corp è circa del 40%. La differenza risulta più assurda per il fatto che il colosso finanziario tedesco proviene dai suoi 12 mesi più redditizi dal 2007, mentre fino a poche settimane fa la banca americana di medie dimensioni si vendeva al miglior offerente nella speranza di un salvataggio. "Siamo insoddisfatti del prezzo delle nostre azioni", ha detto l'Amministratore delegato di Deutsche Bank, Christian Sewing, in occasione all'assemblea generale annuale dell'azienda la scorsa settimana. Bisogna "fare di più per convincere il mercato dei nostri meriti", ha aggiunto.
 
Ma il mercato non è convinto per niente, perché altre grandi banche dell'Eurozona vivono una situazione simile. Société Générale scambia appena al 30% del suo valore netto contabile, con il dimissionario Frederic Oudea dalla carica di CEO che ha lamentato un prezzo delle azioni dell'azienda francese sostanzialmente inferiore ora rispetto a quando ne ha assunto la direzione circa 15 anni fa. Per citare altre aziende di credito importanti, UniCredit è negoziata in Borsa a 0,6 il suo valore contabile, mentre Banco Santander e BNP Paribas a 0,7. In confronto, Goldman Sachs ha un rapporto di 1,1, Bank of America di 1,3, JPMorgan Chase di 1,8 e Morgan Stanley di 2.
 
 

Banche europee: ecco perché gli investitori non si fidano

Ma cosa realmente sta tenendo lontani gli investitori dalle banche europee? Una spiegazione può riguardare la frammentazione del settore bancario europeo rispetto a quello americano, il che significa un ostacolo strutturale, al di là delle congiunture, all'aumento dei profitti.
 
Un'altra motivazione può derivare dal fatto che, dopo la crisi finanziaria del 2008 e quella del debito sovrano del 2011, gli investitori sono diventati più diffidenti. Ancor più che i tassi d'interesse a zero o negativi hanno fortemente depresso la redditività. A ciò si aggiungono normative severe che hanno frenato dividendi e buyback durante la pandemia e che hanno dato luogo a ristrutturazioni molto costose. Nel frattempo i peer americani hanno messo a punto importanti piani di riacquisto e aumenti dei dividendi, che hanno invogliato gli investitori ad acquistare i titoli. 
 
Recentemente poi ha inciso la vicenda di Credit Suisse, con l'annullamento delle obbligazioni AT1 per 17 miliardi di sterline che ha diffuso un senso di sfiducia a livello generale. 
 
 

Banche europee: ora sono un'opportunità?

La sottovalutazione delle banche europee tuttavia potrebbe anche aprire le porte a opportunità di acquisto in questo momento. Secondo le stime degli analisti, prima o poi il mercato dovrà prezzare i fondamentali e le azioni potrebbero salire. Gli analisti in tal senso mostrano un certo ottimismo. Secondo i dati rilasciati da Bloomberg, per i cinque maggiori istituti finanziari europei, 93 analisti hanno espresso raccomandazioni di acquisto delle azioni, a fronte di soli 6 che ne consigliano la vendita. Il passo più difficile però è riuscire a convincere gli investitori.
 
 
 
 

0 - Commenti

I Nostri Partners



Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

L’utilizzo del presente sito è soggetto al diritto svizzero, che ha giurisdizione esclusiva in relazione all’interpretazione, applicazione ed effetti delle condizioni d’uso. Il tribunale cantonale competente avrà giurisdizione esclusiva su tutti i reclami o le controversie derivanti da, in relazione a o in relazione al presente sito web ed al suo utilizzo.

Le informazioni presenti sul sito web non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web di ELP SA o ELP Finance LTD (di seguito il “gruppo ELP” o “ELP”) indirizzano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Gli strumenti finanziari menzionati nel presente sito web possono essere soggetti a restrizioni di vendita in alcune giurisdizioni.

Continuando ad accedere o utilizzare questo sito web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettarne i termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading e la speculazione finanziaria comportano un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumersi dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.