Jean-Claude Trichet: chi era il predecessore di Draghi alla BCE | Investire.biz
Kimura Trading

Jean-Claude Trichet: chi era il predecessore di Draghi alla BCE

Chi è Jean-Claude Trichet? Ecco le origini, la storia e la carriera del predecessore di Draghi alla BCE

Jean-Claude Trichet è un economista e banchiere francese conosciuto soprattutto per essere stato il Presidente della Banca Centrale Europea nel periodo 2003-2011. In tale veste ha vissuto in prima linea le due grandi crisi che hanno sconvolto il panorama economico-finanziario internazionale: la crisi dei mutui subprime del 2008 e quella dei debiti sovrani europei del 2011. È stato anche Governatore della Banca di Francia dal 1993 al 2003.


Jean Claude Trichet: origini, studi e carriera 

Jean-Claude Trichet è nato a Lione il 20 dicembre del 1942. Gli studi liceali si svolsero dapprima al Lycée Fénelon Sainte-Marie e successivamente alla Condorcet High School. Nel 1964 Trichet si laureò in ingegneria presso la National School of Mines di Nancy e nel 1966 ottenne il Master in Economia nell'Università di Parigi e quello in Scienze Politiche presso l'IEP della capitale francese.

Dopo aver frequentato l'École Nationale d'Administration dal 1969 al 1971, lavorò presso l'Ispettorato Generale delle Finanze in Francia nel 1974 e al Dipartimento del Tesoro nel 1975. Proprio lì divenne Direttore generale nel 1987, carica ricoperta fino al 1993. Nel frattempo fu anche nominato Consigliere presso il Ministero dell'Economia e il Presidente della Repubblica per l'industria, l'energia e la ricerca.

Dal 1987 al 2003 fu Governatore supplente del Fondo Monetario Internazionale, dal 1992 al 1993 Presidente del Comitato Monetario Europeo e dal 1993 al 1995 Governatore della Banca Mondiale. Nel 1993 Jean-Claude Trichet fu nominato Governatore della Banque de France, dove rimase per 10 anni, fin quando passò al comando della Banca Centrale Europea, succedendo a Wim Duisenberg.

Nel marzo del 2012 fu il successore di Mario Monti alla Commissione Trilaterale, il gruppo di studio non governativo su tematiche che riguardano l'economia, il lavoro, la finanza e la politica, composto da più di 300 membri provenienti dal Nord America, dall'Europa e dal Giappone.

Lo stesso anno Trichet divenne anche membro del Comitato Direttivo del Gruppo Bilderberg, la Conferenza annuale che si tiene presso l'hotel de Bilderberg a Oosterbeek, nei Paesi Bassi, di cui fanno parte circa 130 personalità di spicco nel campo politico ed economico.


Jean-Claude Trichet: l'esperienza alla BCE

Il 1° novembre del 2003 Jean-Claude Trichet ottenne la carica più prestigiosa della sua carriera: Governatore della BCE. L'incarico poteva arrivare nel 1998, allorché la Francia si impuntò in sede di avvio dell'istituto centrale affinché fosse un francese a salire al vertice dell'Eurotower.

Dopo varie trattative con gli altri Paesi dell'Eurozona si giunse a un compromesso: Parigi avrebbe dato il suo benestare a Duisenberg, caldeggiato dagli Stati più rigorosi per via delle sue politiche austere per combattere l'inflazione, in cambio Trichet sarebbe stato il suo successore. La politica monetaria dell'esponente transalpino ebbe una certa continuità con il suo predecessore nell'obiettivo di mantenere i prezzi sotto controllo, per evitare pericoli di surriscaldamento dell'economia.

Quando scoppiò la crisi greca che coinvolse tutti gli altri Paesi dell'area mediterranea dell'Europa, Trichet si rese protagonista di una famigerata lettera che mandò al Governo italiano presieduto da Silvio Berlusconi e finito sotto attacco speculativo nel mercato dei titoli di Stato.

La missiva recitava che la Banca Centrale avrebbe arrestato la vendita dei BTp italiani sul mercato a patto che l'Italia effettuasse politiche fiscali di contenimento. Questo generò grosse polemiche nello scenario politico interno e internazionale, poiché alcuni bollarono come ricattatorio l'atteggiamento di Trichet nei confronti del nostro Paese.

Tutto quanto si inserì in un contesto in cui si crearono le condizioni per la caduta di Berlusconi a Palazzo Chigi e l'arrivo di Mario Monti, più ligio ai dettami oltreconfine. Il 1°novembre 2011 Trichet passò il timone di Francoforte a Mario Draghi quando ancora si era in piena tempesta finanziaria per ciò che riguardava i debiti sovrani. Da quel momento l'Europa visse una storia diversa.


Jean-Claude Trichet: onorificenze

Jean-Claude Trichet fu investito di diverse onorificenze sia dal proprio Paese che da Stati stranieri. Riguardo i premi ottenuti dalla Francia, egli fu Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore e Ufficiale dell'Ordine Nazionale del Merito.

Quanto alle investiture internazionali, occorre ricordare il titolo di Cavaliere dell'Ordine al merito dell'Assia, la Gran decorazione d'Onore in oro con fascia dell'Ordine la merito della Repubblica Austriaca, la Gran Croce dell'Ordine al merito di Germania, il conferimento di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau dei Paesi Bassi e la Gran Croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique del Portogallo. Infine ottenne anche la Laurea honoris causa in Scienze Statistiche ed Economiche presso l'Alma Mater Studiorum dell'Università di Bologna.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti