P/E - price / earnings

Il P/E di una società quotata è un multiplo di mercato molto utilizzato nell'analisi finanziaria, e in particolare nell'analisi fondamentale per stimare, tramite metodo relativo dei multipli, il fair value di società quotate.

Tale multiplo è costituito dal rapporto tra il prezzo corrente (Price) di mercato una società quotata e l'utile netto per azione (Earnings).
In formule, il P/E è dato da:

Price earnings - prezzo utili

Il rapporto P/E esprime il numero di anni in cui la società ripagherebbe mediante gli utili realizzati l'investimento effettuato dall'investitore.
Le possibili casistiche sono:

• P/E elevato = indica possibile sopravvalutazione della società
• P/E basso = indica possibile sottovalutazione della società

Chiaramente non è sufficiente il solo P/E a capire se la società in esame sia sopravvalutata o sottovalutata. E' necessario che l'analista finanziario sfrutti a pieno tutti gli strumenti dell'analisi fondamentale e conduca un'analisi più approfondita del bilancio.

Il P/E secondo Peter Lynch

Peter Lynch è l'ex gestore dei fondi Magellan e Fidelity dal 1977 al 1990, famoso per avere avuto una performance media, durate questo periodo, del 29,2%.

In uno dei suoi libri, "One up on Wall Street" Peter scrive:

"The p/e ratio of any company that's fairly priced will equal its growth rate ... If the p/e of Coca-Cola is 15, you'd expect the company to be growing at about 15 percent a year, etc. But if the p/e ratio is less than the growth rate, you may have found yourself a bargain. A company, say, with a growth rate of 12 percent a year ... and a p/e ratio of 6 is a very attractive prospect. On the other hand, a company with a growth rate of 6 percent a year and a p/e ratio of 12 is an unattractive prospect and headed for a comedown."

"In general, a p/e ratio that's half the growth rate is very positive, and one that's twice the growth rate is very negative."

Peter lynch

in italiano:

"Il p/e di una azienda valutata correttamente, è pari al suo tasso di crescita...Se il p/e della Coca Cola è di 15, ci si dovrebbe aspettare un tasso di crescita della compagnia di almeno il 15% l'anno. Se scoviamo una azione con un p/e inferiore al suo tasso di crescita, probabilmente abbiamo scovato un affare. Una società con un tasso di crescita del 12% l'anno ed un p/e di 6 è attrattiva. Dall'altro lato, una società con un tasso di crescita del 6% annuo e un p/e di 12, non è attrattiva e potrebbe essere interessata da un ribasso.

In generale, un p/e che sia la metà del tasso di crescita è molto positivo e un p/e che è la metà del tasso di crescita è molto negativo".

A sintetizzare questo concetto, ci pensa il multiplo PEG, che paragona il p/e con il tasso di crescita atteso della società

Usare Il P/E per paragonare settori ed aziende

Al fine di capire se una azione (ma anche uno specifico settore) è sopra o sottovalutata rispetto ad un'altra, possiamo usare il p/e, appunto.

Se, per esempio, la compagnia A e la compagnia B hanno entrambe un prezzo, in borsa, di 50 euro, una delle due potrebbe essere piu' "cara" a seconda dei profitti e del tasso di crescita.

Se, per esempio, la azienda A quota 50 euro in borsa, e riporta utili per 10 euro ad azione, significa che sarà "piu' cara" rispetto alla azienda B, che in borsa quota sempre 50 euro per azione, ma ha riportato utili per 20 euro ad azione.

Per ogni azione comprata, infatti, l'investitore riceverà il doppio, in termini di ritorno da dividendo, comprando l'azione B, rispetto che la A.