E se fosse finita l'era dei soldi facili? | Investire.biz

E se fosse finita l'era dei soldi facili?

23 dic 2022 - 14:30

02 gen 2023 - 14:33

Per anni, gli investitori hanno beneficiato di tassi di interesse estremamente bassi, ma ora tutto questo sta per cambiare. Quali le conseguenze per le Borse?

L'era dei tassi di interesse bassi sta giungendo al termine. Per anni, gli investitori hanno beneficiato di un costo del denaro estremamente basso, ma ora tutto questo sta per cambiare. L'inflazione è finalmente arrivata, e questo cambierà radicalmente il modo in cui gli investitori operano. Dopo decenni di calo dei rendimenti obbligazionari, potremmo essere arrivati a un punto di svolta. Iniziano a comparire alcune crepe nel sistema finanziario.

 

 

Dieci anni di tassi di interesse bassi, quali le conseguenze?


Tutto ciò che l'accomodante politica monetaria degli ultimi dieci anni ha fatto è stato incoraggiare le persone a prendere rischi maggiori. Ma quando i tassi di interesse aumentano rapidamente, qualcosa nel sistema si rompe. È solo quando la musica si ferma che vediamo chi rimane senza sedia.

Per capire come siamo arrivati a questo punto, dobbiamo tornare indietro alla crisi finanziaria globale del 2008. La crisi è stata causata da un eccesso di leverage, ovvero da troppi prestiti, soprattutto nel mercato immobiliare statunitense. Come risultato, c'è stato bisogno di un'enorme liquidità per il sistema finanziario. Nelle settimane successive alla crisi finanziaria globale, le banche centrali sono state costrette ad agire. L'economia globale era debole e la ripresa era lenta, e le banche centrali non dovevano affrontare un'inflazione elevata, ma piuttosto un'inflazione estremamente bassa.

Per rispondere alla recessione, le banche centrali hanno tagliato i tassi di interesse e hanno acquistato grandi quantità di debito pubblico attraverso i loro programmi di quantitative easing. Questo è stato qualcosa di completamente nuovo: abbiamo visto le banche centrali acquistare enormi quantità di debito pubblico, con trilioni di dollari di titoli del Tesoro finiti nelle mani delle banche centrali invece che in quelle degli investitori tradizionali. Questo ha creato il paradigma di denaro a basso costo e la sensazione che ci fosse un "paracadute" della Federal Reserve a proteggere i mercati.

La Federal Reserve e le banche centrali di tutto il mondo sono riuscite a ottenere questo risultato perché non c'era inflazione.

I mercati finanziari, in particolare, si sono abituati a questo mondo in cui ogni volta che qualcosa va storto, una banca centrale arriva in soccorso. Da quel momento in poi, abbiamo avuto una politica monetaria accomodante, con i tassi di interesse che sono scesi fino a zero. Se si guarda indietro a qualche anno fa, la maggior parte dei mercati obbligazionari del mondo aveva rendimenti negativi, il che è davvero straordinario.

 

 

Con l’arrivo della pandemia è cambiato tutto


Questa situazione è durata fino all'arrivo della pandemia, quando le banche centrali e i governi hanno agito in modo deciso per sostenere l'economia.

Siamo in una situazione in cui l'inflazione è al 10%, e le banche centrali di tutto il mondo stanno lottando per evitare che l'inflazione diventi incontrollabile. In ogni economia importante, tranne in Cina e Giappone, le banche centrali stanno asciugando la liquidità dai mercati. La Federal Reserve sta riducendo il suo bilancio, la Banca d'Inghilterra e la BCE hanno iniziato una stretta quantitativa.

I mercati finanziari si sono abituati all'idea che i tassi di interesse sarebbero rimasti bassi per molto tempo, e non hanno preso in considerazione il fatto che avrebbero dovuto aumentare significativamente. Gli investitori sono così incerti che stanno trasferendo il loro denaro dai mercati al contante, il che contribuisce ulteriormente alla carenza di liquidità. Uno dei primi segnali di questa situazione è stato visto nel settore delle pensioni del Regno Unito, dove la Banca d'Inghilterra ha dovuto intervenire per controllare l'inflazione.

Inoltre, la situazione in Ucraina sta contribuendo all'aumento dei prezzi dell'energia, il che ha ulteriormente alimentato l'inflazione. Tutti vogliono tornare alla normalità, viaggiare di nuovo e mangiare fuori nei ristoranti, ma allo stesso tempo ci sono persone che hanno perso il lavoro.

In una situazione come questa, le banche centrali non hanno la stessa flessibilità per utilizzare la politica monetaria e iniettare liquidità come hanno fatto in passato. Siamo in un nuovo paradigma, in cui non si può più acquistare debito pubblico ogni volta che c'è una flessione dei mercati, perché si deve concentrare sulla missione principale, ovvero combattere l'inflazione.

 

 

Il problema dei fondi pensione


Uno dei problemi che stanno affrontando i fondi pensione in questo momento è il calo dei rendimenti dei bond, che hanno subito una diminuzione per anni. Per questo motivo, i fondi pensione cercano di aumentare i rendimenti acquistando asset più rischiosi e utilizzando i derivati per creare sinteticamente gli stessi effetti di un investimento a lungo termine nei bond, ma con l'ausilio di prestiti. Tuttavia, se i rendimenti dei bond aumentano, i fondi pensione per restituire quei soldi si trovano costretti a vendere rapidamente altri asset.

Il problema è stato evidente nel Regno Unito, dove il rapido aumento dei rendimenti dei bond ha costretto i fondi pensione a soddisfare le chiamate di collaterale, ovvero a raccogliere rapidamente nuovo denaro vendendo asset. Ciò ha portato a una spirale di vendite di bond governativi che ha minacciato la stabilità finanziaria nel Regno Unito. Per evitare una situazione simile a quella che ha portato alla crisi finanziaria del 2008, la Banca d'Inghilterra è intervenuta acquistando fino a 65 miliardi di sterline di bond a lungo termine.

La Banca d'Inghilterra ha dovuto agire come prestasoldi di ultima istanza per evitare il fallimento di alcuni fondi pensione del Regno Unito e preservare la stabilità finanziaria. Tuttavia, questa è stata una risposta tattica a breve termine, e non una mossa di politica monetaria. La Banca d'Inghilterra ha sottolineato che questa misura non è un allentamento ulteriore, ma solo un modo per garantire che il sistema possa reggere. I tassi di interesse più elevati e la politica fiscale sconsiderata in un contesto di inflazione rappresentano una combinazione pericolosa per la stabilità finanziaria. Inoltre, questa situazione mette a dura prova la capacità delle banche centrali di utilizzare la politica monetaria per iniettare liquidità nei mercati come hanno fatto in passato, poiché ora sono impegnate a combattere l'inflazione. Ciò significa che potrebbero esserci nuove sfide per la stabilità finanziaria in futuro.

 

 

Tassi ed inflazione: una minaccia per i mercati globali


L'aumento dei tassi di interesse e la volatilità del mercato obbligazionario rappresentano una minaccia per la stabilità finanziaria a livello globale. In particolare, c'è preoccupazione per il funzionamento del mercato delle obbligazioni statunitensi, il più grande del mondo, che è fondamentale per il sistema finanziario globale. La Federal Reserve, che sta alzando i tassi di interesse e riducendo il suo portafoglio di titoli del Tesoro, rischia di peggiorare questi problemi. Inoltre, c'è il rischio che il mercato delle obbligazioni statunitensi non riesca a funzionare adeguatamente, con conseguenze negative sui mercati del credito, delle azioni, dell'immobiliare e sui tassi ipotecari.

La Bank of America ha condotto ricerche su queste fragilità del mercato delle obbligazioni statunitensi e ha evidenziato il rischio di un default del debito statunitense, di problemi nell'emissione, negoziazione e copertura del debito delle società, delle municipalità e delle compagnie di assicurazione. Inoltre, in un contesto di recessione, rischio geopolitico e guerra in Europa, è probabile che ci sia una maggiore domanda di sicurezza che potrebbe sostenere il mercato delle obbligazioni statunitensi.

Tuttavia, i rendimenti dei bond non sono l'unico fattore da considerare quando si parla dell'impatto dell'aumento dell'inflazione sugli investitori. Inflazione significa che i prezzi di molti beni e servizi aumentano, il che può ridurre il potere d'acquisto del denaro. Ciò può influire sulla performance delle azioni e degli altri investimenti, poiché le aziende potrebbero subire un calo delle entrate e dei profitti a causa dell'aumento dei costi. Inoltre, l'aumento dei tassi di interesse può rendere più costoso per le aziende e le famiglie indebitarsi, il che potrebbe avere un impatto negativo sulla crescita economica.

Gli investitori devono quindi valutare attentamente come gli aumenti dei tassi di interesse e dell'inflazione potrebbero influire sulla performance dei loro investimenti, in vista di un possibile ulteriore calo delle Borse nel 2023.

 

 

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.