Petrolio: per l’OPEC nel 2022 domanda supererà livelli pre-Covid | Investire.biz
Kimura Trading

Petrolio: per l’OPEC nel 2022 domanda supererà livelli pre-Covid

Prezzi del petrolio sui massimi di agosto. Per l’OPEC la domanda della materia prima supererà i livelli pre-pandemia. Ecco i dettagli

Il petrolio ha chiuso sopra i 70 dollari al barile per la prima volta in quasi sei settimane mentre un'altra forte tempesta si dirige nel Golfo del Messico, mentre i produttori sono ancora in preda all'uragano Ida. Intanto la tempesta tropicale Nicholas, che potrebbe raggiungere la forza di un uragano, dovrebbe portare piogge torrenziali a Houston, così come in parti della Louisiana che si stanno ancora riprendendo dall'uragano Ida due settimane fa.

Circa il 44% dell'offerta di petrolio nel Golfo è in calo e il volume della produzione potrebbe ricominciare a crescere. Shell ha già iniziato a rimuovere parte del personale da una delle sue piattaforme per prepararsi alla tempesta. Anche le raffinerie e i terminal del Texas potrebbero vedere alcune riduzioni.

Con i prezzi del greggio in costante aumento questo mese, le principali banche d’affari di Wall Street stanno monitorando la materia prima energetica. Goldman Sachs ha affermato che il petrolio probabilmente guiderà un rialzo delle materie prime nel prossimo trimestre a causa della forte domanda e della "crescente scarsità" dell'offerta. Bank of America ha affermato che un inverno più freddo del previsto potrebbe spingere i prezzi verso i 100 dollari all'inizio del prossimo anno.

 

OPEC: nel 2022 domanda petrolio supererà livelli pre-pandemia

Nel frattempo, secondo le stime dell’OPEC, la domanda mondiale di greggio supererà i livelli pre-pandemia il prossimo anno, con il miglioramento dei tassi di vaccinazione e l'aumento della fiducia sulla gestione dell’emergenza sanitaria da parte dei Governi di tutto il mondo.

Nel dettaglio il Cartello ha aumentato le sue previsioni sulla domanda globale di petrolio per il 2022 di poco meno di un milione di barili al giorno a 100,8 milioni, un livello superiore a quello visto nel 2019, pari a 100,3 milioni di barili.

Per quanto riguarda il quarto trimestre 2021, l’OPEC ha previsto una domanda di greggio in media intorno ai 99,70 milioni di barili al giorno nel quarto trimestre del 2021, 110mila barili in meno rispetto alle stime precedenti.

"Il maggior rischio di casi di Covid-19, alimentato principalmente dalla variante Delta, sta offuscando le prospettive per la domanda di greggio in vista dell'ultimo trimestre dell'anno. Di conseguenza, la domanda di greggio per la seconda metà del 2021 è stata rivista leggermente al ribasso, rinviando parzialmente la ripresa della domanda di greggio alla prima metà del 2022", si legge nel rapporto OPEC.

Sul lato dell'offerta, le previsioni di crescita dell'output sono rimaste invariate per il prossimo anno e sono diminuite di 200 mila barili al giorno per il 2021. Tutte le regioni geografiche del mondo contribuiranno al rimbalzo della domanda di petrolio, ma il consumo di greggio nei Paesi ricchi dell'OCSE dovrebbe rimanere al di sotto dei livelli pre-pandemia. L’OPEC ha raddoppiato le sue previsioni di ripresa della domanda nei Paesi in via di sviluppo rispetto a quelle dei Paesi OCSE.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti