Materie prime: Bloomberg Commodity Index supera i top del 2011 | Investire.biz

Materie prime: Bloomberg Commodity Index supera i top del 2011

05 ott 2021 - 09:00

Il Bloomberg Commodity Spot Index ha superato il record registrato nel 2011. L'indice è aumentato di oltre il 90% dal minimo registrato a marzo 2020. Cosa aspettarsi ora?

Il Bloomberg Commodity Spot Index, indice che tiene traccia di 23 contratti future su energia, metalli e prodotti agricoli, è aumentato dell'1,1% ieri, superando il record registrato nel 2011. L'indice è aumentato di oltre il 90% da quando ha raggiunto il minimo da quattro anni nel marzo 2020.

 

Materie prime: carenze e domanda spingono petrolio e gas naturale

Tra i maggiori guadagni ci sono le materie prime energetiche come il gas naturale, che è aumentato a causa delle carenze sia in Europa che in Cina, che minacciano di diffondersi in altre parti del mondo. Il petrolio è balzato al massimo in quasi sette anni dopo che l'OPEC+ ha deciso di mantenere un graduale aumento dell'offerta anche se la crisi del gas è destinata a stimolare la domanda di greggio per generare energia.

Nel frattempo, la riapertura delle principali economie ha scatenato la domanda repressa di carburante per il trasporto e di tutti i prodotti utilizzati nella produzione. Ciò sta accadendo in un momento in cui i nuovi sviluppi minerari e petroliferi sono in stallo, la Cina sta ricostituendo le scorte di colture e il maltempo sta danneggiando i principali esportatori di prodotti agricoli.

L'alluminio e il rame sono aumentati a causa delle scarse forniture globali e la siccità in Brasile ha fatto aumentare il costo del caffè e dello zucchero. I futures del cotone la scorsa settimana sono saliti al livello più alto degli ultimi 10 anni a causa del maltempo e dei colli di bottiglia nelle spedizioni, facendo aumentare i costi per l'abbigliamento in tutto il mondo.

 

Il rally delle materie prime durerà ancora a lungo?

I persistenti disavanzi fiscali e i bassi tassi di interesse hanno anche reso le materie prime più attraenti per gli investitori che cercano una copertura contro l'inflazione. Gli shock dei prezzi hanno già messo a confronto il mix di stagnazione economica e inflazione trainata dal petrolio che ha dominato gli anni '70, soprannominato stagflazione.

L'afflusso di fondi nelle commodity ha contribuito ad alimentare, paradossalmente, proprio ciò da cui gli investitori cercano protezione. Il rally delle materie prime di quest'anno ha fatto salire il costo di tutto, dalla benzina alle nuove costruzioni, alla carne e alle automobili.

Ciò ha contribuito a spostare il dibattito sull'inflazione al centro della scena e ha portato i banchieri centrali a considerare di ridurre le massicce iniezioni di liquidità nell'economia. Alcune banche, tra cui JPMorgan Chase & Co., pensano che le materie prime stiano entrando in un superciclo al rialzo.

Ma come con qualsiasi boom delle materie prime, i rialzi dei prezzi stanno quasi certamente seminando i semi della loro eventuale fine, incoraggiando gli investimenti in nuova offerta. Il balzo dei prezzi è già svanito per alcune materie prime dopo che le preoccupazioni sull'offerta si sono rivelate eccessive.

La farina di soia e il legname, che sono aumentati all'inizio del 2021, hanno cancellato i guadagni dell'anno. L'oro è sceso mentre le banche centrali segnalano che ridurranno lo stimolo e il dollaro USA si rafforza, riducendo l’interesse per il metallo giallo.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti