ETF più attivi ed ESG: positivo o negativo per gli investitori? | Investire.biz
Kimura Trading

ETF più attivi ed ESG: positivo o negativo per gli investitori?

Il trend è ormai consolidato e anche il mondo degli ETF è sempre più orientato alla gestione attiva e all'etichetta ESG.Un bene o un male per l'investitore?

Nel mondo del risparmio gestito continuano ad essere emessi ETF completamente nuovi ESG e a gestione attiva. Secondo Bloomberg, nel 2020 e nei primi sei mesi del 2021, negli Stati Uniti sono stati lanciati 57 ETF che soddisfano i criteri ESG.

Un bel numero considerando che nei due anni precedenti erano stati solo 40. Anche Janus Henderson è entrato recentemente in questo mondo con il lancio di 5 strumenti gestiti attivamente. Azionario americano, internazionale, risorse naturali e due ETF sul reddito fisso permettono all'emittente di posizionarsi in un’arena piuttosto affollata.

 

ETF ESG: costi elevati per gli investitori

Sfruttando la sigla ESG sugli ETF, gli investitori pensano di acquistare strumenti a replica passiva a buon mercato. Peccato che gli stessi sono gestiti attivamente con la cosiddetta high conviction (ovvero 30-60 azioni) e costi compresi tra 0,35% e 0,60% all’anno. Ovviamente tutto un altro mondo rispetto a strumenti passivi con costi inferiori a 0,10%.

Il fenomeno degli ETF gestiti attivamente è in forte crescita in America ed evidenzia l’incapacità della maggior parte degli investitori di investire nel lungo periodo con strumenti privi di discrezionalità. Il fascino dell’attivo è pronto ad attrarre capitali. Le emissioni ESG stanno combinando in pieno la richiesta di fondi “sostenibili” a quella di fondi a gestione attiva ma incapsulati dentro una struttura di ETF.

I nuovi ETF ESG emessi in America nel 2020-2021 sono gestiti attivamente nel 40% dei casi. Una bella crescita rispetto all'8% di due anni prima. L’ETF di Hartford costa anch’esso parecchio (0,39%) se confrontato con ETF tradizionali su indici americani, ma avrà meno della metà della carbon footprint del suo benchmark, l’indice Russell 100.

 

ETF a gestione attiva: un fenomeno tutt'altro che estinto

Chi pensava che la gestione attiva fosse destinata all’estinzione si è sbagliato. Negli Stati Uniti, i due terzi degli asset degli advisor intervistati da PGIM Investments continua ad andare su fondi a gestione attiva operativi, soprattutto sui mercati azionari internazionali ed emergenti oltre che dei bond high yield e emergenti. Comparti dove teoricamente i gestori dovrebbero trarre vantaggio dalle inefficienze.

Settori dove però il report SPIVA individua sottoperformance rispetto al benchmark nell’ordine del 80% dei fondi a distanza di 10 anni. Il trend di graduale riduzione dei costi sembra incoraggiare un ritorno verso lo stile attivo. Sarà la decade della rivincita per i gestori?

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti