FTX: chi sono gli investitori che hanno perso soldi | Investire.biz

FTX: chi sono gli investitori che hanno perso soldi

19 nov 2022 - 09:00

Il default di FTX ha comportato grosse perdite per i soggetti che hanno investito nell'azienda. Vediamo chi sono gli investitori e quanto hanno perso con il crollo

La presentazione dell'istanza di fallimento di FTX, che ha fatto ricorso al Chapter 11 della legge fallimentare statunitense, ha significato che tutte le persone fisiche e giuridiche che hanno investito nell'exchange hanno perso i soldi investiti. Il primo a perdere è stato proprio il suo capo, Sam Bankman-Fried. Fino a qualche mese fa era considerato il cavaliere bianco di un mondo crittografico che stava andando a rotoli, dopo i default del prestatore Celsius, dell'exchange Digital Voyager e dell'hedge fund Three Arrows Capital.
 
Il 30enne miliardario aveva fornito un finanziamento di emergenza di 250 milioni di dollari al prestatore Block, tirandolo fuori dalla bancarotta. E lo stesso Digital Voyager ha ricevuto una linea di credito di 460 milioni di dollari. Nessuno avrebbe mai immaginato che il prestatore di ultima istanza delle criptovalute, come lo avevano definito nell'ambiente, avrebbe avuto bisogno di essere salvato dopo un buco da 8 miliardi di dollari. Da questo disastro generale è emerso che il patrimonio di Bankman-Fried si è quasi completamente prosciugato, passando da 26,5 miliardi di dollari a meno di 1 miliardo nel giro di pochi giorni. 


FTX: chi ha perso e quanto


Appurato che il numero uno di FTX è quello che ovviamente ha perso più di tutti dall'implosione dell'azienda, diamo uno sguardo a chi sono gli altri principali investitori che hanno visto andare in fumo i loro soldi, secondo una tabella fornita da Forbes.


Sequoia Capital

La società di venture capital californiana aveva una partecipazione in FTX dell'1,1% del valore di 200 milioni di dollari, considerando l'importo investito. La quota a gennaio 2022 è cresciuta fino a 350 milioni di dollari, prima della debacle. Nella lettera agli investitori, Sequoia ha dichiarato che la partecipazione rappresentava meno del 3% del capitale impegnato e che la perdita di 150 milioni di dollari è compensata da circa 7,5 miliardi di dollari tra profitti realizzati e non realizzati.
 

Temasek

La società d'investimento del Governo di Singapore è il secondo investitore esterno di FTX con 7 milioni di azioni, che rappresentano l'1% del capitale. L'importo investito è stato di 205 milioni di dollari, che a gennaio di quest'anno sono diventati 320 milioni. Tuttavia, l'azienda ha un portafoglio di assets di 297 miliardi di dollari, distribuito in grandi partecipazioni come il gruppo DBS di Singapore e la compagnia aerea Singapore Airlines.
 

Paradigm

Anche la società d'investimento basata sulle cripto e il Web3 disponeva di una partecipazione dell'1%, con un investimento di 215 milioni di dollari. Durante il picco di valutazione di FTX a inizio anno, la quota era cresciuta a 315 milioni di dollari. In base a quanto riferito da The Information, vi è stato un investimento di almeno 20 milioni di dollari da parte di Alameda Research in Paradigm.
 

Fondo pensione degli insegnanti dell'Ontario

Il piano pensionistico canadese ha investito 80 milioni di dollari, pari a una quota dello 0,4% del capitale di FTX. La cifra era cresciuta a 125 milioni di dollari durante il picco di gennaio. Il fondo ha dichiarato che l'impatto di qualsiasi perdita finanziaria sarà limitato, dal momento che l'investimento rappresenta meno dello 0,05% del patrimonio complessivo.
 

Altri

Secondo Forbes, vi sarebbero altri investitori che hanno partecipato ai vari round di finanziamento e che cumulativamente possedevano circa il 3,5% di FTX. Tra questi vi sono i miliardari Paul Tudor Jones, Daniel Loeb e Israel Englander, oltre alle società finanziarie Tiger Global Management e SoftBank.
 
Inoltre, sarebbero presenti anche due personaggi famosi, come Tom Brady e la modella Gisele Bundchen, che hanno firmato contratti di sponsorizzazione con FTX e a giugno 2021 possedevano rispettivamente una quota dello 0,15% e dello 0,09%. Oggi, in base alle stime di Forbes, la loro proprietà sarebbe dello 0,14% per Brady, con un valore di 45 milioni di dollari, e dello 0,08% per Bundchen, con un valore di 25 milioni di dollari. Questo ovviamente prima del tracollo di FTX.
 
Infine vi sono i dipendenti, che con le opzioni controllavano circa il 3% di FTX. A gennaio la quota complessiva valeva 950 milioni di dollari. Tutti quei soldi ora non ci sono più.
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti