EUR/USD, è ora di prendere fiato | Investire.biz

EUR/USD, è ora di prendere fiato

25 gen 2023 - 12:00

L'impressionante corsa rialzista dell'EUR/USD incrocia resistenze degne di nota. Una pausa sarebbe fondamentale per ritrovare più avanti lo slancio giusto

L’analista tecnico non aspetta di meglio. Un grafico dove una serie di nuove resistenze e vecchi supporti trasformati in resistenze vengono sollecitati nello stesso momento dal mercato. Questa è la situazione dell'EUR/USD, arrivato con uno slancio impressionante all’appuntamento.

Tra poco parleremo dell’analisi grafica dell'EUR/USD, ma prima è doveroso fare il punto della situazione su quello che si aspetta il mercato relativamente ai tassi di interesse, molto spesso la causa di tanti movimenti valutari di rilievo nel mondo.

 

 

EUR/USD: a che punto sono le banche centrali

La FED continua a rimanere "hawkish" sui tassi di interesse. Nonostante la diminuzione del tasso di crescita dei prezzi al consumo e alla produzione, ed a dispetto di qualche segnale di evidente rallentamento economico (vedi indici ISM), la banca centrale, a parte la concessione di rallentare il passo della salita del costo del denaro, nel 2023 non ha nessuna intenzione di abbassare i tassi. La recessione o comunque un raffreddamento dei consumi è essenziale per rallentare la galoppata dell’inflazione. I dati del mercato immobiliare confermano questi effetti negativi con una nuova diminuzione nella vendita di case esistenti a novembre.

Powell e i diversi esponenti della FED lo hanno continuato a ripetere nelle ultime settimane; eppure, il mercato non ci crede. Febbraio e marzo secondo gli analisti potrebbero essere gli ultimi due mesi di aumento di 25 punti base nel costo del denaro prima di una lunga fase di decantazione necessaria per comprendere gli effetti della politica monetaria restrittiva.

Dall’altra parte dell’Oceano nonostante qualche rumors che vorrebbe una BCE più timida sui tassi, la Lagarde ha ribadito che la lotta all’inflazione è centrale e che Francoforte non indugerà nel mettere in campo tutte le armi monetarie utile per raffreddare l’inflazione.

In Eurolandia 50 punti base di aumento sono attesi il 2 febbraio mentre più incertezza sull’entità c’è per il 16 marzo. Il mercato stima comunque un picco non oltre il 3,5% nella politica monetaria della BCE.

 

 

EUR/USD: l'analisi del grafico

Veniamo adesso al grafico dell'EUR/USD. Il primo aspetto rilevante è la convergenza di resistenze che troviamo in area 1,09. Qui passa la vecchia neck line del testa e spalla ribassista che unisce i minimi del 2016 e del 2020. Qui troviamo anche la parete superiore delle bande di Ichimoku su scala settimanale.

 

 

Dopo un rialzo superiore al 10% dai minimi di settembre, il cambio potrebbe (e dovrebbe) prendere un po' di fiato per ricaricare le pile in vista di un nuovo assalto alle resistenze. Considerando che i primi due mesi dell’anno sono teoricamente favorevoli al dollaro sarebbe alquanto grave per il biglietto verde sfondare già ora al rialzo la barriera di 1,10. Un sintomo di una debolezza strutturale che non preluderebbe a nulla di buono per la divisa americana.

 

 

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.