Titoli di Stato USA: curva dei rendimenti piatta, cosa significa? | Investire.biz

Titoli di Stato USA: curva dei rendimenti piatta, cosa significa?

23 mar 2022 - 07:15

La curva dei rendimenti dei T-Note americani si è appiattita negli ultimi tempi, segnale eloquente che i mercati sono preoccupati per l'economia. Ecco quali sono i motivi

La curva dei rendimenti dei titoli di Stato statunitensi sta lanciando segnali preoccupanti al mercato. Infatti, i rendimenti dei Treasury Bond a 10 anni si stanno avvicinando pericolosamente a quelli a 2 anni, comportando un appiattimento della curva. Questo significa che gli investitori sentono maggiormente il rischio a breve termine vendendo titoli a scadenze più immediate e questa non è una buona cosa per il mercato.
 
Lo scenario peggiore però si verificherebbe nel caso i rendimenti dei buoni del Tesoro a scadenze più brevi dovessero addirittura superare quelli dei T-Note a più lungo termine, determinando quella che viene definita un'inversione della curva.
 
Una circostanza di questo tipo in passato ha sempre predetto una recessione, che poi è arrivata puntualmente. La spiegazione è dettata dal fatto che il mercato si aspetta che nel lungo periodo i tassi saranno più bassi, perché la Federal Reserve sarà costretta ad abbassarli per rilanciare un'economia che regredisce. 
 
 

Titoli di Stato USA: perché la curva si appiattisce

In questo momento l'agitazione del mercato che si riflette sulla curva dei tassi scaturisce soprattutto dalle ultime dichiarazioni di Jerome Powell. Il Governatore ha annunciato che la Fed potrebbe anche piazzare strette sul costo denaro di mezzo punto percentuale alla volta per cercare di arginare la cavalcata dell'inflazione, che negli USA ormai ha raggiunto il 7,9%.
 
Nell'ultima riunione del 15-16 marzo, la Banca Centrale statunitense ha aumentato il tasso ufficiale di sconto di 25 punti base e ha prefigurato altri 6 incrementi entro la fine del 2022. Tuttavia, nell'occasione non si è mostrata particolarmente aggressiva nella sua politica monetaria, dal momento che ha ribadito come sarebbe stata vigile sull'impatto che ogni mossa avrebbe avuto sull'economia. Adesso Powell è tornato ad assumere un tono aspro, che forse ha innervosito gli investitori nel mercato monetario. 
 

Titoli di Stato USA: il timore della Fed

Alcuni analisti tuttavia affermano che non ci sono ragioni per preoccuparsi troppo della curva dei rendimenti, soprattutto perché questa non sta dicendo molto rispetto a quanto riferito dai funzionari della Federal Reserve. Quest'ultima potrebbe aver bisogno di aumentare in via temporanea i tassi al di sopra del livello considerato di stabilità di lungo termine, ma ciò non significa necessariamente che ci debba essere una recessione.
 
Guneet Dhingra, responsabile della strategia dei tassi di interesse statunitensi presso Morgan Stanley, sostiene ad esempio che l'inversione della curva di rendimento sta per arrivare, ma stavolta non sarà la solita rovina che molti immaginano.
 
Altri invece sostengono che la Fed potrebbe involontariamente causare una recessione aumentando i tassi più del necessario, o di proposito decidendo per un "male necessario", proprio per evitare una crisi inflazionistica in stile anni '70.
 
È indubbio che l'istituto guidato da Jerome Powell stia cercando di raffreddare l'economia, ma il punto è fin dove può farlo realmente senza destabilizzare la crescita e l'occupazione, dopo averle sollevate dalla crisi pandemica. Al riguardo, alcuni temono che la Fed possa sentirsi frustrata per il fatto che i tassi a lungo non aumentino tanto quanto dovrebbero, perché sono quelli che tendono a esercitare una maggiore influenza sull'economia.
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy

© 2022 Investire.biz, all rights reserved.