Petrolio: in arrivo primo calo trimestrale in 2 anni, ecco il motivo | Investire.biz

Petrolio: in arrivo primo calo trimestrale in 2 anni, ecco il motivo

27 set 2022 - 07:00

A causa di diversi fattori macroeconomici, il greggio si accinge a chiudere il peggior trimestre da oltre 2 anni. C'è da aspettarsi una reazione dell'OPEC? Scopriamolo

Il petrolio scivola ancora in questo inizio settimana, sull'incertezza del quadro economico generale che farà diminuire i consumi della materia prima. Il WTI è arrivato sotto i 78 dollari al barile, mentre il Brent staziona sotto gli 84 dollari. La soglia psicologica di 80 dollari è considerata molto importante, perché oggi rappresenta la quotazione per cui i produttori di energia riescono a trivellare in maniera efficiente senza per questo incidere troppo sull'inflazione e impattare negativamente sull'economia.
 
In precedenza era il livello di 60 dollari quello chiave, ma con le nuove condizioni del mercato determinate dalla crisi energetica e dal contesto geopolitico, l'asticella si è alzata. Se nelle prossime sedute i prezzi del greggio dovessero confermarsi agli attuali livelli, il mese di settembre chiuderebbe il primo trimestre in calo da oltre due anni
 
 

Petrolio: l'OPEC interverrà ancora per arginare le vendite?

Le vendite sul petrolio stanno riflettendo la politica monetaria della Federal Reserve, che ha ripetutamente alzato i tassi d'interesse e si prepara a stringere ulteriormente nei prossimi mesi. Nell'ultima riunione del 20/21 settembre i tassi sono stati elevati dello 0,75%, segnando il terzo aumento consecutivo di questa portata.
 
La cosa più preoccupante è che il Governatore Jerome Powell ha detto in conferenza stampa che non c'è altro modo per abbattere l'inflazione, che negli Stati Uniti al momento si colloca all'8,3%. Questo probabilmente porterà a una recessione economica che genera un calo della domanda di greggio.
 
Inoltre, le strette sul costo del denaro hanno rafforzato il dollaro USA, il che rende l'acquisto della materia prima più oneroso per gli operatori, essendo questa quotata in dollari. Di conseguenza, la richiesta tende a ridursi. Non è escluso, quindi, che in seguito potremo vedere ancora un abbassamento dei prezzi, magari fino a 60 dollari, considerato sempre un prezzo di equilibrio.
 
Tutto ciò però potrebbe innescare la reazione dell' OPEC+, che nell'ultima riunione ufficiale di inizio settembre ha deciso per un lieve incremento dell'output e che dalla prossima potrebbe forzare la mano sia con interventi verbali che con atti concreti. L'Organizzazione dei Paesi esportatori di oro nero aveva già avvertito di monitorare il mercato con attenzione e il sell-off di quest'ultima settimana potrebbe spingerla all'azione.
 
Secondo Gary Ross, Amministratore Delegato di Black Gold Investors LLC, "i rialzi del dollaro stanno demolendo le materie prime, con l'equilibrio tra domanda e offerta di petrolio che ha recuperato terreno, mentre si sta entrando nel quarto trimestre accumulando scorte". In una nota, Australia & New Zealand Banking Group ha scritto che "il mercato in questo momento sta scontando l'impatto tipico di una profonda recessione e le vendite sul greggio potrebbero dar luogo a un nuovo intervento da parte dell'OPEC".
 
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy

© 2022 Investire.biz, all rights reserved.