Oro: cosa è successo nel 2022 e cosa attendersi per il 2023 | Investire.biz

Oro: cosa è successo nel 2022 e cosa attendersi per il 2023

18 dic 2022 - 09:00

Dopo un 2022 a due velocità, vediamo le attese degli operatori sull'andamento del prezzo dell'oro nel 2023

 

L'oro è il bene rifugio per antonomasia, che funziona molte bene come copertura dall'inflazione, in quanto mantiene inalterato il suo valore intrinseco, e nei momenti di grande incertezza nei mercati, essendo un asset detenuto come riserva da tutte le Banche centrali del mondo. Quest'anno però, il metallo giallo non ha svolto a pieno il suo ruolo di porto sicuro a causa di condizioni di mercato anomale che hanno spinto gli investitori a preferirgli altre attività. 
 

 
Oro: le dinamiche del 2022


Quando è scoppiata la guerra Russia-Ucraina, gli operatori di mercato hanno immediatamente incrementato gli acquisti di oro, poiché la volatilità è esplosa e la crisi energetica che è derivata dal conflitto hanno aggravato una situazione inflazionistica già in tendenza ascendente. A marzo, la materia prima ha agguantato il record storico di 2.078 dollari l'oncia. 
 
Lo stato di grazia però non è durato molto. Questo perchè l'oro non è un asset redditizio, nel senso che non produce interessi o dividendi. In un contesto di alta inflazione, le Banche centrali, con la Federal Reserve in prima file, hanno alzato i tassi d'interesse spingendo gli operatori verso altri beni rifugio, come i titoli di Stato USA e il dollaro. 

Contestualmente, la forza della moneta americana ha giocato contro le quotazioni del metallo giallo perché, essendo quest'ultimo quotato in dollari, l'acquisto da parte degli investitori non statunitensi è diventato più caro. Questo ha contribuito al calo della domanda e dei prezzi, scesi a settembre ad un minimo di 1.672 dollari l'oncia. 
 
In un contesto di mercato profondamente differente, qualcuno ha cominciato addirittura a mettere in dubbio la valenza dell'oro come bene rifugio. Tuttavia, negli ultimi mesi l'oro è risalito fino a oltre 1.800 dollari in scia della convinzione che a breve possa arrivare una recessione globale.
 


Oro: le aspettative per il 2023


Secondo alcuni analisti, il 2023 potrebbe essere l'anno dell'oro. Se alcuni commentatori si aspettano nuovi massimi storici, altri, come UBS, prevedono rialzi più contenuti verso i 1.900 dollari l'oncia. 
 
I fattori che potrebbero spingere il metallo sono diversi. In primo luogo troviamo una minore aggressività delle Banche centrali. Questo implicherebbe una riduzione del costo opportunità di detenere oro dal punto di vista della redditività. In secondo luogo, il dollaro potrebbe aver esaurito la benzina, il che significa che il prezzo della materia prima ha parecchie chances di salire alla luce della correlazione inversa tra i due asset.
 

 

Non solo fattori rialzisti


Ci sono però degli aspetti che potrebbero intralciare la view rialzista. La Cina, insieme all'India, è il più grande acquirente di oro al mondo. Non sappiamo se l'economia del Dragone verrà rinvigorita dalle riaperture promesse dalle autorità di Pechino, oppure se le restrizioni continueranno a zavorrare la crescita. Nel primo caso, ovviamente la domanda del bene aumenterebbe e le quotazioni probabilmente seguirebbero la stessa tendenza. Nel secondo, il rischio è che la richiesta risulti contratta e i prezzi stentino a decollare. 
 
Un'altro pericolo è rappresentato dalla possibilità di una recessione combinata con l'inflazione, la c.d. stagflazione. In tale circostanza, bisognerà vedere se a prevalere sarà più il ruolo di bene rifugio o la crescita generalizzata dei rendimenti, come accaduto per gran parte del 2022.

 

 

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.