Sam Bankman-Fried: chi è il miliardario più ricco del settore cripto | Investire.biz

Sam Bankman-Fried: chi è il miliardario più ricco del settore cripto

20 set 2022 - 12:30

30 nov 2022 - 20:07

Samuel Bankman-Fried è stato più volte protagonista in situazioni critiche per le società del comparto criptovalutario, offrendo di salvarle. Ecco chi è il CEO di FTX

La crisi delle criptovalute nel 2022 ha comportato grandi difficoltà per le aziende del settore spingendo alcune aziende a chiedere la protezione del Chapter 11 della legge fallimentare statunitense. Tra queste si ricordano il prestatore crittografico Celsius, l'exchange Voyager Digital e il fondo d'investimento di valute digitali Three Arrows Capital. Altre si sono trovate in grande difficoltà, come ad esempio un altro grande prestatore crittografico, BlockFi.

In questi e in altri casi ha recitato un ruolo importante Samuel Bankman-Fried, fondatore e CEO dell'exchange FTX, che si è offerto di andare in soccorso dal punto di vista finanziario di tali aziende in modo da evitare che tutto il settore potesse naufragare. Questo gli è valso la nomina di prestatore di ultima istanza del mondo crittografico, affibbiatagli dagli esperti del settore. Vediamo allora di conoscere la storia e le caratteristiche di questo imprenditore poco più che 30enne salito alla ribalta negli ultimi anni.

 

 

Sam Bankman-Fried: biografia

Sam Bankman-Fried nasce il 6 marzo 1992 a Stanford, negli Stati Uniti, da Joseph Bankman e Barbara Fried, docenti della Stanford Law School. Alle scuole superiori frequenta il Canada/USA Mathcamp, un programma estivo per studenti dotati di particolare talento matematico. A 18 anni si iscrive alla facoltà di Fisica al Massachussets Institute of Technology, dove si laurea nel 2014 a soli 22 anni. Durante gli studi universitari, nel 2013, viene assunto come stagista presso la Jane Street Capital, società specializzata nel trading di ETF, e dopo la laurea viene inserito nell’azienda a tempo pieno.

Nel 2017 lascia Jane Street per trasferirsi a Berkeley, California, dove lavora come direttore dello sviluppo per il Centre for Effective Altruism. A novembre dello stesso anno fonda Alameda Research, società di trading quantitativo, con circa un milione di dollari presi dai suoi risparmi e con il denaro prestato da parenti e amici.

In quel periodo si mette in luce per alcune operazioni di arbitraggio su Bitcoin, approfittando della differenza di prezzo tra il Giappone e l'America. Il movimento di denaro in quei giorni arriva fino a 25 milioni di dollari al giorno. Bankman-Fried si rende subito conto che il mercato non è efficiente e quindi che può comprare Bitcoin negli Stati Uniti e venderli in Giappone a un prezzo maggiorato del 30%.

Nel 2018 si trasferisce a Hong Kong e l'anno successivo fonda l'exchange crittografico FTX, con una parte di profitti presi da Alameda e con il denaro raccolto presso alcune piccole società di venture capital. L'inizio non è dei più facili, ma poi l'exchange trova un segmento di mercato rappresentato dagli investitori più sofisticati, offrendo loro prodotti derivati come opzioni su Bitcoin e futures su Ethereum. La sede di Hong Kong è ideale, perché in USA Bankman-Fried è privo delle licenze necessarie per operare nel mercato altamente regolamentato dei derivati.

FTX incassa tra lo 0,005% e lo 0,07% di commissione per ogni operazione, in un contesto di volumi in crescita. L'azienda arriva a una media di scambi giornalieri di 11,5 miliardi di dollari e a circa due milioni di utenti nel 2022, il che la rende il quarto exchange di derivati al mondo dopo Binance, OKEx e Bybit. Lo scorso anno Forbes inserisce Sam Bankman-Fried nella lista Under 30 Finance dei miliardari sotto i trent'anni. Mentre quest'anno è stato classificato al 60esimo posto nella lista dei miliardari di Forbes, con un patrimonio netto di 24 miliardi di dollari. 

 

 

Sam Bankman-Fried: un prestatore di ultima istanza

Quando è scoppiato il terremoto sulle criptovalute, con l'implosione della stablecoin TerraUSD e del token collegato LUNA, molte aziende hanno rischiato la bancarotta e Sam Bankman-Fried si è prodigato per fornire un salvagente. L'insolvenza dell'investitore Three Arrows Capital ha messo in grande difficoltà il prestatore di valute BlockFi e il broker Voyager Digital.

Entrambi si sono rivolti al giovane miliardario, che ha fornito una linea di credito revolving di 250 milioni di dollari a BlockFi risollevandola dal pantano e un prestito di 485 milioni di dollari (distribuito in 200 milioni in contanti e nella stablecoin USDC; 285 milioni in 15.000 Bitcoin) a Voyager Digital. Tuttavia, in quest'ultimo caso il sostegno non è stato sufficiente a evitare il ricorso al capitolo 11 della legge fallimentare USA, che prevede la protezione dalla liquidazione del patrimonio e la ristrutturazione dell'azienda. Sam Bankman-Fried ha lanciato un avvertimento inquietante, quando ha dichiarato che alcune piattaforme di criptovalute sono silenziosamente insolventi.



Sam Bankman-Fried: patrimonio e investimenti

Il patrimonio di Bankman-Fried, stimato in circa 24 miliardi di dollari, è quasi tutto impiegato nella sua attività, ovvero poco più del 50% nella quota di partecipazione di FTX e circa 11 miliardi di dollari in token FTT di FTX, utilizzati per fare pagamenti o applicare sconti. Inoltre, il ricco stanfordiano possiede qualche miliardo di dollari in quote di altre criptovalute che ha finanziato. Per il resto, niente contanti o portafogli d'investimento bilanciati tra azioni e obbligazioni. Questo aspetto lo distingue in maniera particolare dagli altri componenti della classifica dei 50 americani più ricchi. 

 

 

Sam Bankman-Fried: filantropia e politica

L'imprenditore 30enne si è contraddistinto per aver appoggiato alcune cause come la riduzione della povertà nel mondo e la sicurezza dell'intelligenza artificiale. Per questo ha effettuato donazioni per oltre 25 milioni di dollari. Tra l'altro, ha sostenuto l'impegno di donare l'1% delle commissioni nette di FTX ad associazioni benefiche. Un tema discusso è quello dell'emissione di carbonio derivante dalle criptovalute, con le quali Bankman-Fried ha fatto i soldi.

L'enfant prodige ha affermato che le preoccupazioni sono legittime ma che le cripto non sono un'anomalia, visto che generano emissioni di 2 o 3 volte quelle di un'azienda media e non di 20 o 30 volte. Inoltre, ha precisato che FTX acquista i crediti di carbonio per compensare i consumi e investe in tecnologie che consentono la cattura e lo stoccaggio di CO2. Dal punto di vista politico, Bankman-Fried ha effettuato alcune donazioni, come quella di 5,2 milioni di dollari per la campagna elettorale di Joe Biden durante le elezioni presidenziali del 2020.

 

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy

© 2022 Investire.biz, all rights reserved.