Kimura Trading

Warren Buffett: chi è l'oracolo di Omaha re del value investing

Nato ad Omaha in Nebraska, il 30 agosto 1930, Warren Edward Buffett è un imprenditore, economista e filantropo statunitense. E' considerato il più grande value investor di tutti i tempi. Buffett è soprannominato "l'oracolo di Omaha" oppure "il mago di Omaha", per la sua sorprendente abilità negli investimenti finanziari. Nel 2020 risulta essere il terzo uomo più ricco del mondo con un patrimonio di circa 72 miliardi di dollari. Ecco la sua storia

 

Istruzione e primi investimenti
Nato nel 1930 ad Omaha, è il secondo di tre figli, unico maschio, di un esponente del Congresso degli Stati Uniti, Howard Buffett e di Leila Stahl Buffett, casalinga. Incominciò la sua istruzione alla Rose Hill Elementary School a Omaha. Nel 1942 suo padre venne eletto al Congresso degli Stati Uniti e dopo essersi trasferito con la famiglia a Washington DC, Warren finì la scuola elementare, dopo di che frequentò l'Alice Deal Junior High School, per poi ottenere un master - dopo che Harvard lo rifiutò - alla Columbia Business School, l'Università dove insegnava il suo idolo Benjamin Graham, autore del noto libro “The intelligent investor”. Buffett si dedica agli investimenti azionari fin da giovanissimo, è stato ispirato da un libro preso in prestito dalla biblioteca pubblica di Omaha all'età di sette anni: “One Thousand Ways to Make $1000” di Frances Minaker.

La leggenda vuole che abbia iniziato a investire già a 11 anni, impiegando i risparmi ottenuti vendendo a scuola le bibite comprate nel negozio del nonno paterno, si riporta anche di un appezzamento di terreno comprato a 14 anni e da lui affittato ai pastori locali. A soli 16 anni fondò la Wilson Coin-Operated Machine Company, che basava la sua attività sulla riparazione di flipper. Dopo la laurea accetta l'invito dello stesso Graham a lavorare per la Graham-Newman Corp. a New York, considerato da molti il primo vero hedge fund della storia. Nel 1955 Graham va in pensione e gli offre la carica di partner della società. Buffett decide però di rifiutare e tornare nella sua città natale. Con il capitale a sua disposizione ritenne, infatti, di poter vivere tranquillamente di rendita grazie alle sue capacità di investimento.

 

La nascita di Berkshire Hathaway
Tornato nella sua città natale, amici e parenti gli chiedono di gestire i loro soldi. Warren fonda così la Buffett Partnership, un fondo d'investimento con il quale applica le strategie di value investing insegnate da Benjamin Graham, che consistevano nella ricerca di titoli sottovalutati da comprare e tenere per lunghissimi periodi. Attraverso questa modalità d'investimento, Buffett acquisisce importanti partecipazioni in colossi come Coca Cola, Gillette, McDonald's, Kirby Company e Walt Disney. Successivamente, nel 1962, decide di quotare in borsa la Buffett Partnership fondendola con una società tessile quotata, la Berkshire Hathaway, industria tessile in declino fondata da Oliver Chace nel 1839. Con la Berkshire Hathaway, affiancato dal socio Charlie Munger, comincia ad acquistare aziende sottovalutate in diversi settori, dai servizi all'industria, dalle assicurazioni alla biancheria, passando per società che offrono proprietà frazionata di jet privati; infine acquisisce la Mid American Holding, attiva nel settore energia, e inizia così ad investire in tubifici.

Nel 1967 acquisisce due compagnie assicurative: la National Fire and Marine Insurance Company e la National Indemnity Company. Il settore delle assicurazioni conquista sempre più spazio all'interno della holding di Buffett, così dal 1985 abbandona definitivamente il settore tessile per dedicarsi esclusivamente a quello assicurativo. Buffett è il Presidente e il maggiore azionista del Berkshire Hathaway dal 1970, mentre nel 1978, Charlie Munger si unì a lui e divenne Vicepresidente della compagnia. Oggi Berkshire Hathaway è il più grande riassicuratore mondiale dopo la svizzera Swiss Re e la tedesca Munich Re, dal 2018 è il primo azionista di Cattolica Assicurazioni (Leggi quanto ha perso).

 

Filosofia d’investimento
Una delle tecniche che caratterizza l’approccio agli investimenti di Warren Buffett è l’analisi fondamentale (value investing), una tecnica appresa direttamente dal maestro Benjamin Graham. I principi fondamentali di questa tecnica sono essenzialmente due: concentrarsi nel ricercare le ottime società le cui azioni sono scambiate a prezzi inferiori rispetto al loro valore intrinseco (fair value) e mantenerle in portafoglio per un periodo di tempo abbastanza lungo. È quindi questo è il vero segreto del successo di Warren Buffett: la sua abilità nel leggere i bilanci delle aziende e di investire su quelle le cui azioni avranno maggiore probabilità di apprezzarsi costantemente nel tempo. Buffett investe solo in delle società dalle quali comprende il business e le cui azioni sono disponibili ad un prezzo davvero interessante.

 

Filantropia
Warren Buffett è noto per la sua filantropia. Nel 2006 Buffett ha donato 37 miliardi di dollari per le popolazioni del Terzo mondo. Nel giugno 2006, ha annunciato un piano per elargire la sua fortuna in beneficenza, con l'83% in favore della Bill & Melinda Gates Foundation. Si è anche impegnato a donare l'equivalente di circa 10 milioni di azioni di classe B della Berkshire Hathaway alla Bill & Melinda Gates Foundation, per un valore di circa 30 miliardi di dollari. È la più grande donazione nella storia, e rende Buffett uno dei leader del filantropismo capitalista. Significativo l'impegno per la fondazione di donare, ogni anno, a partire dal 2009, un importo che è almeno pari al valore del contributo dell'anno precedente, oltre al 5% del patrimonio netto della fondazione. Buffett entrerà a far parte anche del Consiglio di amministrazione della Fondazione Gates, anche se ha detto più volte di non aver intenzione di partecipare attivamente agli investimenti di quest'ultima. Nel 2009 ha fondato “The Giving Pledge” con Bill Gates, una campagna per incoraggiare le persone estremamente ricche a contribuire con la maggior parte della loro ricchezza a cause filantropiche.

 

Vita personale
Nel 1949, Buffett fu infatuato di una giovane donna il cui ragazzo aveva un ukulele. Nel tentativo di competere, l’acquistò anche lui e da allora non ha mai smesso di suonarlo, spesso durante le assemblee degli azionisti o in altre occasioni. Sebbene il tentativo non abbia avuto successo, il suo interesse per la musica è stato una parte fondamentale della sua entrata a far parte della vita di Susan Thompson e al loro matrimonio. Il suo amore per lo strumento ha portato alla messa in servizio di due ukulele personalizzate Dairy Queen da parte di Dave Talsma, una delle quali è stata messa all'asta per beneficenza. Nel 1952 Buffett sposò Susan Buffett (nata Thompson). La coppia ebbe tre figli, Susie, Howard e Peter. Susan influenzò molto la vita di Warren Buffett tanto da cambiarne anche l’orientamento politico, da repubblicano a democratico. Fu quando i figli diventarono grandi che Susan sentì il bisogno di cambiare vita e di prendersi il suo spazio. Parte del problema fu il fatto che in quel periodo suo marito cominciava a ricevere sempre più attenzioni dal resto del mondo. La coppia iniziò a vivere separatamente nel 1977, anche se rimasero sposati fino alla morte di Susan nel luglio 2004. La loro figlia, Susie, vive a Omaha, è membro del consiglio nazionale di Girls Inc. e svolge attività di beneficenza attraverso Susan A. Buffett Foundation.

Nel 2006, in occasione del suo 76° compleanno, Buffett sposò la sua compagna di lunga data, Astrid Menks. Susan aveva organizzato i due per incontrarsi prima di lasciare Omaha per proseguire la sua carriera di cantante. Susan e Astrid si conobbero a Omaha in un French cafè dove Susan ogni tanto cantava mentre Astrid faceva la cameriera. Le due divennero ottime amiche finché, prima di trasferirsi definitivamente a San Francisco, Susan chiese ad Astrid di prendersi cura di suo marito. Susan ha discusso brevemente di questa relazione in un'intervista al Charlie Rose Show poco prima della sua morte, in un raro assaggio della vita personale di Buffett.

Buffett ha rinnegato la figlia adottiva di suo figlio Peter, Nicole, nel 2006 dopo aver partecipato al documentario di Jamie Johnson “The One Percent” sulla crescente disuguaglianza economica tra il ricco e il cittadino medio negli Stati Uniti. Sebbene la sua prima moglie si riferisse a Nicole come uno dei suoi "nipoti adorati", Buffett le scrisse una lettera in cui affermava: "Non ti ho adottato emotivamente o legalmente come nipote, né il resto della mia famiglia ti ha adottato come un nipote o cugina".

Nonostante la sua immensa ricchezza e il suo indiscusso successo, Warren Buffett è una persona estremamente umile e conduce una vita molto semplice. Abita ancora nella sua casa che comprò nel 1957 per 31.500 dollari, vive con uno stipendio di 100.000 dollari l'anno (nonostante il suo patrimonio infinitamente più grande), risponde di persona al telefono e si sposta in metropolitana. Possiede anche una casa da 4 milioni di dollari a Laguna Beach, in California. Nel 1989, dopo aver speso quasi 6,7 milioni di fondi del Berkshire su un jet privato, Buffett lo ha chiamato "The Indefensible". Questo atto è stato una rottura dalla sua condanna passata di acquisti stravaganti da parte di altri CEO e dalla sua storia di utilizzo di più mezzi pubblici. Buffett è un appassionato giocatore di bridge, passione che condivide con Gates.

Buffett ha lavorato con Christopher Webber in una serie animata chiamata "Secret Millionaires Club" con il capo Andy Heyward di DiC Entertainment. La serie presenta Buffett e Munger e insegna ai bambini sane abitudini finanziarie. Nel dicembre 2006, è stato riferito che Buffett non aveva un telefono cellulare, un computer e guidava una utilitaria, una Cadillac DTS. Contrariamente a ciò, durante l'assemblea degli azionisti del Berkshire Hathaway del 2018, ha dichiarato di utilizzare Google come motore di ricerca preferito. Buffett legge cinque giornali ogni giorno, a cominciare dall'Omaha World Herald, che la sua azienda ha acquisito nel 2011. I discorsi di Buffett sono noti per aver mescolato discussioni di lavoro con umorismo. Ogni anno, Buffett presiede l'incontro annuale degli azionisti del Berkshire Hathaway nel Qwest Center di Omaha, nel Nebraska, un evento che attira oltre 20.000 visitatori sia dagli Stati Uniti che dall'estero, dandogli il soprannome di "Woodstock of Capitalism". I rapporti e le lettere annuali del Berkshire agli azionisti, preparati da Buffett, ricevono spesso copertura dai media finanziari. Nell'aprile 2017, Buffett - un avido bevitore di Coca-Cola nonché azionista della società - ha accettato di mettere il suo volto sui prodotti Cherry Coke in Cina.

Il 13 aprile 2012, attraverso una lettera inviata agli azionisti della Berkshire Hathaway, Buffett ha annunciato di essere malato di cancro alla prostata. In tale missiva, l'imprenditore ha dichiarato che tale fatto non avrà alcun risvolto nel suo ambito lavorativo. Secondo la classifica dell’autorevole rivista statunitense Condé Nast è il sedicesimo miglior manager di tutti i tempi. A partire da maggio 2020, Buffett ha un patrimonio netto stimato di 68,6 miliardi di dollari.

0 - Commenti