Kimura Trading

Investire nel Climate Change con gli ETF

Come possiamo sfruttare l’innalzamento della temperatura del nostro pianeta per ottenere rendimenti con i nostri investimenti? Il Global Warming è un'opportunità

Climate change. Queste due parole, che in italiano significano “cambiamenti climatici”, sono sulla bocca di tutti. Anche grazie all’impegno di attivisti di tutto il mondo come l’attore Leonardi di Caprio e Greta Thumberg, tutti noi siamo venuti a conoscenza di quello che, molto probabilmente, sarà il prossimo grave problema che l’umanità dovrà affrontare: l’innalzamento della temperatura del nostro pianeta.

Un solo grado e mezzo di innalzamento della temperatura potrebbe, secondo gli esperti dell’IPCC, causare il crollo di interi ecosistemi. Ma cosa c’entrano i cambiamenti climatici con i nostri investimenti? È possibile ottenere rendimenti avendo a cuore l’ambiente? E se vi dicessi che, molto probabilmente, le aziende che prospereranno in futuro sono quelle che cominciano già oggi a investire sulla sostenibilità?

La temperatura del pianeta è un fenomeno che non possiamo più ignorare! La causa di questo aumento di temperatura sono le emissioni di gas serra nell’atmosfera che bloccano al suo interno i raggi solari generando un vero e proprio effetto serra che scalda il pianeta.
 

Cosa c’entra il riscaldamento globale con i nostri investimenti?

Secondo gli esperti dell’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC), le conseguenze di un aumento di 1,5 gradi centigradi non si avranno solo sul clima in senso stretto, ma anche sull’economia che subirà profondi cambiamenti. L’innalzamento della temperatura e del livello degli oceani andranno ad influenzare i prezzi delle materie prime, visto che con alte probabilità sia la produzione sia la catena di distribuzione del cibo ne soffriranno.

Gli eventi metereologici estremi, quelli di cui sentiamo sempre più spesso parlare al telegiornale, andranno ad impattare sulle infrastrutture come strade, rete elettrica ed internet. Qualcosa che non solo impatterà sul nostro stile di vita, ma anche sui fatturati delle aziende di tutto il mondo.
 

Come si stanno comportando le aziende quotate rispetto al riscaldamento globale?

Queste cose le aziende le sanno molto bene, tanto che alcune tra le più virtuose al mondo stanno cercando di sfruttare a loro favore una diminuzione del loro impatto sull’ambiente. È questo il motivo per cui un colosso come LVMH, la holding che detiene marchi come Moet Chandon e Luis Vuitton sta ripensando la struttura dei suoi negozi, preferendo la luce naturale a quella elettrica.

Oltre a permettere un abbassamento delle emissioni del 25%, questo sembra invogliare le persone a comprare di più (si sa, la luce naturale è più bella). Pensate che nella relazione annuale l’azienda ha inserito nelle prime pagine l’emblematica frase: “We don’t have the luxury of time”, non abbiamo il lusso del tempo.

Anche Nestlè, il colosso del settore alimentare, è consapevole dei rischi dei cambiamenti climatici. Nel suo rapporto annuale sulla sostenibilità ha sottolineato come si stiano aumentando gli sforzi e gli investimenti nella creazione di sempre più linee “plant based”, ovvero prodotti vegetali, che permettono di ottenere un incredibile risparmio sia di acqua sia di energia elettrica, e questo si traduce in -90% di emissioni.
 

Anche gli USA con il nuovo presidente eletto Joe Biden, hanno a cuore il pianeta

Anche negli Stati Uniti le grandi aziende si stanno muovendo: pensate che Apple, semplicemente togliendo il carica batterie dalla confezione, ha diminuito di 2 milioni i metri cubi di emissioni, che sono l’equivalente di 50.000 automobili tolte dalle strade. Anche la politica è attenta a questo tema.

Basti pensare che il neo presidente eletto Joe Biden nei diversi dibattiti avuti in campagna elettorale ha più volte detto che gli USA devono gradualmente abbandonare gli idrocarburi come fonte di energia, passando alle rinnovabili. Ed ha più volte dichiarato che una delle prime iniziative che intraprenderà dopo l’ingresso nella Casa Bianca sarà rientrare nell’Accordo di Parigi.

Quanto manca prima che le aziende che emettono CO2 vengano tassate in maniera davvero rilevante, in modo da stimolarle a cambiare radicalmente il loro sistema produttivo? Probabilmente molto poco. Inoltre le nuove generazioni, che stanno crescendo con una consapevolezza diversa verso l’ambiente rispetto ai propri genitori anche grazie alle forti limitazioni che stanno subendo in questa fase di vita, sono sempre più attente a dove investono i loro soldi.

Temi come la sostenibilità di una azienda sono di primaria importanza nel loro processo decisionale. E non stiamo parlando di noccioline: secondo uno studio di UBS i millennial dispongono già oggi di un patrimonio totale di 24 trilioni di dollari. La presa di coscienza riguardo ai cambiamenti climatici non solo fa bene all’ambiente, ma rappresenta un’opportunità per le aziende di tutto il mondo.
 

Come investire nelle aziende più attive verso il cambiamento climatico?

Possiamo investire sulle singole aziende, andando a sbirciare all’interno dei loro rapporti, oppure possiamo investire in un ETF che Lyxor ha pensato proprio a questo scopo. Si tratta degli ETF Climate Change e Paris Aligned, degli strumenti che raggruppano le aziende più virtuose nella trasformazione del loro business, in modo da contribuire al contenimento del riscaldamento globale, entro il grado e mezzo di temperatura.

QUI potete trovare la pagina dedicata sul sito dell’emittente.

Qui di seguito potete trovare tutti gli ETF:

🚩ETF Lyxor: http://www.LyxorETF.it/clima
👉Lyxor MSCI USA Climate Change UCITS: LU2055175025
👉Lyxor MSCI World Climate Change (DR) UCITS: LU2056739464
👉Lyxor MSCI Europe Climate Change (DR) UCITS: LU2056738490
👉Lyxor MSCI EM Climate Change (DR) UCITS:LU2056738144
👉Lyxor S&P 500 Paris-Aligned Climate (EU PAB) (DR) UCITS: LU2198883410
👉Lyxor S&P Global Developed Paris-Aligned Climate (EU PAB) (DR) UCITS: LU2198882362
👉Lyxor S&P Eurozone Paris-Aligned Climate (EU PAB) (DR) UCITS: LU2195226068
👉Lyxor S&P Europe Paris-Aligned Climate (EU PAB) (DR) UCITS: LU2198884491







DISCLAIMER

Questo articolo è stato sponsorizzato dall'emittente o dall'intermediario menzionato. Le informazioni in esso contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. Investire.biz non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subiti a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti su questo sito. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sul sito dell'emittente ed ottenere una consulenza professionale.

0 - Commenti