Bitcoin: ecco perché è più facile che arrivi a 10.000 e non a 20.000 $ | Investire.biz

Bitcoin: ecco perché è più facile che arrivi a 10.000 e non a 20.000 $

23 nov 2022 - 15:32

23 nov 2022 - 15:35

Il rimbalzo del Bitcoin non convince molto gli operatori, che si aspettano una discesa dei prezzi nei prossimi giorni. Il timore è di un effetto contagio di FTX

Le quotazioni del  Bitcoin salgono oggi di circa il 5% portandosi a 16.500 dollari. Il rimbalzo arriva dopo un periodo in cui il prezzo è stato fortemente sotto pressione per via del fallimento dell'exchange FTX di Sam Bankman-Fried, che ha innescato il timore che anche altre piattaforme possano essere contagiate. 
 
L'azienda con sede alle Bahamas deve rimborsare oltre 1 milione di creditori, con i primi 50 che vantano un credito di oltre 3 miliardi di dollari. Nelle varie attività sparse per il mondo, FTX ha un saldo di cassa che di appena 1,24 miliardi di dollari. Nel frattempo, un grande imprenditore del settore, Justin Sun, ha affermato che insieme ai suoi soci sta valutando se rilevare alcune attività di FTX.
 
La situazione però risulta compromessa e ciò che temono gli investitori è che altre piattaforme nei prossimi giorni possano ricorrere al Chapter 11 della legge fallimentare statunitense. Il primo della lista è il prestatore Genesis, che ha già bloccato i prelievi e che è alla disperata ricerca di 1 miliardo di dollari. Sotto stretta osservazione ci sono anche, tra gli altri, anche BlockFi e Gemini.


Bitcoin: dove potrà arrivare ora la criptovaluta?


Il rialzo di Bitcoin va quindi interpretato con molta cautela. "In linea con le attese, stiamo rimbalzando da un livello di supporto, dopo aver registrato un ipervenduto", ha detto alla CNBC Vijay Ayyar, Vicepresidente dello sviluppo aziendale e internazionale presso l'exchange di criptovalute Luno. A suo giudizio, per il momento non vi è alcun rialzo, anzi è possibile assistere a un nuovo ribasso da circa 17.000 per arrivare a 14.000 dollari. "I mercati si aspettano un ulteriore contagio tra le aziende legate a FTX", ha aggiunto.
 
"Tutti si stanno chiedendo chi sarà la prossima vittima", ha detto Craig Erlam, analista del broker Oanda. L'esperto vede come area di resistenza per Bitcoin la soglia dei 17.500 dollari, ed un eventuale rottura di questo livello potrebbe fornire indicazioni interessanti. Tuttavia, Erlam ritiene sarà più facile per il Bitcoin scendere verso 10.000 dollari piuttosto che risalire in quota 20.000. "È difficile immaginare che il Bitcoin registri qualsiasi tipo di recupero significativo e sostenibile", ha detto Erlam.
 
Se non dovesse reggere il supporto dei 15.500 dollari, un altro analista di Oanda, Edwad Moya, stima una discesa della criptovaluta a 13.500 dollari. Egli ritiene che il mercato ribassista delle monete virtuali ancora debba raggiungere il fondo. "Il Bitcoin potrebbe stabilizzarsi se vi dovesse essere un rimbalzo di Wall Street", afferma Moya, ma con quello che sta accadendo nel settore delle criptovalute "è improbabile che ciò accada".
 
 
 
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti