Azioni Maire Tecnimont: ok a dividendo e buyback, comprare o vendere? | Investire.biz

Azioni Maire Tecnimont: ok a dividendo e buyback, comprare o vendere?

Sulle quotazioni di Maire Tecnimont continua ad impattare la presenza della società in Russia. Quali i primi supporti da monitorare?

L'ultima seduta della settimana è all'insegna degli acquisti sui principali mercati azionari del Vecchio Continente che, grazie all'ottima performance del settore bancario, si avviano a chiudere in generale rialzo.

In questo contesto il nostro FTSE Mib, dopo essersi spinto fin verso i 24.850 punti, si avvia a chiudere sopra i 24.700 punti. Nel breve sarà importante la tenuta dei 24.500 punti per evitare il ritorno della debolezza che a quel punto spingerebbe i corsi verso i 24.250 punti e, successivamente, 24.000 punti.

Tra i titoli che a Piazza Affari sottoperformano il mercato troviamo Maire Tecnimont, nel giorno in cui i soci approvano il bilancio del 2021. Andiamo a vederli nello specifico

 

Azioni Maire Tecnimont: via libera a dividendo e buyback

Per Maire Tecnimont il 2021 si è chiuso con un utile di 73,7 milioni di euro, che si confrontano con i 57,8 milioni di euro registrati nel 2020. L'assemblea, che ha anche confermato un dividendo complessivo di 60,1 milioni di euro, ha autorizzato il CdA all'acquisto di azioni proprie fino al 3,04% del capitale.

Per quanto riguarda l'outlook del 2022, i rischi sono tutti connessi alla presenza della società in Russia che rappresenta il 15% del portafoglio ordini. In questo contesto con un settore raffinazione sotto regime sanzionatorio, buone notizie arrivano dalla domanda di fertilizzanti che risulta in aumento e che potrebbero portare nelle prossime settimane alla firma di alcuni contratti. Andiamo ora a vedere come è impostato graficamente il titolo nel breve periodo.

 

Azioni Maire Tecnimont: analisi tecnica e strategie operative

Dopo aver perso oltre il 30% del suo valore rispetto ai massimi toccati ad inizio anno, per le azioni Maire Tecnimont il rimbalzo che si è innescato a marzo si è scontrato con le resistenze situate in area 3,30 euro. La nuova fase correttiva partita da questi ultimi livelli potrebbe riportare i prezzi verso i 2,92 euro, che rappresentano i minimi di questa ottava.

Nel caso in cui anche questi sostegni dovessero essere rotti al ribasso, si avrebbe un rafforzamento del trend discendente e a quel punto non sarebbe una sorpresa vedere il titolo sul bottom di marzo in area 2,45-2,50 euro.

Al contrario, al rialzo sarà solo con il superamento dei 3,30 euro che si avrebbe un segnale di forza con primi target sui 3,40 euro e a seguire 3,50 euro. L'eventuale violazione di queste resistenze andrebbe a mettere in un angolo la fase correttiva partita ad inizio anno, aprendo la strada per target ambiziosi fin verso i 3,75-3,80 euro.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti