Kimura Trading

Crollo Borse: 3 azioni USA che potrebbero rimbalzare

  • La veloce diffusione del coronavirus ha indotto l’OMS a dichiarare il Covid-19 pandemia
  • un’eventuale espansione del virus negli Stati Uniti determinerebbe la predisposizione di misure restrittive per la popolazione
  • dopo i crolli delle ultime ore, alcune aziende statunitensi potrebbero rimbalzare dai valori attuali di Borsa

La dichiarazione da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità del passaggio a pandemia del coronavirus ha definitivamente decretato il fatto che nessun Paese al Mondo può ritenersi immune al contagio. Sono oltre 110 gli Stati dove si sono già registrati casi di contagio, il numero è destinato a crescere e con esso le probabilità che molte nazioni debbano imporre spiacevoli restrizioni, così come già visto in Cina e Italia. Negli ultimi 14 giorni si è verificato un aumento di 13 volte del numero dei contagiati al di fuori della Repubblica cinese e i Paesi coinvolti sono triplicati arrivando a 114. In base a questi dati e alla velocità di trasmissione l’OMS ha deciso di dichiarare lo stato di pandemia.

Tra le nazioni che nelle ultime settimane hanno visto crescere in modo significativo il numero di contagi troviamo gli Stati Uniti. Il discorso di ieri sera di Donald Trump sullo stop ai voli da e per l'Europa hanno contribuito, insieme alle decisioni della BCE nella riunione odierna, ad affondare i mercati internazionali. Piazza Affari ha chiuso in calo del 16,92%, peggiore perdita della storia di Borsa Italiana. Profondo rosso anche sugli altri listini azionari mondiali, con Wall Street che al momento vede gli indici S&P 500, NASDAQ 100 e Dow Jones Industrial Average perdere con cali nell'ordine dei 4 punti percentuali. I ribassi degli ultimi giorni potrebbero tuttavia favorire alcuni rimbalzi, magari di breve respiro ma non per questo di poco conto. Gli indici USA sono arrivati in aree significative, capace di attirare l'interesse degli investitori di più lungo periodo come Warren Buffett. O un'inevitabile rotazione di portafoglio utile a riposizionarsi su quelle aziende che potrebbero trarre maggior giovamento dai nuovi stili di vita che le persone dovranno adottare e a ridurre le posizioni su quelle aziende/asset class che invece pagheranno il dazio maggiore potrebbe essere alla base di un rimbalzo delle quotazioni di Borsa.

Azioni USA: tre azioni interessanti se parte il rimbalzo

Dopo gli ultimi ribassi, tra quelle quotate a Wall Street sono tre le società che hanno attirato la mia attenzione in un'ottica di trading. Analizziamo allora i titoli che potrebbero essere interessanti per sfruttare un rimbalzo delle quotazioni della Borsa americana: 

 

Costco Wholesale

Costco Wholesale è un'enorme catena di ipermercati all’ingrosso statunitense, la seconda sul territorio americano e la seconda a livello mondiale. La sua clientela è caratterizzata da una spesa media piuttosto elevata. In questi giorni e nelle prossime settimane potrebbe vedere i propri punti vendita presi d'assalto, così come registrato negli ultimi giorni in Italia e in Spagna. L'allargarsi della diffusione del coronavirus negli Stati Uniti porterebbe presumibilmente a una crescita del giro d'affari e delle altre metriche care agli investitori, Da un punto di vista operativo, guardando il daily chart i livelli long e short che si possono individuare sono: 

Long

Ingresso: breakout area 325,26 dollari
Stop: appena al di sotto del minimo relativo precedente
Target: trailing profit

Short

Ingresso: breakout area 291,38 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 281,60 dollari 2° target: area 268 dollari.

 

Home Depot

Componente del paniere Dow Jones Industrial Average, Home Depot è un rivenditore al dettaglio di prodotti per la manutenzione della casa. Fondato nel 1978 ad Atlanta, nel corso della sua storia la società è sempre riuscita a difendersi molto bene nei periodi di grande crisi. Prendendo spunto dall'esperienza italiana, o di quella di altri Paesi vicini ai nostri confini, Home Depot potrebbe registrare tassi di crescita interessanti per una delle voci merceologiche che compongono il ricco catologo: le mascherine anti-virus. Da un punto di vista operativo, i livelli chiave sono:

Long

Ingresso: attendere un pattern di inversione rialzista
Stop: appena al di sotto del pattern
1° Target: area 241,32 dollari 2° target: area 247,36 dollari.

Short

Ingresso: breakout area 207,25 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 199 dollari 2° target: area 186,27 dollari.

 

CVS Health

Appartenente ai panieri S&P 100 e S&P 500, con più di 9600 negozi CVS Health è un vero colosso del sistema sanitario statunitense. Con oltre 9.600 punti vendita, la controllata CVS Pharmacy è la seconda più grande catena di farmacie negli Stati Uniti. Il gruppo è attivo anche nella fornitura di assicurazioni sanitarie. L'americano storicamente è molto attento alla salute e il diffondersi del coronavirus potrebbe favorire una sorta di corsa all'approvigionamento di prodotti farmaceutici da parte di molti. Come per le altre due aziende, anche le azioni di CVS Health potrebbero dunque attirare l'attenzione degli investitori. I livelli operativi ricavati dall'analisi del grafico con time frame giornaliero sono: 

Long

Ingresso: breakout area 66,98 dollari
Stop: appena al di sotto del minimo relativo precedente
1° Target: area 72,56 dollari 2° target: area 76,44 dollari

Short

Ingresso: breakout area 57,10 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 53 dollari 2° target: area 51,72 dollari.

 

Kroger

Il rivenditore al dettaglio americano, primo nei supermercati per fatturato, sarebbe tra i principali obiettivi dei consumatori nel caso essi percepissero un’imminente emergenza da coronavirus.
Livelli chiave sul grafico giornaliero.

Long

Ingresso: attendere un pattern di inversione al rialzo
Stop: appena al di sotto del minimo del pattern
1° Target: area 32,75 dollari 2° target: area 33,70 dollari

Short

Ingresso: breakout con chiusura al di sotto di area 30 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 28 dollari 2° target: area 26,72 dollari.

0 - Commenti