Kimura Trading

Intelligenza artificiale: 2 azioni su cui puntare a Wall Street

L'intelligenza artificiale sta facendo passi da gigante in ogni ambito. Ecco due società quotate a Wall Street protagoniste nell'AI su cui si può investire

Con il livello raggiunto dalla tecnologia attuale, in grado di raccogliere un enorme mole di dati e di manipolarli molto rapidamente, il sogno di avere computer autonomi  che possono prendere delle decisioni in tempo reale sta diventando realtà. Alla base di tutto ciò c’è l’intelligenza artificiale, ovvero una serie di programmi che consentono ad esempio il riconoscimento facciale e vocale e il rilevamento tempestivo di frodi.

A un livello più avanzato è possibile, tra gli altri utilizzi, anche controllare in tempo reale sistemi automobilistici, per sviluppare la guida senza conducente. Naturalmente gli analisti hanno notato il potenziale di questo trend, dove è possibile trovare occasioni di investimento interessanti. Vediamo quindi due titoli all’avanguardia dal punto di vista tecnologico da tenere sotto osservazione.

 

TuSimple Holdings

Fondata nel 2015, TuSimple Holdings è una società californiana specializzata nello sviluppo di veicoli autonomi. In particolare, TuSimple sta sviluppando sistemi di intelligenza artificiale per camion a guida autonoma, che permettano un elevato livello di efficienza e di sicurezza per i lunghi viaggi.

I programmi messi a punto dall’azienda sarebbero in grado di individuare e identificare oggetti fino a 1 Km di distanza. Al fine di raccogliere capitali, TuSimple ha effettuato l’IPO a Wall Street il mese scorso, ricevendo proventi per 1,08 miliardi di dollari. Secondo gli analisti si tratterebbe di un investimento altamente speculativo, ma che potrebbe fornire ritorni molto elevati.

Dal punto di vista del trading, il titolo sta sviluppando al Nasdaq nelle ultime sedute una fase laterale, quindi è necessario fare attenzione dove avverrà la fuoriuscita dei prezzi. L'analisi del grafico con time frame giornaliero ha fatto emergere i seguenti livelli chiave per strategie di trading long e short sul titolo della società californiana:

Long

Ingresso: breakout area 39,36 USD
Stop: appena al di sotto di area 35,14 USD
1° target: area 41,50 USD
2° target: trailing profit

Short

Ingresso: breakout area 35,14 USD
Stop: appena al di sopra di area 39,36 USD
1° target: area 34,10 USD
2° target: area 32,13 USD

 

Upstart Holdings

Azienda californiana, Upstart Holdings sviluppa sistemi di intelligenza artificiale per alimentare la propria piattaforma di prestiti. L’obiettivo è quello di determinare i livelli di rischio e l’affidabilità del mutuatario. In questo ambito, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale permette ai prestatori di approvare più transazioni, consente un maggiore accesso al capitale e garantisce un risparmio sui costi per tutti gli attori coinvolti.

Lo scorso marzo, Upstart ha pubblicato la sua prima trimestrale dopo l’IPO avvenuto a dicembre 2020. L’azienda ha registrato ricavi per 86,7 milioni di dollari, con un incremento del 39% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo gli analisti Upstart è destinata a guadagnare ulteriori quote di mercato,  potendo contare su algoritmi di intelligenza artificiale solidi e innovativi.

A Wall Street il titolo si trova in una fase discendente dopo avere raggiunto nella seconda metà di marzo il proprio massimo. Vediamo quali sono i livelli da monitorare sul time frame daily.

Long

Ingresso: breakout area 123,09 USD
Stop: appena al di sotto di area 89,33 USD
1° target: area 134 USD
2° target: area 156,27 USD

Short

Ingresso: breakout area 81,20 USD
Stop: appena al di sopra di area 117,99 USD
1° target: area 62,26 USD
2° target: area 42,51 USD

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti