Torna a salire l'inflazione in Australia e l'AUD si rafforza | Investire.biz

Torna a salire l'inflazione in Australia e l'AUD si rafforza

16 gen 2023 - 16:00

Non sembrano essere esaurite le spinte al rialzo nei prezzi al consumo australiani. Questo crea le premesse per un nuovo rialzo dei tassi da parte della RBA

 

Torno a parlare di dollaro australiano dopo l’articolo pubblicato a inizio dicembre ( AUD/USD, la crescita mondiale passa da qui).

La rinascita a cui avevo accennato in quell’articolo era stata anticipata da una figura tecnica molto nota agli amanti delle candele giapponesi e che probabilmente stava dimostrando la voglia del mercato di scommettere proprio su uno scenario di nuovo ispessimento dell’inflazione. Scenario che avrebbe costretto la banca centrale a prestare nuovamente attenzione ai tassi di interesse. E questo è quello che è successo con i prezzi al consumo di novembre, cresciuti al 7,3% contro il 6,9% di ottobre.

A fianco di questa annotazione statistica c’è poi da rilevare un mercato che sta riprendendo fiducia circa il futuro della Cina post riapertura da Covid. Con ovvi impatti positivi anche sull’economia australiana dove, guarda caso, si stanno tornando ad intensificare gli approcci diplomatici cinesi per ammorbidire certe situazioni di tensione che negli ultimi mesi avevano creato i presupposti per l’applicazione di sanzioni. Ma andiamo con ordine. Partiamo dall’inflazione.

 

 

AUD/USD: focus su quota 0,7$


Il rialzo di novembre al 7,3% è stato innescato da variazioni prossime al 10% sui prezzi di abitazioni, trasporti e cibo. A questo si aggiunge una domanda interna che ha ripreso a spingere come hanno dimostrato le vendite al dettaglio di novembre dopo il calo di ottobre.

I dati della bilancia commerciale sembrano confermare un surplus per il quinto anno consecutivo grazie al rialzo nei prezzi delle materie prime che hanno compensato volumi più modesti a causa della guerra e del rallentamento cinese.

A questo punto nel prossimo meeting di politica monetaria previsto per il 7 febbraio un aumento di 25 punti base appare possibile, con il mercato swap che prezza un picco al 3,85%. Saremmo a 65 punti base sopra il livello attuale.

Lo stato dell’economia australiana rimane robusto, una conferma di quello che abbiamo già visto in Nuova Zelanda e Canada di recente. La RBA potrebbe tornare quindi in modalità hawkins e questo ha spinto l’australiano fin sotto 0,70.

 

AUD/USD

 

La zona di resistenza è importante se consideriamo che da settembre 2020 sono stati frequenti i test del supporto in questa zona di prezzo prima di un cedimento a settembre 2022. Quindi un supporto che torna ad essere resistenza e che in caso di superamento aprirebbe le porte a rialzi ben più consistenti.

La strategia rimane lunga di AUD/USD, ma non incrementerei le posizioni fino alla conferma del superamento di 0,70. Stop loss da posizionare sotto la media mobile a 50 giorni di 0,67 che bene ha fatto nelle ultime settimane per contenere le poche pulsioni ribassiste sull’Aussie.

 

 

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.