Platino: nel 2023 ci sarà il più grande deficit di offerta dal 1970 | Investire.biz

Platino: nel 2023 ci sarà il più grande deficit di offerta dal 1970

15 mag 2023 - 11:09

15 mag 2023 - 11:10

Ascolta questo articolo ora...

Secondo le previsioni del WPIC il platino è destinato a registrare il più grande deficit di offerta da oltre 50 anni. Ecco quali sono i motivi

Nel 2023 sarà registrato il più grande deficit di offerta di platino dal 1970. La cupa previsione è stata diffusa dal World Platinum Investment Council (WPIC), ente specializzato nel settore del metallo prezioso. Secondo le stime, la domanda globale sarà di 8,2 milioni di once, segnando una crescita del 28% grazie al forte consumo industriale, in particolare nei convertitori catalitici per le auto. Tutto questo nonostante il rallentamento dell'economia globale.
 
A spingere la domanda vi è anche l'espansione degli impianti chimici e del vetro in Cina (il platino è utilizzato nella fibra di vetro per turbine eoliche, elettronica e impianti petrolchimici). Inoltre, negli ultimi tempi è stata registrata una tendenza alla sostituzione del palladio con il platino negli scarichi di auto, poiché alcuni produttori automobilistici di veicoli ibridi hanno accelerato il passaggio a causa dell'aumento dei furti con i prezzi record del palladio. 
 
Di contro, per il WPIC, la produzione subirà un arresto dovuto ai problemi sulla fornitura di elettricità in Sud Africa, da cui arriva il 70% dell'approvvigionamento globale. Ciò comporta che, rispetto alla previsione di tre mesi fa, ci sarà un aumento del deficit del 77% a 983 mila once. Si tratta di un dato in decisa controtendenza rispetto ai due anni precedenti, in cui la produzione delle auto è stata tormentata dalla carenza di semiconduttori ed il mercato ha chiuso con un'eccedenza di offerta. 
 
 

Platino: dove andranno a finire i prezzi?

Quest'anno i prezzi del platino sono aumentati di circa il 20% dai minimi di febbraio a 1.080 dollari l'oncia, ossia a un livello superiore rispetto alla media di 940 dollari degli ultimi cinque anni. Il rally ha portato i gestori patrimoniali a puntare sugli ETF che riproducono l'andamento della materia prima, perchè supportati dalla detenzione fisica del metallo. Tra l'altro, le turbolenze bancarie negli Stati Uniti hanno spinto molti investitori ad allontanarsi dalle azioni per puntare sui metalli preziosi. La crescente consapevolezza del deficit di offerta da parte dei gestori di fondi ha messo il turbo al passaggio ai fondi negoziati in Borsa garantiti dal platino.
 
Cosa bisogna aspettarsi quindi? Diversi analisti ritengono che dei sei metalli del gruppo dei platinoidi, che includono anche palladio, rodio e iridio, le prospettive del platino sono le più brillanti grazie al suo uso come catalizzatore per celle a combustibile a idrogeno ed elettrolizzatori. Dal canto loro, i produttori sostengono che la domanda sarà sostenuta nel breve termine da una legislazione più severa sulle emissioni, dal momento che il platino viene utilizzato proprio per ridurre il CO2 dai veicoli nei convertitori catalitici. Tuttavia, nel lungo termine, vi è maggiore incertezza sul fatto che la domanda delle modalità a idrogeno superi la graduale eliminazione dei veicoli a combustione. 
 
 

0 - Commenti

I Nostri Partners



Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

Investire.biz non offre servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali e Termini e condizioni prima di utilizzare questo sito Web.

L’utilizzo del presente sito è soggetto al diritto svizzero, che ha giurisdizione esclusiva in relazione all’interpretazione, applicazione ed effetti delle condizioni d’uso. Il tribunale cantonale competente avrà giurisdizione esclusiva su tutti i reclami o le controversie derivanti da, in relazione a o in relazione al presente sito web ed al suo utilizzo.

Le informazioni presenti sul sito web non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web di ELP SA o ELP Finance LTD (di seguito il “gruppo ELP” o “ELP”) indirizzano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Gli strumenti finanziari menzionati nel presente sito web possono essere soggetti a restrizioni di vendita in alcune giurisdizioni.

Continuando ad accedere o utilizzare questo sito web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettarne i termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading e la speculazione finanziaria comportano un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumersi dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.