Dollaro USA: le posizioni corte ai massimi da oltre un anno | Investire.biz

Dollaro USA: le posizioni corte ai massimi da oltre un anno

21 nov 2022 - 10:33

01 dic 2022 - 12:52

Gli investitori stanno vendendo dollari in attesa di una atteggiamento più accomodante della Fed. I gestori credono che il rally della moneta USA si terminato

Il dollaro USA guadagna alcune posizioni all'inizio di questa settimana, con il Dollar Index che sale dello 0,55% a 107,40 e l'EUR/USD che scende dello 0,57% a 1,0265. In questo momento, gli investitori sono preoccupati per i casi di Covid-19 in Cina e soprattutto per il fatto che alcune città cinesi, che avevano allentato le misure restrittive sull'epidemia, hanno ripreso a chiudere.
 
Questo però potrebbe essere uno degli ultimi colpi di coda del biglietto verde nella veste di bene rifugio, in quanto i trader stanno aumentando notevolmente le posizioni corte sulla valuta. Secondo i dati rilasciati dalla Commodity Futures Trading Commission, nell'ultima settimana le posizioni short sul dollaro in rapporto a otto valute sono arrivate a 321.758 contratti, valore massimo da luglio 2021. Mentre gli hedge fund hanno venduto la valuta americana per la quinta settimana consecutiva.
 
Tutto ciò lascia pensare che il picco del dollaro sia giunto al termine o quantomeno che la straordinaria forza del greenback che ha contrassegnato tutto il 2021 sia in via di esaurimento. La possibile inversione di tendenza è riconducibile ai dati sull'inflazione USA del 10 novembre che, nel segnalare un rallentamento della crescita dei prezzi al consumo, ha favorito l'ipotesi che la Federal Reserve riduca il ritmo di aumento dei tassi d'interesse.


Dollaro USA: i gestori vedono la fine del rally

La possibile svolta della Fed sta favorendo la prudenza nei gestori. Secondo John Bromhead, stratega di Australia & New Zealand Banking Group, con la Banca Centrale USA che "si avvicina al massimo livello da falco, il premio per il dollaro sta diminuendo". L'esperto cita anche la crisi energetica europea che appare più gestibile rispetto a qualche mese fa, per cui "il contesto è in miglioramento e il ruolo di rifugio sicuro del dollaro sta scemando".
 
Gli strategist di Morgan Stanley hanno scritto in una nota che la Fed sarà costretta a fermarsi a causa di una debole crescita globale e di una minore inflazione. In questo modo, "i tassi statunitensi e il dollaro USA si abbasseranno nel 2023", hanno affermato. Opinione confermata dalla società d'investimento londinese M&G Investments, secondo cui "la Fed diventerà più cauta riguardo alla stretta sul costo del denaro". Goldman Sachs invece è di avviso diverso. La banca d'affari americana crede che il dollaro USA abbia ancora da tre a sei mesi davanti per correre, soprattutto rispetto alle valute asiatiche. 
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

ELP Finance LTD e il suo sito web non offrono servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della società puntano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa.

Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilità, Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali, Termini e condizioni e la Politica sulla sicurezza informatica prima di utilizzare questo sito Web. Continuando ad accedere o utilizzare questo sito Web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettare questi termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading online comporta un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumerti dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Politica di sicurezza informatica - Codice Etico - Cookie policy

© 2022 Investire.biz, all rights reserved.