Date e scadenze da conoscere in riferimento ai Certificati

Data dell’ultimo giorno di quotazione

La data dell’ultimo giorno di quotazione rappresenta l’ultima data in cui il certificato viene negoziato sulla borsa e può non coincidere con la data di scadenza del certificato. La data dell’ultimo giorno di quotazione è generalmente fissata a qualche giorno prima della data di scadenza.

Data di determinazione

La data di determinazione è la data in cui vengono definiti tutti gli elementi essenziali di un certificato. Alla data di determinazione viene definito lo Strike Price, il multiplo, la barriera, il livello di prezzo del cap e tutti gli altri elementi distintivi del certificato oggetto di quotazione.

Data di emissione

La data di emissione è la data in cui il certificato inizia a scambiare all’interno della borsa sulla quale viene quotato ed è inoltre la data da cui iniziano a decorrere gli effetti associati al certificato. Ad esempio, se si fosse acquistato un certificato con barriera continua allora questa verrà valutata dalla data d’emissione fino alla scadenza del prodotto.

Data di osservazione

La data di osservazione rappresenta la data in cui viene osservato un certificato. Si osserva in particolare il valore del sottostante in relazione per esempio alla barriera o al trigger. Questa data è utile per stabilire se un certificato pagherà delle cedole e/o verrà rimborsato. Un certificato generalmente ha diverse date di osservazione.

Data di pagamento della cedola

La data di pagamento della cedola è la data in cui avviene proprio il pagamento, con conseguente accredito, della cedola sul conto del titolare del certificato (Ha diritto a ricevere il pagamento della cedola chi risulti in possesso del certificato il giorno precedente rispetto alla data di stacco della cedola).

Data di registrazione (record date)

La data di registrazione rappresenta il giorno in cui l’emittente stabilisce chi sono i detentori che abbiano diritto alla cedola pagata da un particolare certificato.

Data di regolamento

La data di regolamento è la data in cui i sottoscrittori entrano in possesso dei certificati. Una volta sottoscritto un certificato, l’investitore pagherà il prezzo di sottoscrizione e riceverà il certificato acquistato durante il collocamento.

Data di rimborso

La data di rimborso è la data in cui il certificato viene rimborsato. Generalmente il rimborso avviene dopo qualche giorno rispetto alla data di valutazione finale.

Data di scadenza

La data di scadenza è rappresentata dall’ultimo giorno di vita del certificato. Può differire dalla data dell’ultimo giorno di quotazione.

Data di stacco (Ex date)

La data di stacco di un certificato è la data in cui sorge il diritto ad incassare la cedola. Affinché il titolare del certificato possa aver diritto alla cedola è necessario che quest’ultimo detenga il certificato in portafoglio prima della chiusura della giornata di quotazione precedente la data di stacco. La data di stacco può differire, e solitamente così è, dalla data di pagamento della cedola allo stesso modo rispetto allo stacco dei dividendi azionari. La data di stacco di un certificato è di norma successiva di due giorni rispetto alla data di osservazione. Alla data di stacco il certificato perde un valore equivalente al valore della cedola.

Data di valutazione finale

La data di valutazione finale è la data in cui viene fissato il valore finale del certificato. Alla data di valutazione finale viene appunto valuta la performance del sottostante e tale misurazione andrà ad influire sul valore del certificato, secondo le modalità descritte all’interno del prospetto informativo per ogni certificato.

Periodo di Black Out

Il Periodo di Black Out è il periodo compreso tra la data dell’ultimo giorno di quotazione e la data di scadenza. In questo periodo, generalmente esteso per qualche giorno, cade la data di valutazione del certificato ed il certificato non è più negoziabile. Non può più quindi essere comprato né tantomeno venduto.

Periodo d’offerta

Il periodo d’offerta corrisponde alla finestra temporale in cui il certificato è in collocamento e può quindi essere sottoscritto sul mercato primario. Sempre più spesso, gli emittenti quotano i certificati direttamente sul mercato secondario.

Scadenza “Open end”

Un certificato gode di scadenza “Open End” se non è prevista alcuna una data di scadenza per il certificato stesso. I certificati “Open End” sono molto rari e di norma sono quei certificati che strutturati su un benchmark.