CACs: cosa sono e perché sono importanti se investi in BTP | Investire.biz

CACs: cosa sono e perché sono importanti se investi in BTP

07 nov 2022 - 16:30

Cosa sono le clausole di azione collettive? Come funzionano e perché è importante saperlo se investi in BTP? Tutto quello che devi sapere se investi in titoli di Stato

Cosa sono le CACs? Come funzionano e perché è importante conoscerle a fondo se hai investito sui titoli di Stato o hai intenzione di farlo? Ecco tutte le informazioni che stavi cercando.



CACs: cosa sono e come funzionano

CACs è l’acronimo di “clausole di azione collettiva”. Queste clausole riguardano la possibilità che, in casi estremi, lo Stato che ha emesso un’obbligazione possa chiedere agli obbligazionisti di accettare il taglio del valore nominale del titolo, oppure la riduzione delle cedole o l’allungamento delle scadenze.

Le CACs sono state introdotte progressivamente dal 1° gennaio 2013 in poi, volute da Bruxelles nel Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità. Secondo queste clausole è anche possibile un cambio di denominazione a livello di valuta di denominazione. Inoltre, potrebbero esservi una modifica delle condizioni degli obblighi in capo all’emittente del titolo di Stato. Quindi un obbligazione può subire variazioni sotto ogni aspetto chiave.

In sostanza, si tratta di una sorta di “bail-in”, con lo Stato al posto della banca in difficoltà e l'investitore nei titoli del debito pubblico che rappresenta l'equivalente dei soggetti costretti a partecipare al salvataggio dell’istituto bancario.

Sostanzialmente con queste clausole l’investitore potrebbe trovarsi nella posizione di partecipare ad un’operazione di ristrutturazione del debito del Paese, operazione finanziaria generalmente molto rischiosa. Queste clausole fissano quindi alcuni paletti per quanto riguarda le modalità e le condizioni per i casi in cui si dovesse rendere necessaria una ristrutturazione del debito sovrano.

I governi dei Paesi membri dell’UE possono apporle fino al 45% dei titoli di Stato con durata superiore ai 12 mesi, quindi non riguardano le scadenze brevi, come i BOT (buoni ordinari del Tesoro). Dal 2022 in poi sono inserite in tutti i BTP con durata superiore a 12 mesi. Anche i BTP Italia ed i BTP Futura emessi in questi ultimi anni sono soggetti a queste clausole.



CACs: cosa potrebbe succedere a chi detiene BTP

I punti chiave delle CACs riguardano la possibilità che gli obbligazionisti debbano accettare il cosiddetto “haircut”, ossia un taglio del valore nominale. Questo determinerebbe un rimborso ad un valore inferiore al 100 predefinito.

In linea teorica, è anche possibile che siano limate le cedole, così come la scadenza sia posticipata. Le CACs devono essere approvate con una duplice votazione. Queste coinvolgono l’assemblea degli obbligazionisti possessori dei titoli e l’assemblea composta dai titoli che sono interessati dalla ristrutturazione del debito.

Alcune delle nuove CACs prevedono un’unica votazione, soltanto con gli obbligazionisti possessori dei titoli oggetto della ristrutturazione. In sostanza, qualora necessario, l’emittente potrebbe imporre ai possessori dei bond di partecipare al salvataggio dello Stato stesso.

Evidentemente si tratterebbe di un’operazione particolarmente rischiosa, con conseguenze notevoli sia per i piccoli risparmiatori che per gli istituti di credito eventualmente coinvolte. È importante tenere a mente che le CACs valgano soltanto per le obbligazioni emesse dal 1° gennaio 2013 in poi e non da quelle emesse precedentemente a questa data. Questi scenari sono eventualità remote, ma che non possono essere ignorati totalmente dagli investitori.



Titoli di Stato: ecco tutti i BTP non soggetti alle CACs

Di seguito presentiamo una lista di obbligazioni statali BTP non soggette alle CACs, poiché antecedenti al 2013, con i rispettivi codici ISIN.

 

Titolo Rendimento Durata Valuta ISIN
BTP 4,00% 2005-37 EUR IT0003934657
BTP 4,50% 2010-26 EUR IT0004644735
BTP 4,75% 2008-23 EUR IT0004356843
BTP 5,00% 2003-34 EUR IT0003535157
BTP 5,00% 2007-39 EUR IT0004286966
BTP 5,00% 2009-25 EUR IT0004513641
BTP 5,00% 2009-40 EUR IT0004532559
BTP 5,25% 1998-29 EUR IT0001278511
BTP 5,75% 2002-33 EUR IT0003256820
BTP 6,50% 1997-27 EUR IT0001174611
BTP 7,25% 1996-26 EUR IT0001086567
BTP 8,50% 1993-23 EUR IT0000366721
BTP 9,00% 1993-23 EUR IT0000366655
BTP 6,00% 1999-31 EUR IT0001444378
Italian Ministry of Finance 5,38% 2003-33 USD US465410BG26
Italian Ministry of Finance 6,88% 1993-23 USD US465410AH18

 

 

 

 

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti