Indici Borsa Italiana: ecco chi entra e chi esce dal 20 giugno 2022 | Investire.biz

Indici Borsa Italiana: ecco chi entra e chi esce dal 20 giugno 2022

Vediamo i titoli che entrano e che escono dai più importanti indici azionari di Piazza Affari con la revisione di giugno. Ecco tutti i dettagli

Ogni trimestre il FTSE Russell comunica la variazione dei titoli che fanno parte dei principali indici azionari italiani. È un appuntamento importante per trader e investitori, sia retail che istituzionali, l’entrata o l’uscita da un importante paniere di riferimento, come il FTSE Mib, può determinare un apprezzamento/deprezzamento delle quotazioni del titolo oggetto di variazione.

Venendo all’ultima decisione del FTSE Russell, non sono previste modifiche al paniere delle 40 azioni costituenti l'indice FTSE Mib con la revisione di giugno. La nuova lista di riserva, immediatamente efficace, è composta da Reply, Buzzi Unicem, Erg e Autogrill, ha comunicato FTSE Russell.

Discorso diverso per l’indice azionario che comprende le società a media capitalizzazione: in seguito alla revisione periodica effettuata dal FTSE Italia Index Series Technical Committee, da lunedì 20 giugno 2022 Saras entrerà nell'indice FTSE Italia Mid Cap al posto dell’uscente Biesse.

 

Borsa Italiana, FTSE Mib: i 40 titoli che ne fanno parte

Il FTSE Mib rappresenta il più noto e importante indice azionario che fa parte della Borsa italiana e vi appartengono ben 40 società italiane con maggiore capitalizzazione. FTSE Mib è la sigla che sta per “Financial Times Stock Exchange Milano Indice Borsa”. Questo indice di Borsa rappresenta ben l'80% della capitalizzazione del totale del mercato delle azioni in Italia.

L’elenco delle società che lo compongono è in continuo aggiornamento. Questo varia in base alla capitalizzazione delle varie società italiane e della loro liquidità. In qualsiasi situazione, nessun titolo può avere una percentuale superiore al 15% del totale dell’indice. Ciò ha lo scopo di evitare un’eccessiva concentrazione. Vediamo ora i 40 titoli che fanno parte del FTSE Mib fino alla prossima revisione del FTSE Russell.

 

  • A2A
  • AMPLIFON
  • ATLANTIA
  • AZIMUT HOLDING
  • BANCA GENERALI
  • BANCA MEDIOLANUM
  • BANCO BPM
  • BPER BANCA
  • CAMPARI
  • CNH INDUSTRIAL
  • DIASORIN
  • ENEL
  • ENI
  • EXOR
  • FERRARI
  • FINECOBANK
  • GENERALI ASS
  • HERA
  • INTERPUMP GROUP
  • INTESA SANPAOLO
  • INWIT
  • ITALGAS
  • IVECO GROUP
  • LEONARDO
  • MEDIOBANCA
  • MONCLER
  • NEXI
  • PIRELLI & C
  • POSTE ITALIANE
  • PRYSMIAN
  • RECORDATI ORD
  • SAIPEM
  • SNAM
  • STELLANTIS
  • STMICROELECTRONICS
  • TELECOM ITALIA
  • TENARIS
  • TERNA
  • UNICREDIT
  • UNIPOL

 

Il valore dell’indice FTSE Mib è il risultato della media ponderata rispetto all’andamento dei vari titoli che ne fanno parte. Dunque, ogni componente incide in maniera differente sulla media complessiva: i titoli più rilevanti possiedono una percentuale più alta, mentre quelli più piccoli incidono in modo minore sulle variazioni dell’indice.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti