Kimura Trading

Mercato valutario: golden cross in arrivo su EurUsd

Ancora una volta 1.14 ha frenato EurUsd. All'orizzonte sta per essere formalizzato un pattern molto interessante, il golden cross. Cosa fare con il cambio?

  • L'annuncio di Trump di potenziali nuovi dazi sull'Europa ha scatenato le vendite su un Euro che si era arrampicato fino a 1.14
  • Il sentiment degli speculatori si sta gradualmente spostando dal lato bullish a quello bearish sul Dollaro ma ancora non siamo di fronte ad estremi
  • Dal punto di vista tecnica un golden cross tra medie mobili a 50 e 200 giorni è prossimo alla formalizzazione

 

Ancora una volta EurUsd fallisce l’assalto alle resistenze decisive rispedito all’ingiù da un ritorno del flight to quality sui mercati e delle tensioni sui dazi USA-Europa. L’annuncio di Trump di nuovi dazi possibili sui Paesi core dell’Eurozona oltre a UK ha fatto traballare Borse arrivate con la pancia piena ed un sentiment particolarmente benigno alla fine di questo secondo trimestre 2020.

I dati soprattutto di fiducia PMI pubblicati nella zona Euro hanno sorpreso in positivo e questo elemento aveva scatenato un certo furore nell’acquisto di moneta unica europea arrivata di nuovo vicino a 1.14. Poi la gelata trumpiana che ha riacceso le polveri in Borsa e fatto scendere di 2 figure l’Euro.

Il capitolo sentiment è un qualcosa di cui spesso e volentieri si tende a parlare poco, ma è fondamentale anche nel determinare i punti di massimo e minimo relativi di  un rapporto di cambio. Nelle ultime settimane ad esempio abbiamo assistito ad un ritorno al net long dell’esposizione dei non commercials sul mercato Future così come per la prima volta da maggio 2018 gli hedge fund sono tornati short sul Dollar Index.

Non siamo però di fronte ad eccessi di ottimismo/pessimismo. Se nel breve diversi indicatori facevano propendere per un approccio meno bearish sul Dollaro, nel medio periodo queste fasi sono tipicamente intermedie di un trend che sta prendendo forza. Stando così le cose il ritracciamento di EurUsd potrebbe essere interpretato come un’opportunità per rientrare long più avanti.

Sotto questo punto di vista dobbiamo annotare un altro pattern molto interessante che sta per essere formalizzato. Stiamo parlando del golden cross, ovvero il taglio della media mobile a 200 giorni dal basso verso l’alto da parte della media più veloce a 50 giorni. Un pattern che nella sua versione rialzista sta arrivando a compimento su EurUsd.

Avendo l’accortezza di utilizzare le medie mobili semplici vediamo dal grafico come l’incrocio è ormai quasi cosa fatta con 1.105 che ancora una volta rappresenta il potenziale punto di svolta. Lo era già stato qualche giorno fa quando dopo tanti tentativi EurUsd aveva strappato con decisione fino a 1.14, lo sarà di nuovo ora qualora il golden cross prendesse corpo. Evento che appare altamente probabile visto che il cambio dovrebbe precipitare in poche sedute sotto 1.10 per evitare l’evento. Ecco quindi che area 1.105 assume il duplice ruolo di segnale nonché di supporto di ideale ingresso long in caso di ribasso ulteriore del cambio.

Il golden cross è stato molto efficacie negli ultimi due casi di inversione di tendenza come quelli del 2017 e del 2018 e per questo, venendo da un bear market prolungato e profondo, il segnale rialzista sull’Euro non potrebbe essere ignorato in ottica estiva.

0 - Commenti