Eurozona: le stime aggiornate della Commissione Ue, Italia in focus | Investire.biz

Eurozona: le stime aggiornate della Commissione Ue, Italia in focus

11 nov 2022 - 14:30

11 nov 2022 - 16:57

Un 2022 migliore delle stime ma a preoccupare è il 2023. I numeri relativi Eurolandia ed il nostro Paese fanno registrare un andamento a due velocità

“Sebbene l'incremento del Pil nel 2022 sarà migliore di quanto stimato in precedenza, rispetto alle previsioni intermedie estive l’outlook per il 2023 è significativamente più debole in termini di crescita e maggiore per quanto riguarda l’inflazione”. È quanto emerge dalla pubblicazione del nuovo rapporto sulle stime economiche della Commissione europea. 

Lo studio, intitolato “ L’economia europea ad un punto di svolta”, evidenzia che, “dopo una prima parte di 2022 solida, l’economia europea è entrata in una fase decisamente più sfidante”. 

Questo perché la vicinanza geografica con i teatri di guerra e l’elevata dipendenza dalle forniture russe rende l’Europa particolarmente esposta all’attuale fase di crisi. “La crisi energetica sta erodendo il potere d’acquisto dei consumatori e penalizzando la produzione”. 



Commissione Ue: le stime aggiornate su Pil e inflazione in Europa


La crescita di Eurolandia, rileva la Commissione, è destinata a contrarsi “in maniera significativa”. Nell’anno corrente, Bruxelles, che in estate stimava un +2,6%, si attende un rialzo del Pil del 3,2% mentre l’anno prossimo il dato dovrebbe segnare un +0,3%, dal +1,4% precedente. 

Stime Pil Europa. Fonte: Commissione Ue

 

Dal +8,5% del 2022, l’inflazione tra i Paesi aderenti la moneta unica l’anno prossimo scenderà al 6,1%, per avvicinarsi al fatidico 2% della BCE nel 2024 (2,6%). 

 

Stime Inflazione Europa. Fonte: Commissione Ue



Le stime aggiornate sull'economia italiana


Anche per quanto riguarda il nostro Paese, la Commissione europea ha migliorato la stima di crescita per il 2022 al 3,8% e ridotto il dato relativo il prossimo anno allo 0,3%. Nelle previsioni estive i due dati erano rispettivamente visti al 2,9 ed allo 0,9 per cento. 

Il nuovo governo guidato da Giorgia Meloni si attende un incremento del 3,7% nell’anno corrente mentre la view sul 2023 è in linea con quella della Commissione. 

Dopo una fiammata all’8,7% nel 2022, Bruxelles vede la crescita dei prezzi al consumo passare al 6,6% l’anno prossimo ed al 2,3% nel 2024. 

In un contesto caratterizzato, “dal comparto manifatturiero e da quello delle costruzioni che già a partire dell’estate hanno iniziato a fornire segnali di indebolimento, e con le dinamiche legate alle riaperture che hanno esaurito il loro effetto, l’impatto negativo degli elevati prezzi dei prodotti energetici è destinato a divenire dominante in corrispondenza della fine dell’anno”. 

L’economia italiana “è destinata ad entrare in contrazione, con una ripresa tangibile che non è attesa prima della seconda metà del 2023”.

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti