Fed: previsione aumento tassi manda in rosso Wall Street | Investire.biz
Kimura Trading

Fed: previsione aumento tassi manda in rosso Wall Street

Mercati in rosso dopo le dichiarazioni della Fed. La Banca centrale USA prevede due aumenti dei tassi di interesse entro la fine del 2023. Ecco i dettagli

Dalla riunione di politica monetaria della Fed tenutasi ieri (qui il calendario dei meeting per il 2021) è emerso che i funzionari del FOMC, il braccio operativo della Banca centrale USA, hanno accelerato il ritmo previsto di inasprimento delle condizioni monetarie mentre cresce l’ottimismo circa il mercato del lavoro e l’aumento dell’inflazione. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

 

Riunione Fed 16 giugno 2021: cosa ha detto Powell?

Il Governatore della Fed, Jerome Powell, nella consueta conferenza stampa ha dichiarato che i funzionari del FOMC inizieranno una discussione sul ridimensionamento degli acquisti di obbligazioni utilizzati per sostenere i mercati finanziari e l'economia durante la pandemia.

Hanno anche rilasciato previsioni che mostrano che prevedono due aumenti dei tassi di interesse entro la fine del 2023, prima di quanto molti pensassero, e hanno inoltre aggiornato le stime sull'inflazione per i prossimi tre anni.

La Banca centrale ha mantenuto invariato l'intervallo target per il suo tasso di riferimento di riferimento da zero allo 0,25%, dove è da marzo 2020, e ha mantenuto il ritmo di 120 miliardi di dollari dei suoi acquisti mensili di obbligazioni. Il voto del Federal Open Market Committee è stato unanime.

Il segnale più aggressivo delle previsioni della Fed ha visto l'aumento del dollaro USA, il calo degli indici azionari e il balzo dei rendimenti dei Treasury a 10 anni. "È una sorpresa da falco", ha affermato Thomas Costerg, economista senior degli Stati Uniti presso Pictet Wealth Management, riferendosi alle proiezioni dei tassi. "Stiamo guardando una Fed che sembra positivamente sorpresa dalla velocità delle vaccinazioni e dal continuo ritiro delle misure di distanziamento sociale".

 

Fed: previsti due aumenti dei tassi di interesse entro il 2023

Le proiezioni trimestrali hanno mostrato che 13 funzionari su 18 erano favorevoli ad almeno un aumento dei tassi entro la fine del 2023, contro i 7 di marzo. Undici funzionari hanno visto almeno due aumenti entro la fine di quell'anno. Inoltre, 7 di loro hanno visto una variazione del costo del denaro già nel 2022, rispetto a quattro.

"I dot plot dovrebbero essere presi con le pinze", ha detto Powell, riferendosi alle previsioni sui tassi di interesse. Ha avvertito che le discussioni sull'aumento dei tassi sarebbero "altamente premature". La Fed ha segnato le sue previsioni di inflazione fino alla fine del 2023.

I funzionari vedono il deflatore dei consumi personali o PCE core aumentare del 3,4% nel 2021 rispetto a una proiezione di marzo del 2,4%. La previsione per il 2022 è salita al 2,1% dal 2% e la stima per il 2023 è stata portata al 2,2% dal 2,1%.

Negli ultimi due mesi le pressioni sui prezzi al consumo si sono dimostrate più calde del previsto. I dati del Dipartimento del Lavoro hanno mostrato un aumento dello 0,8% dei prezzi ad aprile e un aumento dello 0,6% a maggio, segnando i due maggiori aumenti mensili dal 2009.

"Mentre la riapertura continua, gli spostamenti della domanda possono essere grandi e rapidi e colli di bottiglia, difficoltà di assunzione e altri vincoli potrebbero continuare a limitare la rapidità con cui l'offerta può adattarsi, aumentando la possibilità che l'inflazione possa rivelarsi più alta e più persistente di quanto noi aspettarsi", ha detto Powell.

I rapporti del Dipartimento del Lavoro sull'occupazione pubblicati dall'ultima riunione del FOMC a fine aprile hanno invece deluso rispetto alle aspettative. Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti era ancora elevato al 5,8% a maggio, con milioni di posti di lavoro ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia.

Anche così, la proiezione mediana del FOMC per la disoccupazione nel quarto trimestre del 2021 è rimasta invariata al 4,5% e la stima mediana per lo stesso trimestre un anno dopo è stata ridotta al 3,8% dal 3,9%. La previsione per il 2023 si è mantenuta al 3,5%.

"Sono fiducioso che siamo sulla buona strada per un mercato del lavoro molto forte", ha detto Powell. "Abbiamo imparato nel corso dell'ultima lunghissima espansione, la più lunga della nostra storia, che l'offerta di lavoro durante una lunga espansione può superare le aspettative".


La Fed prevede una crescita del PIL del 7% nel 2021

La ripresa economica degli Stati Uniti sta acquisendo forza con il graduale ritorno alla normalità. La forte domanda da parte dei consumatori e delle imprese ha superato l’offerta, portando a colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento, tempi di consegna più lunghi e prezzi più elevati.

I funzionari della Banca centrale USA hanno espresso ottimismo sulle prospettive per la seconda metà dell'anno, dal momento che sempre più americani vengono vaccinati. Il FOMC ha di conseguenza alzato le sue proiezioni per la crescita economica del Paese.

Il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è previsto in crescita del 7% quest'anno, rispetto ad una proiezione precedente che vedeva il PIL in progresso del 6,5%. Il board della Fed ha mantenuto la previsione di espansione del 2022 al 3,3% e ha alzato la stima del 2023 al 2,4% dal 2,2% di marzo.

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti