Guardare ad ENI dopo il Capital Market Day | Investire.biz
Kimura Trading

Guardare ad ENI dopo il Capital Market Day

La divisione retail e rinnovabili di ENI, Plenitude, punta a fornire il 100% di energia pulita a tutti i propri clienti entro il 2040. Vediamo come investire sul titolo

ENI è sotto la lente di trader e investitori dopo il Capital Markets Day che si è tenuto lunedì scorso, 22 novembre 2021. Si chiamerà Plenitude la società nata da ENI, che integra i progetti nelle rinnovabili il business retail e la mobilità elettrica.

Il gruppo guidato dall’Amministratore Delegato Claudio Descalzi ha dichiarato di voler mantenere una quota del 70% nel business delle energie rinnovabili e al dettaglio, che intende quotare nel 2022. ENI ha affermato che il nome, che significa “abbondanza”, è stato scelto per rappresentare la "proposta integrata e diversificata" della nuova società, nonché il suo "approccio end to end alla sostenibilità".

L’IPO è la più grande mai compiuta da una società del settore in risposta alle pressioni a livello globale per ridurre le emissioni di CO2 e orientarsi verso forme di energia più sostenibili e rispettose dell’ambiente. Claudio Descalzi ha dichiarato che la nuova attività, che mira a fornire prodotti energetici completamente decarbonizzati a tutti i suoi clienti entro il 2040, sarà in grado di crescere più velocemente da sola.

Il Cane a sei zampe prevede di vendere fino al 30% della nuova società, in un processo che sarà gestito da Goldman Sachs, Credit Suisse e Mediobanca. I produttori di petrolio e gas, che affrontano un costo del capitale più elevato rispetto alle attività di pura energia rinnovabile, sono sotto pressione per investire di più in energia pulita, pur continuando a generare profitti dalle attività legacy per pagare gli azionisti e finanziare la transizione.

Il gruppo prevede che con la nuova struttura Plenitude avrà accesso a finanziamenti più economici, ma beneficerà comunque della continua integrazione della divisione delle rinnovabili e del business retail di gas ed energia. Le tre divisioni, dominate dal business retail ENI gas e luce che conta circa 10 milioni di clienti, si prevede che quest'anno realizzeranno un utile combinato al lordo di interessi, imposte e ammortamenti di 600 milioni di euro.

ENI spera l’Ebitda arrivi a 1,3 miliardi di euro entro il 2025. Il Cane a sei zampe ha affermato che Plenitude avrà un indebitamento netto di circa zero all'inizio del 2022 e investirà in media 1,8 miliardi di euro all'anno fino al 2025, con circa l'80% degli investimenti incentrati sulla generazione di energia rinnovabile. Il ramo delle energie rinnovabili di ENI ha attualmente quasi 2 GW di capacità installata.

La società prevede che crescerà fino a 6 GW entro il 2025 e 15 GW entro il 2030. Barclays ha di recente aggiornato il suo target price da 13 a 16 euro (rendimento potenziale del 31% circa), il titolo per la banca d’affari passa da “underweight” a “overweight”.

Gli esperti della banca evidenziano come ENI sia diventata leader nel settore della transizione energetica ed è destinata a fornire “rendimenti competitivi” agli azionisti. Tra gli analisti monitorati da Bloomberg il 60% è “buy” sul titolo, il 33,3% “hold” e solo 2 “sell”, il 6,7%. Il prezzo obiettivo medio è di 13,92 euro con rendimento potenziale di circa il 14%.

Alla luce di ciò, ad attirare la nostra attenzione per puntare sul titolo in ottica non prettamente rialzista è stato il Certificato Recovery Bonus Cap di Société Générale con ISIN DE000SF54GU8 che ha come sottostante ENI. Vediamo cosa dice l’analisi tecnica sul titolo quotato a Piazza Affari.

 

Azioni ENI: l’analisi tecnica

Il quadro tecnico delle azioni ENI appare costruttivo a Piazza Affari. Nonostante la recente perdita di momentum rialzista, i corsi si mantengono ancora al di sopra della linea di tendenza ascendente che collega i minimi segnati a fine ottobre 2020, luglio, agosto e settembre 2021, ora transitante a 11,28 euro.

Segnali di forza su questo livello potrebbero essere interpretati come opportunità di acquisto in linea con il trend dominante e con primo obiettivo in area 14 euro. Un target più ambizioso potrebbe essere identificato a 14,46 euro, livello al quale transita la resistenza statica che conta i massimi registrati tra tra settembre 2019 e gennaio 2020.

La positività verrebbe meno con una violazione stabile di 10,73 euro, movimento che potrebbe consentire alle forze ribassiste di tornare verso il supporto orizzontale a 9,33 euro.

 

Investire su ENI con i Certificati

La situazione descritta sinora su ENI è particolarmente interessante se si guarda al Certificato Recovery Bonus Cap di Société Générale con ISIN DE000SF54GU8. Questo prodotto è quotato dal 28 ottobre 2021 sul mercato SeDeX di Borsa Italiana ad un prezzo di emissione di 90,65 euro.

Questo strumento consente agli investitori di ricevere un rimborso a scadenza di 100 euro lordi a patto che alla Data di Valutazione Finale fissata al prossimo 16 giugno 2022 (circa 7 mesi) la quotazione di ENI non sia mai stata uguale o inferiore a quella della Barriera, fissata a 10 euro, circa l’81% del prezzo spot attuale del titolo.

La Barriera è di tipo americano e continua, osservata cioè con riferimento a qualsiasi valore del sottostante rilevato durante il Periodo di Osservazione, che va dalla data di emissione del prodotto fino alla Data di Valutazione Finale (inclusa).

Al momento della scrittura il Certificato quota ad un prezzo ask di 91,65 euro (guadagno lordo potenziale del 9,11% in circa 7 mesi), mentre le azioni ENI veleggiano circa il 23% al di sopra della Barriera. Al contrario, se durante il Periodo di Osservazione il prezzo del sottostante è stato almeno una volta uguale o inferiore alla Barriera posta a 10 euro, potranno verificarsi due scenari:

1 - Se il prezzo delle azioni ENI alla Data di Valutazione è uguale o superiore al Cap (14 euro), si riceverà un Importo di Rimborso pari all’Importo Massimo (100 euro).

2 - Se il prezzo delle azioni ENI alla Data di Valutazione è inferiore al Cap (14 euro), si riceverà un Importo di Rimborso pari al prodotto tra l’Importo di Calcolo di 87 euro e la performance di ENI. La performance sarà calcolata dividendo il prezzo del sottostante alla Data di Valutazione per lo Strike (12,18 euro). In questo scenario si potrà incorrere in una perdita del capitale investito nel caso in cui l’Importo di Rimborso sia inferiore al prezzo di acquisto del certificato.

 

 

 

 

DISCLAIMER
Il presente articolo è stato redatto dalla redazione di Investire.biz. Investire.biz ha stipulato un accordo con Societe Generale tale per cui, a fonte del pagamento di un corrispettivo, Investire.biz si impegna a selezionare, in modo del tutto autonomo e indipendente da Societe Generale, uno o più prodotti facenti parte della gamma di prodotti di Societe Generale negoziati su Borsa Italiana o EuroTLX, che siano legati al sottostante che è di volta in volta oggetto dell’analisi contenuta negli articoli predisposti da Investire.biz. Il presente articolo non costituisce sollecitazione, offerta, consulenza o raccomandazione all’investimento. Per qualsiasi informazione sui prodotti oggetto dell’articolo, il lettore deve leggere attentamente il KID e la documentazione d’offerta e può rivolgersi al proprio intermediario di riferimento. Societe Generale e Investire.biz non assumono alcuna responsabilità per l'eventuale utilizzo che il lettore potrà fare dei contenuti dell’articolo. L’ultima versione del Documento contenente le Informazioni Chiave (KID) e la documentazione d’offerta del prodotto descritto nel presente articolo potranno essere visualizzati e scaricati rispettivamente dal sito http://kid.sgmarkets.com e http://prospectus.socgen.com. Tali documenti sono altresì disponibili sul sito http://prodotti.societegenerale.it nonché gratuitamente, su richiesta, presso gli uffici di Societe Generale, in via Olona, 2 a Milano.

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti