Crypto Today: le top 3 news sulle criptovalute di oggi 13/07/22 | Investire.biz

Crypto Today: le top 3 news sulle criptovalute di oggi 13/07/22

La Posta Svizzera offrirà servizi in criptovalute, mentre Buterin difende la scelta PoS su Ethereum. Notizie su conti fruttiferi in cripto sotto indagine in California

Bitcoin staziona ancora al di sotto dei 20.000 dollari, toccando anche i 19.240 dollari nella serata di ieri. Per la giornata di oggi è atteso un aumento della volatilità che potrebbe portare la principale criptovaluta ad uscire dall’intervallo compreso tra 21.500 e 18.500 dollari in cui si trova da quasi un mese.

L’evento che potrebbe innescare bruschi movimenti delle quotazioni è la pubblicazione dei dati sull’inflazione americana attesi per le 14:30 di oggi. Tale dato potrebbe influenzare l’atteggiamento della Federal Reserve sulle politiche monetarie che ultimamente stanno guidando i movimenti di tutti i mercati.

Le principali altcoins seguono un andamento altalenante, senza una direzionalità predominante. I migliori asset crittografici di oggi sono Aave (AAVE) che cresce del 9,6% rispetto a ieri, Curve (CRV) con +7,3% e Convex Finance (CVX) con +7%. Vediamo le principali notizie di giornata.

 

La Posta Svizzera offrirà un servizio di custodia di criptovalute

Il ramo bancario della Posta Svizzera, PostFinance, è pronto ad integrare una piattaforma di trading di criptovalute ed un servizio di custodia dedicato ai propri clienti. Dörte Horn, il portavoce di PostFinance, ha dichiarato a Cointelegraph che il consiglio di amministrazione considera le risorse digitali come un’area di crescita strategica.

Horn ha aggiunto che al più tardi nel 2024 le poste offriranno un servizio proprietario per la custodia, l’acquisto e la vendita di criptovalute. Nel 2021 PostFinance ha collaborato con la piattaforma di trading online Swissquote per sviluppare l'applicazione mobile Yuh, che consente ai propri clienti la negoziazione di azioni tradizionali, oltre a 25 criptovalute.

Horn ha commentato che non c’è alcuna intenzione di abbandonare Yuh; tuttavia, questo rimarrà un servizio indipendente rivolto ad un segmento di clientela non necessariamente legato alle poste. La nuova piattaforma a marchio PostFinance sarà invece dedicata esclusivamente ai propri clienti, con lo scopo di colmare la sempre crescente richiesta interna.

 

Vitalik Buterin risponde alle critiche sul passaggio di Ethereum al PoS

Mentre alcuni credono che l'imminente passaggio di Ethereum al “Proof-of-Stake” (PoS) possa portare la criptovaluta in cima alla classifica degli asset digitali più capitalizzati, si diffondono anche opinioni contrastanti, soprattutto da parte di sostenitori di Bitcoin. Solo 3 giorni fa, il CEO di MicroStrategy e grande sostenitore di Bitcoin Micheal Saylor ha affermato che Ethereum è “ovviamente” un titolo.

Oggi, 13 luglio, anche Nick Payton su Twitter ha fatto eco a Saylor, chiamando i sostenitori di Ethereum “Proof of Stakers” e affermando che la facoltà di votare per modificare le proprietà di un protocollo dimostra che le risorse PoS sono dei titoli a tutti gli effetti. Il fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha risposto al post descrivendo la tesi di Payton come “sfacciata bugia assoluta”.

Secondo Buterin il voto legato alle dinamiche PoS non riguarda la modifica del protocollo, ma solo l’approvazione dei blocchi scritti in blockchain, e se ci fossero dei blocchi non validi verrebbero rifiutati sia in PoW che in PoS. La verità potrebbe trovarsi nel mezzo, poiché l’algoritmo PoW offre una maggiore decentralizzazione che inevitabilmente favorisce la classificazione delle criptovalute che lo utilizzano come materie prime; tuttavia, il metodo di validazione dei blocchi non necessariamente ha un impatto diretto sulla governance del protocollo.

 

In California indagati i conti con interessi in criptovalute

Il Dipartimento per la protezione e l'innovazione finanziaria della California (DFPI) ha allertato i consumatori di esercitare estrema cautela nell’apertura di conti fruttiferi in criptovalute. Il DFPI ha anche dichiarato di aver aperto un’indagine su alcuni fornitori, come BlockFi e Voyager, per aver offerto questo tipo di servizi in passato.

In una nota è stato sottolineato come questi conti non siano disciplinati dalle stesse regole e tutele delle banche e delle unioni di credito, tanto è vero che alcune piattaforme stanno "impedendo ai clienti di prelevare e trasferire tra i loro conti". Con questa affermazione i regolatori hanno fatto un chiaro riferimento alla sospensione dei prelievi da parte di Celsius, che sono stati sospesi dal 12 giugno e non sono ancora stati ripristinati.

Nella nota si evidenzia anche come i fornitori di servizi “potrebbero non aver adeguatamente rivelato i rischi che i clienti devono affrontare quando depositano risorse crittografiche su queste piattaforme". Il DFPI ha anche sottolineato che, a suo avviso, in alcuni casi sono stati anche proposti titoli non registrati, indicando due ordini di cessazione recentemente emessi a BlockFi e Voyager per interrompere le loro attività in California.

 

 

Sei un Cripto Trader o Investor? Non perdere il Webinar del mercoledi di Investire.biz dedicato alle Cripto! Iscriviti da   QUI, è gratis!

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti