Umicore: ottime prospettive dalle auto elettriche

  • Il mercato delle auto elettriche ha un enorme potenziale per i prossimi anni e il cobalto è un elemento fondamentale per la produzione di batterie;
  • Umicore è una società specializzata nel trattamento del cobalto e, negli ultimi mesi, ha beneficiato in borsa del suo apprezzamento;
  • Umicore sta facendo grandi progressi anche sul riciclo delle batterie esauste, infatti, in collaborazione con Audi, arriva ormai a riciclare oltre il 90% dei componenti delle batterie utilizzate dalla casa automobilistica tedesca.

Come abbiamo visto in più occasioni, nei prossimi anni i mezzi di trasporto saranno sempre più alimentati da batterie elettriche, le quali sostituiranno completamente le attuali fonti di energia decisamente non più sostenibili.

Per dare un’idea del potenziale mercato, si pensi che attualmente meno del 3% delle automobili prodotte nel mondo da tutte le case automobilistiche sono elettriche, quindi si prospetta una crescita enorme.

In questo contesto risulta di fondamentale importanza il cobalto, ossia un materiale raro essenziale per fare funzionarie le batterie al litio che sono la fonte di energia delle auto green.

Dalla seconda metà del 2019 il prezzo del cobalto è salito molto e di ciò ne ha tratto beneficio Umicore, società belga specializzata nel trattamento di questo elemento chimico, incrementando il suo valore in borsa.

Mi ero già occupato di Umicore alcuni mesi fa, dopo la notizia dell’accordo con LG Chem per la fornitura, garantita per molti anni, di materiali necessari alla produzione di batterie elettriche.

Allora ero stato fiducioso in una continuazione del trend positivo iniziato a fine agosto del 2019, e, dopo la rottura al rialzo di 36,98, la società belga ha continuato la sua ascesa raggiungendo i target segnalati.

Umicore, inoltre sta facendo enormi passi in avanti sulla tecnologia che sta alla base del riciclo delle batterie esauste, aspetto quest’ultimo di particolare importanza, sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista economico.

Le batterie contengono materiali rari, come il cobalto e il litio, quindi è fondamentale poterli riutilizzare per nuove produzioni.

A tal proposito, Umicore sta collaborando attivamente dal 2018 con Audi, arrivando a riciclare più del 90% dei materiali che compongono le batterie della prima auto elettrica prodotta dalla casa automobilistica tedesca.

In borsa, il titolo, dopo avere subito una rovinosa discesa tra l’aprile e il maggio dello scorso anno, ha trovato un supporto valido nella fascia compresa tra 25 e 26 euro, in cui si è sviluppata una fase laterale di accumulazione.

Con la rottura al rialzo dell’area di 28,40 euro, è iniziato, all’inizio di settembre del 2019, un forte trend, in cui i prezzi si sono riportati stabilmente sopra la media mobile a 200 giorni.

Nuovi livelli da considerare sul time frame giornaliero.

Long:

ingresso: breakout area 44,83 euro, oppure attendere un pattern di inversione sulla discesa in corso e rientrare al rialzo in favore di trend
stop: minimo relativo precedente
1° Target: area 48,47 euro 2° target: area 50,78 euro.

Short:

Ingresso: breakout minimo relativo che è tuttora in fase di formazione
Stop: area 44,83 euro
1° Target: area 37,55 euro 2° target: 35,95 euro.

0 - Commenti