Kimura Trading

IPO Wall Street: 2 nuove stelle pronte a far splendere il NASDAQ

Le sfide economiche e congiunturali poste dal Coronavirus sono emerse in modo molto chiaro negli ultimi giorni con la diffusione dei dati del PIL degli Stati Uniti e dei diversi Paesi dell'Eurozona. Eppure in questo contesto, la stella delle società tecnologiche ha brillato come non mai. Le aziende Tech si sono mostrate quelle meglio capaci di rispondere a uno shock che ha invece colpito i modelli di business classici, la cosiddetta “old economy”.

Gli investitori internazionali hanno subito fatto emergere questo vantaggio andando a premiare questa tipologia di azioni, con il NASDAQ 100 capace di recuperare tutte le perdite subite nelle primissime settimane di diffusione del virus in Europa e America e andare a segnare a più riprese i massimi storici.

Approfittando dell’interesse degli investitori per le società tecnologiche, due nuove matricole si apprestano quotarsi a Wall Street: Vital Farms e Vasta Platform. L'indice di quotazione delle due aziende è il NASDAQ Global Select Market, paniere che racchiude oltre 1.400 società basate negli USA che incontrano i requisiti finanziari, di liquidità e di governance imposti da NASDAQ. Da inizio anno, questo listino ha messo a segno un rialzo del 19,07%.

Vediamo ora i dettagli delle IPO delle due nuove matricole di Wall Street, ponendo un focus sul loro business di riferimento. Parliamo di loro perchè, come vedremo, gli investitori USA si sono mostrati molto interessati a queste due IPO, entrambe capaci di chiudersi con prezzi delle azioni superiori alla forchetta di prezzo fissata prima di iniziare il collocamento dei titoli.

Vital Farms: i dettagli dell’IPO

Vital Farms ha depositato la sua richiesta di quotazione delle sue azioni ordinarie alla Securities and Exchange Commission lo scorso 9 luglio, con l’obiettivo di raccogliere capitale per 100 milioni di dollari. Oggi la società ha annunciato di aver ottenuto 205 milioni di dollari offrendo 9,3 milioni di azioni a 22 dollari l'una, al di sopra della forchetta di prezzo iniziale di 19-21 dollari per titolo. Il range di prezzo iniziale di 15-17 dollari è stato alzato lo scorso mercoledì. Se tutte le Stock Option venissero riscattate, l’azienda avrebbe una capitalizzazione di mercato pari a 991 milioni di dollari.

Vital Farms: chi è e di cosa si occupa

Vital Farms è un’azienda nata in Texas nel 2007 da Matt O’Hayer e dalla moglie Catherine Stewart. La società è il più grande produttore di uova allevate al pascolo degli Stati Uniti e ha creato un business che permette di portare uova di alta qualità da piccole fattorie a conduzione familiare ai consumatori di tutta la Nazione. L’azienda, che produce anche burro, ha visto passare i propri ricavi netti dagli 1,9 milioni di dollari del 2010 ai 140,7 milioni del 2019.

VitalFarms si definisce come un “produttore di alimenti eticamente allevati” e ottiene il 91% del suo fatturato dalle uova. Questo tipo di cibo è estremamente popolare negli Stati Uniti, tanto che Statista proietta un consumo pro capite di uova negli USA di 289,9 unità nel 2020. Dal 1999 il trend è in costante crescita, rallentato solo dall’influenza aviaria del 2015. Non solo. VitalFarms beneficia anche della tendenza ascendente di consumatori che preferiscono optare per il cibo prodotto eticamente e in modo sostenibile.

Vasta Platform: i dettagli dell’IPO

Vasta Platform ha raccolto 353 milioni di dollari offrendo 18,6 milioni di azioni a 19 dollari, sopra l’iniziale forchetta di prezzo di 15,50 e 17,50 dollari. A questo prezzo, l’azienda avrebbe un valore di mercato di 1,6 miliardi di dollari. La società ha depositato la sua richiesta di quotazione delle sue azioni ordinarie alla Securities and Exchange Commission lo scorso 23 luglio.

Vasta Platform: chi è e di cosa si occupa

Vasta Platform è un’azienda brasiliana risultato dell’acquisizione da parte di Cogna Educacao (la più grande società privata del Brasile nel settore dell’educazione) di Somos Sistemas. La società è stata creata principalmente per costruire due piattaforme per fornire servizi educativi di elementari, medie e superiori attraverso le scuole private.

Il primo segmento è quello che si occupa di creare soluzioni educative di base, il secondo invece si focalizza sull’integrazione amministrativa delle scuole private partner. L’obiettivo di Vasta è quello di aiutare le scuole private ad essere migliori e più profittevoli attraverso il processo di trasformazione digitale.

Nel 2019 l’azienda ha ottenuto profitti per 104,4 milioni di dollari, il 15,9% in più rispetto ai 90,079 milioni del 2018. Nei due anni l’azienda è riuscita a ridurre le perdite nette dai 116,717 milioni di dollari del 2018 a 11,7 milioni nel 2019. Nei primi tre mesi del 2020 Varta ha segnato un utile netto di 5,3 milioni di euro.

Al 31 marzo 2020, l’azienda conta 1.956 dipendenti. Alcuni analisti notano come il problema con questa società è relativo al fatto che tutte le sue attività sono denominate in Real brasiliani, valuta che negli ultimi anni si è deprezzata di oltre il 30% nei confronti del Dollaro USA.

0 - Commenti