Coronavirus: azioni Johnson & Johnson al traino del vaccino

  • Johnson & Johnson ha annunciato che la sperimentazione sull’uomo del proprio potenziale vaccino inizierà a settembre e, se i risultati saranno soddisfacenti, potrà essere utilizzato a inizio 2021 per i casi più urgenti;
  • La società farmaceutica statunitense ha affermato di avere investito 1 miliardo di dollari per la ricerca del vaccino, in collaborazione con l’agenzia governativa BARDA;
  • Johnson & Johnson sta potenziando la propria capacità produttiva in tutti i paesi in modo da essere molto veloce nella produzione e nella distribuzione del potenziale vaccino.

Inizio di settimana brillante a Wall Street per le azioni Johnson & Johnson, al momento in rialzo del 7,09% a 131,74 dollari. La società fondata dai fratelli Johnson è tra le numerose aziende che a livello mondiale stanno attualmente concentrandosi per dare una risposta alle sfide sanitarie poste dal diffondersi del Coronavirus. La casa farmaceutica americana ha dichiarato che la propria ricerca sul vaccino contro il Covid-19 sta avanzando velocemente e molto probabilmente la sperimentazione sull’uomo inizierà da settembre. Se i risultati saranno soddisfacenti e dovessero passare anche la fase 1 della sperimentazione, ossia quella del test sugli esseri umani, per i casi più urgenti il vaccino di Johnson & Johnson potrebbe essere messo in commercio già dall’inizio del 2021. In collaborazione con l’agenzia BARDA, che fa parte del Dipartimento della sanità statunitense, la multinazionale USA ha investito oltre 1 miliardo di dollari per la ricerca del vaccino. Il management della società ha già iniziato ad organizzare la struttura in vista dell'avvio della produzione del vaccino. Negli Stati Uniti è stato allestito un nuovo sito produttivo, negli altri Paesi dove Johnson & Johnson sono state aumentate le capacità produttive cosè da rendere più snella e veloce la creazione e la distribuzione del farmaco. Vedendo la crescita dei contagi e l'allargamento del virus su scala planetaria, è lecito attendersi che una volta individuato il vaccino contro il Coronavirus avrà richieste molto elevate. Alex Gorsky, presidente e CEO di Johnson & Johnson, ha sottolineato la ferma determinazione della società a fare la propria parte nella lotta al coronavirus, ricercando e rendendo disponibile, nel più breve tempo possibile, un vaccino a livello mondiale.

 

Wall Street: i livelli di trading sulle azioni Johnson & Johnson

Dopo avere raggiunto a inizio febbraio del 2020 il proprio massimo storico a quota 154,50 dollari, le azioni Johnson & Johnson hanno intrapreso una rovinosa discesa in linea con il diffondersi della pandemia da Covid-19. L'avvitamento di Wall Street e degli indici di Borsa di tutte le piazze finanziarie internazionali non hanno risparmiato dunque i titoli della casa farmaceutica, con i prezzi delle azioni che hanno rotto violentemente al ribasso la media mobile a 200 giorni. Dal suo incrocio negativo dall'alto verso il basso, i titoli della società si sono mantenute stabilmente sotto il transito della media mobile. Prorio la scorsa settimana le quotazioni hanno toccato il minimo degli ultimi tre anni in area 110 dollari ad azione, livello che da un punto di vista tecnico ricopre un significato particolare. Nel passato la soglia di prezzo indicata ha dapprima funto da zona di resistenza arcigna e una volta rotta al rialzo ha lavorato da valido supporto. Partendo da questo livello e sfruttando i rialzi di tutti gli indici della Borsa americana, nelle ultime sedute le quotazioni di Johnson & Johnson hanno messo a segno un bel rimbalzo. Ora le notizie sull’avanzamento della ricerca del vaccino da contrapporre al coronavirus potrebbero contribuire a riportare le quotazioni verso l’alto. Da un punto di vista di trading, analizzando il grafico sul time frame giornaliero i livelli chiave long e short che si possono ricavare sono: 

 

Long

Ingresso: attendere un pattern di inversione rialzista, che potrebbe formarsi durante il trend ribassista in atto
Stop: appena al di sotto del minimo del pattern
1° Target: area 135,67 dollari 2° target: 143 dollari

Short

Ingresso: breakout area 109,16 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
Target: adottare una strategia di trailing profit

0 - Commenti