Azioni Banca Generali: livelli da monitorare con raccolta record | Investire.biz

Azioni Banca Generali: livelli da monitorare con raccolta record

La raccolta record del mese di dicembre potrebbe essere un ottimo driver per spingere i prezzi delle azioni Banca Generali verso le prime resistenze?

In una giornata in cui a Wall Street entrerà nel vivo la stagione delle trimestrali con i big della finanza, per Piazza Affari si profila un'apertura all'insegna della debolezza in scia alle vendite che hanno contrassegnato i listini a stelle e strisce ieri sera.

In questo contesto il FTSE Mib dovrebbe aprire nei pressi dei 27.500 punti, allontanandosi in questo modo dalla sogia dei 28.000 punti e avvicinandosi al contrario ai primi supporti situati in area 27.200-27300 punti.

 

Banca Generali: raccolta totale 2021 raggiunge nuovo record

Tra i settori che andremo a monitorare nella giornata odierna troviamo quello legato al risparmio gestito, nello specifico il titolo Banca Generali con la società che ha chiuso il 2021 con il miglior dato mensile e annuale di sempre per quello che riguarda la raccolta.

Nel dettaglio, nel mese di dicembre i flussi totali sono stati pari a 849 milioni di euro evidenziando un’ottima qualità e diversificazione: l’insieme delle soluzioni gestite, assicurative e amministrate ha sfiorato infatti il miliardo (986 milioni, +24% a/a) mentre si è ridotta la liquidità parcheggiata nei conti correnti. La raccolta totale del 2021 ha raggiunto i 7,7 miliardi da inizio anno (+31% a/a) superando il record precedente di 6,9 miliardi del 2017. 

 

Azioni Banca Generali: analisi tecnica e strategie operative

Se il trend principale delle azioni Banca Generali rimane impostato al rialzo, nelle ultime settimane il titolo sembrerebbe aver perso quella forza relativa che aveva contrassegnato gran parte del 2021, con i prezzi che si erano portati sui top in area 43,50 euro.

Nel breve periodo, le quotazioni si trovano a metà strada tra le prime resistenze situate in area 39,40 euro e i supporti nei pressi dei 36,70 euro: saranno quindi questi i livell da osservare, in quanto l'eventuale rottura di tali ostacoli spingerebbe i prezzi verso la soglia dei 41 euro. Al contrario, la rottura dei supporti indebolirebbe il quadro grafico con primi target ribassisti posti sui 35 euro.

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti