Azioni USA: Alpha Pro Tech protetta dal boom delle mascherine

  • Con l’espandersi del coronavirus, in tutto il modo è cresciuta in modo esponenziale la richiesta di mascherine di protezione;
  • Alpha Pro Tech, azienda canadese che produce le mascherine N-95, operante prevalentemente sul mercato statunitense, ha riscontrato un enorme incremento degli ordini in febbraio e marzo;
  • gli ordini aumenteranno ancora e la società sta potenziando le linee produttive per riuscire a evaderli.

Il numero di contagiati da Coronavirus a livello mondiale ha superato le 400mila unità, arrivando a interessare 169 Paesi. In uno scenario di pura emergenza sanitaria, sempre più Stati stanno decidendo di adottare misure di contenimento molto stringenti. Oltre a non uscire di casa, per le persone l’unico dispositivo di protezione che è possibile utilizzare per difenderci dal virus Covid-19 sono le mascherine. Il diffondersi del coronavirus su scala internazionale e la crescita esponenziale della domanda di questi dispositivi ha reso il prodotto praticamente introvabile nelle farmacie. Molte aziende, anche italiane, hanno iniziato la riconversione dei propri impianti industriali proprio per soddisfare la domanda di mascherine. Riadattare macchinari e capacità delle maestranza potrebe richiedere del tempo tecnico, fattore che in questo contesto da un vantaggio competivo di non poco conto a quelle aziende già attive nel settore.

 

Il diffondersi del virus negli Stati Uniti il traino per Alpha Pro Tech

Un esempio in tal senso è rappresentato da Alpha Pro Tech, uno dei maggiori produttori di dispositivi e abbigliamento protettivo sul suolo americano. Attiva quasi esclusivamente nel mercato statunitense, l'azienda rappresenta una dei possibili vincitori qualora il coronavirus dovesse ulteriormente diffondersi in America. Da fine gennaio in avanti, la società ha già iniziato a registrare un incremento di ordini delle mascherine N-95, elemento che ha attirato l'attenzione degli investitori e portato a una crescita delle quotazioni di Borsa delle azioni. Dall’11 marzo, proprio con l'allargarsi del contagio sul suolo americano, Alpha Pro Tech ha riscontrato un ulteriore aumento degli ordini, nell'ordine del 60%. Tra gennaio e oggi, l’azienda ha sviluppato un fatturato superiore al risultato generato da tutti i propri dispositivi sanitari nell’intero 2019.

Questa enorme domanda improvvisa rappresenta una sfida molto impegnativa per l’azienda. Gli ordini molto probabilmente continueranno a crescere e Alpha Pro Tech sta incrementando notevolmente le linee di produzione per riuscire a soddisfare l’incessante richiesta. Sicuramente il fatturato del 2020 sarà molto superiore al 2019 ma mai come ora si dovranno analizzare la composizione delle diverse voci di bilancio, specie quelle di composizione degli utili. L’incremento della produzione comporta anche un aumento dei costi e l'allargamento del numero di aziende che produrranno mascherine anti-contagio da un lato e il rientro dell'emergenza dall'altro potrebbero mettere sotto pressione i margini o comunque incidere sulla struttura di costo futura. 

 

Azioni Apha Pro Tech: a Wall Street il traino viene dal corona virus

Dall’avvento del coronavirus, a Wall Street le quotazioni delle azioni Alpha Pro Tech hanno fatto registrare un'enorme crescita. I titoli sono negoziati al NYSE e in particolare nella giornata del 24 febbraio il rialzo è stato accompagnato da un’esplosione dei volumi. Nei giorni successivi le quotazioni hanno subito una discesa repentina, che ha annullato buona parte dei guadagni sviluppati in precedenza; durante questa fase i volumi sono progressivamente diminuiti, quindi ci sono buone speranze che questa discesa possa rappresentare una serie di prese di beneficio e possa essere il trampolino di lancio per un nuovo rialzo. Stiamo quindi attenti al comportamento del titolo nei prossimi giorni. In ottica long, sul grafico giornaliero, se si formerà un nuovo minimo relativo più alto del precedente, che è stato a quota 8,33 dollari, potrebbe svilupparsi un nuovo impulso rialzista. Analizziamo quali sono i livelli di trading da monitorare, sia in ottica rialzista che short:

Long

Ingresso: attendere un pattern di inversione rialzista, durante il trend ribassista di breve periodo in corso, che potrebbe un 1-2-3 come evidenziato sopra
Stop: appena al di sotto del minimo relativo precedente
1° Target: area 18,55 dollari 2° target: 21,65 dollari

Short

Ingresso: breakout area 8,33 dollari
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 7,86 dollari 2° target: area 4,70 dollari.

0 - Commenti