Kimura Trading

Borse: Alibaba investirà $3 miliardi per acquistare Grab da Uber

  • Alibaba propone un investimento di 3 miliardi di dollari per acquistare la quota di Grab detenuta da Uber;
  • L'obiettivo dell'e-commerce cinese è quello di aumentare il bacino di utenza nel sud-est asiatico;
  • La reazione in Borsa dei titoli delle società coinvolte è piuttosto contenuta

 

Grab Holdings fa gola ad Alibaba. La multinazionale cinese del commercio online ha messo sul piatto 3 miliardi di dollari per acquisire Grab da Uber. L'azienda si Singapore è specializzata nel ride hailing e nei servizi di logistica attraverso la telefonia mobile. Attualmente l'azienda guidata da Anthony Tan è partecipata da Uber per il 27%, la quale da diverso tempo è sotto pressione da parte di SoftBank per uscire da alcuni investimenti costosi. Il dilagare della pandemia ha avuto un impatto disastroso per Grab, acuendo anche la concorrenza da parte del suo rivale più agguerrito, Gojek.

La situazione non è semplice perché potrebbe essere sbrogliata solo attraverso una fusione tra le due rivali ed è questo a cui spinge la holding guidata da Masayoshi Son. Il punto è che non è mai corso buon sangue tra i contendenti e una pace risolutoria per il momento non si vede all'orizzonte. Ecco quindi che in questo contesto Alibaba potrebbe trovare terreno fertile per entrare decisa nell'acquisizione di Grab.

 

Alibaba-Grab: le ragioni dell'acquisto

Oggi Grab ha una valutazione intorno ai 14 miliardi di dollari e negli ultimi anni ha recitato un ruolo di primo piano nei settori della consegna del cibo attraverso le app sulla telefonia mobile, i pagamenti online e i servizi finanziari. Recentemente però si è trovata in difficoltà per via di una crescita più lenta, cosa che ha comportato un taglio dei costi riducendo del 5% la forza lavoro.

La quota acquistata da Alibaba potrebbe consentire al gruppo capitanato da Jack Ma di accedere a un bacino di milioni di utenti in otto diversi Paesi mondiali, oltre ovviamente ad espandersi delle attività nel digitale e nei servizi finanziari. Alibaba ha già fatto sentire la sua presenza nel sud-est asiatico nel 2016 quando ha acquisito Lazada, e-commerce fondato nel 2011 dalla tedesca Rocket Internet.

L'obiettivo ora del colosso cinese potrebbe essere quello di integrare la rete di consegna di Grab in Lazada, dando alla startup di Singapore l'accesso a una rete più ampia di consumatori. Se poi dovesse arrivare anche la fusione tanto vociferata con Gojek sarebbe la ciliegina sulla torta in quanto eviterebbe una concorrenza pericolosa tra i due principali attori nella regione asiatica nel settore dei taxi e anche in quelli come la consegna di cibo e la finanza.

 

Alibaba-Grab: la reazione dei mercati

All'apertura delle contrattazioni di Wall Street, la notizia è stata salutata senza troppo rumore. Le azioni Alibaba salgono dell'1%, portando al 27% il guadagno dall'inizio dell'anno e al 61% dai minimi di marzo quando si era in piena crisi pandemica.

Uber cresce dell'1,35% proseguendo un mini rally che dura da cinque sedute e che ha visto le azioni della società di San Francisco portarsi da un valore di 32,21 a 37,50 dollari. 

Softbank invece ha sbancato nella seduta della notte sui mercati asiatici (+10%), forte della notizia che la sua partecipata Arm passerà sotto il controllo del gigante americano Nvidia.

0 - Commenti