Criptovalute: la settimana pazza delle Stable Coin | Investire.biz

Criptovalute: la settimana pazza delle Stable Coin

04 dic 2020 - 07:15

Ascolta questo articolo ora...

Per le Stable Coin gli ultimi giorni sono stati di grande importanza per diversi motivi, dagli accordi di Visa alla regolamentazione USA. I dettagli

Le ultime giornate sono state molto interessanti per il mondo delle criptovalute. Visa ha stretto una partnership molto interessante entrando di diritto nel mondo delle Stable Coin, in America è uscita la proposta per uno “Stable Act” atto a regolamentare le emissioni di monete stabili e poi Tether ha fatto segnare dei volumi molto elevati in termini di capitali mossi in sole 24 ore. Cerchiamo di fare chiarezza e di approfondire quello che a tutti gli effetti sembra essere la primavera e l’inferno per le Stable Coin.
 

Visa: entra nel mondo Ethereum grazie a partership con Circle

Come è noto all’interno del mondo crypto, Visa è sempre stata favorevole al settore con numerose carte criptovalutarie ancorate al proprio circuito. Nella giornata del 2 dicembre Visa ha annunciato una partnership per collegare la sua rete di pagamenti, con oltre 60 milioni di commercianti, alla Startup Circle Internet Financial a capo della Stable Coin USDC (US Dollar Coin).

In questo modo il gigante delle carte di credito entra di diritto nel mondo Ethereum permettendo ai suoi clienti di scambiarsi USDC in cambio di servizi di qualsiasi tipo. Non solo, oltre alla possibilità di spendere e ricevere USDC, l'azienda darà la possibilità di creare un wallet dedicato alla Stable Coin in modo da facilitare lo scambio.

Gli USDC sono stati coniati nel 2018 e sono ancorati al valore del dollaro con un rapporto 1:1. Le riserve sono controllate dalla società di contabilità Grant Thornton, garante per far rispettare che l’importo effettivo del bene in circolazione sia almeno pari ai dollari che sostengono gli asset.
 

Il Congresso degli Stati Uniti vuole regolamentare le Stable coin

Come detto in precedenza, questa sembra a tutti gli effetti essere la settimana delle Stable Coin. Dopo la notizia molto interessante di Visa è arrivato il Congresso USA a placare gli animi. È stata infatti presentata e proposta una legislazione per regolamentare definitivamente le stablecoins chiamata “Stable Act”.

In sostanza la proposta è atta a restringere le libertà degli istituti privati per l’emissione di Coin private. L’atto si sviluppa si quattro punti fondamentali:
 

  • Richiede a qualsiasi emittente di una Stable Coin di ottenere una licenza bancaria;
  • Richiede la necessità da parte degli emittenti di seguire le normative bancarie secondo le giurisdizioni e le normative vigenti;
  • Richiede a qualsiasi società o banca che emetta Stable coin di ottenere l’approvazione della FED, della FDIC e dell’agenzia bancaria appropriata 6 mesi prima dell'emissione;
  • Richiede che qualsiasi emittente di Stable coin ottenga un’assicurazione FDIC o in qualche modo mantenga le sue riserve presso la Federal Reserve per garantire la conversione 1:1 con i dollari in qualsiasi momento.


Come possiamo intuire, questa regolamentazione entra a gamba tesa nei confronti di tutti gli istituti privati dietro alle varie Stable Coin, che se non rispetteranno queste disposizioni verranno ritenute illegali negli Stati Uniti.
 

Il volume transato su Tether raggiunge cifre astronomiche

L’ultima notizia nel mondo delle Stable coin riguarda Tether, la quarta criptovaluta per capitalizzazione di mercato. Negli ultimi giorni c’è stato un significativo aumento della sua capitalizzazione e del transato giornaliero, che è arrivato a toccare la cifra record di 43 miliardi di dollari in sole 24 ore.

La Stable e la sua trasparenza è sempre stata in dubbio in quanto c’è la paura che i volumi non siano effettivamente supportati da riserve bancarie esistenti. In più come sappiamo, molto spesso l’aumento del prezzo di Bitcoin è stato correlato a quello della circolazione di USDT. Insomma, la situazione non è chiara ed è da tenere sotto controllo. Le quote di mercato delle Stable Coin sono attualmente nelle mani degli USDT, quindi la sua influenza nel mondo crypto non è da sottovalutare.

2 - Commenti

Jacopo E.

Jacopo E. - 10/12/2020 22:53 Rispondi

Gianmarco G.

Gianmarco G. - 12/12/2020 09:44 Rispondi

I Nostri Partners



Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

Investire.biz non offre servizi finanziari, regolamentati o di investimento. Le informazioni presenti sul sito non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web della societĂ  puntano verso societĂ  finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Si prega di leggere Dichiarazione di non responsabilitĂ , Informativa sui rischi, Informativa sul trattamento dei dati personali e Termini e condizioni prima di utilizzare questo sito Web.

L’utilizzo del presente sito è soggetto al diritto svizzero, che ha giurisdizione esclusiva in relazione all’interpretazione, applicazione ed effetti delle condizioni d’uso. Il tribunale cantonale competente avrà giurisdizione esclusiva su tutti i reclami o le controversie derivanti da, in relazione a o in relazione al presente sito web ed al suo utilizzo.

Le informazioni presenti sul sito web non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web di ELP SA o ELP Finance LTD (di seguito il “gruppo ELP” o “ELP”) indirizzano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Gli strumenti finanziari menzionati nel presente sito web possono essere soggetti a restrizioni di vendita in alcune giurisdizioni.

Continuando ad accedere o utilizzare questo sito web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettarne i termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading e la speculazione finanziaria comportano un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumersi dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilitĂ  - Informativa sui rischi - MAR - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2024 Investire.biz, all rights reserved.