Kimura Trading

Indice S&P 500: per gli short attendere la rottura dei supporti

Nelle ultime sedute le quotazioni dell'indice di Borsa S&P 500 hanno evidenziato una certa fiacchezza. Per strategie short però è meglio attendere la rottura dei supporti

La prima parte dell’ultima giornata di Borsa della settimana si è conclusa all’insegna di un pacato ottimismo anche a dispetto della richiesta alla FED del Segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, per restituire i fondi messi a disposizione per finanziare alcuni piani messi a punto per fronteggiare la crisi pandemica.

L’Amministrazione Trump vorrebbe infatti utilizzare il denaro di 5 di questi piani per altre spese (si parla di 455 miliardi di dollari). Nel caso in cui questo dovesse accadere, nelle tre settimane di gennaio 2021 prima dell’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, il mercato resterebbe scoperto di questi fondi che, anche se poco utilizzati, hanno aiutato a sostenerlo. In Eurozona invece continua a tenere banco il veto di Ungheria e Polonia sul Bilancio UE 2021-2027.

Guardando i future dell’S&P 500, si evidenzia come oggi i corsi siano riusciti a rimbalzare a ridosso della linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 10 e 12 novembre 2020, la cui violazione incrementerebbe le possibilità di un pullback della trendline disegnata con i top del 3 settembre e 12 ottobre 2020.

Nelle ultime due sessioni i prezzi del principale indice di Borsa USA hanno evidenziato una certa indecisione, senza riuscire a prendere una direzione precisa. La rottura dei top di ieri, a 3.585,93 punti potrebbe in questo senso essere un segnale positivo per i compratori, che avrebbero quindi la possibilità di ritornare a guardare ai massimi storici.

Al contrario una discesa sotto 3.545,21 (minimi di ieri) aprirebbe la strada ad un ritorno verso i 3.500 punti, sostegno che se violato incrementerebbe le probabilità di un ritorno verso la zona dei 3.400 punti.

Indice di Borsa S&P 500: le strategie operative con i Certificati Turbo24 di IG

Operativamente si potrebbe seguire il downtrend di breve periodo per valutare strategie di natura short da 3.545 punti. Lo stop loss sarebbe localizzato a 3.588 punti, mentre l’obiettivo a 3.500 punti. Per questo tipo di trade si adatta il Certificato Turbo24 Short di IG con ISIN DE000A22P4T8, leva 11 e prezzo ask di 3,403 euro.

Sul Certificate i livelli operativi sono: prezzo di entrata a 3,716 euro, stop loss a 3,286 euro e target a 4,166 euro. Per trovare la corretta size di ingresso a mercato, ricordiamo che:

  • 1 Turbo24 = 0,01 euro a punto
  • 10 Turbo24 = 0,10 euro a punto
  • 100 Turbo24 = 1 euro a punto
  • 1.000 Turbo24 = 10 euro a punto

Per fare un esempio, pensiamo di comprare 200 pezzi del Certificato Turbo24 con ISIN DE000A22P4T8 per un controvalore di 742,4 euro. Se il nostro target venisse raggiunto potremo vendere i prodotti incassando 833,2 euro. Se invece dovesse venire raggiunto lo stop loss si avrebbe la possibilità di vendere i Certificate a 657,2 euro.

L’ammontare massimo che si potrà perdere non potrà in ogni caso superare l’investimento iniziale: perché accada ciò i prezzi del paniere dovranno raggiungere 3.909 punti, dove si trova il Knock-Out del Certificate evidenziato in giallo sul grafico.





DISCLAIMER

Questo articolo è stato sponsorizzato dall'emittente o dall'intermediario menzionato. Le informazioni in esso contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. Investire.biz non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subiti a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti su questo sito. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sul sito dell'emittente ed ottenere una consulenza professionale.

0 - Commenti