Kimura Trading

S&P500 torna sotto il livello 50% di Fibonacci

Con la richiesta di petrolio in pesante crollo, il mondo ricomincia a chiedersi se le borse abbiano o meno toccato il fondo.

Dopo il primo crollo, iniziato il 18 febbraio scorso, i prezzi dell'indice S&P500 hanno rimbalzato, segnando uno dei rialzi più impetuosi di sempre nella storia dei mercati.

Le borse rimbalzano, ma l'economia è ferma

Sono in tanti a pensare che, sui merati finanziari, il peggio sia passato...ma è davvero cosi?

Sembra pero' di essere tornati ai tempi pre crollo, quando la Cina cominciava la fase di look down e le borse (americane ed europee) continuavano a segnare nuovi massimi.

Se guardiamo quello che è successo al prezzo del petrolio nelle ultime ore, tutto sembra tranne che il peggio sia passato.

Il crollo del prezzo del petrolio è la conferma che l'economia di tutto il mondo è ferma ed è davvero difficile pensare che si riprenderà in fretta. Come possono le borse salire con l'economia ferma? Come possono le borse salire con un pianeta dove i consumi sono calati come mai prima nella storia?

Le borse sono a rischio crollo

Spesso si sente dire, nei telegiornali, che il Covid-19 potrebbe tornare con una seconda ondata di contagi...Lo stesso vale per le borse dove, a mio avviso è molto probabile una nuova ondata di ribassi.

Come avevo mostrato in questo video, sia nella crisi dell'anno 2000 che in quella del 2008, i prezzi dell'indice S&P500 hanno avuto due ondate di ribasso, la seconda è iniziata, in entrambi i casi, a cavallo del mese di maggio. Con l'economia in completo stallo, come mai successo nella storia del pianeta, è veramente improbabile pensare che tutto possa risolversi da un momento con l'altro e le mosse delle banche centrali, a mio avviso, non potranno fare altro che attutire il botto, ma non evitarlo.

L'indice S&P500, vediamo dal punto di vista tecnico

Il più importante indice americano è su un livello tecnico estremamente importante: il 50% di Fibonacci.

Come si vede nell'immagine, i prezzi dell'indice sono esattamente a metà del ribasso cominciato a febbraio, prima menzionato. Dopo un iniziale superamento di tale livello, i prezzi hanno subito invertito la rotta, tornando a prezzare al di sotto...un segno di debolezza che potrebbe innescare ulteriori ribassi.

Chi "vince" grazie ad un petrolio cosi basso?

In questa fase di mercato è importante analizzare lo scacchiere economico, al fine di capire quali sono le nazioni (ed i settori) che possono beneficiare dall'attuale, delicata situazione.

Ne parleremo in maniera approfondita questa sera a Money Never Sleeps, il denaro non dorme mai alle ore 18.00.

Iscriviti al podcast da QUI

0 - Commenti