MIB ESG: cos'è e quali sottostanti fanno parte dell’indice? | Investire.biz
Kimura Trading

MIB ESG: cos'è e quali sottostanti fanno parte dell’indice?

Che cosa è l’indice Mib ESG? Quali titoli ne fanno parte? Quali sono le differenze con il FTSE Mib? Ecco tutti i dettagli sul primo indice sostenibile di Piazza Affari

Il 18 ottobre 2021 Borsa Italiana ha lanciato il primo indice blue-chip per l'Italia dedicato alla sostenibilità, ossia che racchiude una serie di elementi di valutazione utilizzati nel settore finanziario per giudicare la sostenibilità degli investimenti, in un’ottica di valutazione complessiva di un’azienda che va oltre i risultati puramente economici.

Il Mib ESG Index è il secondo indice nazionale di Euronext che combina elementi di performance economica con valori Environmental, Social e Governance (ESG) dopo l’indice CAC 40 ESG lanciato a marzo 2021.

Lo scopo principale è quello di facilitare l'adozione di tradizionali approcci di investimento ESG, come i principi del Global Compact delle Nazioni Unite da parte degli investitori pubblici e privati e di ottenere il consenso per investimenti sostenibili e responsabili. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

 


Mib ESG Index: caratteristiche e funzionamento

La metodologia alla base dell'indice prevede una graduatoria delle migliori 40 società sulla base di criteri ESG, selezionate tra le 60 italiane più liquide, escludendo quelle coinvolte in attività non compatibili con investimenti ESG, si legge in una nota.

Nel Mib ESG Index ci sono tutte le società del FTSE Mib tranne Azimut, Buzzi, Campari, Diasorin, Exor, Finecobank, Interpump, Inwit, Leonardo, Tenaris. Fuori dal paniere principale, sono state inserite nel nuovo indice Anima Holding, Brembo, Erg, Falck Renewables, Iren, Mediaset, Reply, Salvatore Ferragamo, UnipolSai e Webuild.

La composizione dell'indice si basa sull'analisi dei criteri ESG condotta da parte di Vigeo Eiris e verrà rivista con frequenza trimestrale. La prossima revisione è prevista il 17 dicembre. Vigeo Eiris è una primaria agenzia di rating ESG europea. Dall’aprile 2019 Vigeo Eiris è entrata a far parte del gruppo Moody’s (Moody's ESG Solutions).

Ogni tre mesi si procederà quindi alla revisione dell’indice step nel quale, eventualmente, verranno aggiunte quelle società che hanno dimostrato miglioramenti in termini di pratiche Environmental, Social e Governance rispetto alla precedente valutazione.

Il nuovo indice è al momento rappresentato per il 19,7% da banche e per il 15,6% dal settore automotive, mentre il 12,8% viene dal settore elettrico convenzionale, l'8% da quello integrato oil&gas, secondo un’analisi di Equita SIM. Il peso maggiore per singolo titolo è di Intesa Sanpaolo, che vale da sola il 10,4% dell'indice, seguita da ENEL (9,7%), Stellantis (9,2%) ed ENI (8%).

 

Mib ESG Index: continua l’impegno di Euronext sulla finanza sostenibile

Il nuovo indice azionario MIB ESG risponde alla crescente domanda di strumenti di investimento sostenibile da parte degli operatori dei mercati finanziari. Il lancio dell'indice è stato un passo importante in grado di accelerare la transizione verso un'economia sostenibile e consentirà agli investitori di finanziare progetti e società ad alto impatto in Italia e in Europa.

Euronext è tra i protagonisti del mercato europeo degli indici ESG e vanta una lunga esperienza nel settore. Al momento il principale Exchange del Vecchio Continente gestisce più di 40 indici “sostenibili”, a cominciare dal lancio del primo indice ESG Low Carbon 100 Europe, avvenuto nel 2008.

Quest'anno Euronext ha compiuto un passo in avanti all'interno della sua ampia famiglia di indici il CAC 40 ESG, una versione del principale indice azionario francese orientato alla sostenibilità, e l'indice ESG world 75, scelto dal governo tedesco.

 

Mib ESG Index: i titoli che ne fanno parte

Ma quindi, quale è la composizione attuale del Mib ESG Index? Come abbiamo già anticipato in precedenza tra le 40 società che compongono il paniere, ve ne sono numerose che fanno parte del principale indice azionario di Piazza Affari, il FTSE Mib. Ecco quindi le 40 società del Mib ESG in ordine alfabetico che faranno parte dell’indice fino alla prossima revisione trimestrale (17 dicembre):

 

Titolo Indice Settore
A2a FTSE Mib Servizi Pubblici
Amplifon FTSE Mib Salute
Anima Holding Mid Cap Servizi Finanziari
Atlantia FTSE Mib Prodotti E Servizi Industriali
Banca Generali FTSE Mib Banche
Banca Mediolanum FTSE Mib Servizi Finanziari
Banco BPM FTSE Mib Banche
BPER Banca FTSE Mib Banche
Brembo Mid Cap Automobili E Componentistica
CNH Industrial FTSE Mib Prodotti E Servizi Industriali
ENEL FTSE Mib Servizi Pubblici
ENI FTSE Mib Energia
Erg Mid Cap Servizi Pubblici
Falck Renewables Mid Cap Servizi Pubblici
Ferrari FTSE Mib Automobili E Componentistica
Generali FTSE Mib Assicurazioni
Hera FTSE Mib Servizi Pubblici
Intesa Sanpaolo FTSE MIB Banche
Iren Mid Cap Servizi Pubblici
Italgas FTSE MIB Servizi Pubblici
Mediaset Mid Cap Media
Mediobanca FTSE MIB Servizi Finanziari
Moncler FTSE MIB Prodotto E Servizi Per Consumatori
Nexi FTSE MIB Prodotti E Servizi Industriali
Pirelli FTSE MIB Automobili E Componentistica
Poste Italiane FTSE MIB Assicurazioni
Prysmian FTSE MIB Prodotti E Servizi Industriali
Recordati FTSE MIB Salute
Reply Mid Cap Tecnologia
Saipem FTSE MIB Energia
Salvatore Ferragamo Mid Cap Prodotto E Servizi Per Consumatori
Snam FTSE MIB Energia
Stellantis FTSE MIB Automobili E Componentistica
STMicroelectronics FTSE MIB Tecnologia
Telecom Italia FTSE MIB Telecomunicazioni
Terna FTSE MIB Servizi Pubblici
UniCredit FTSE MIB Banche
Unipol FTSE MIB Assicurazioni
Unipolsai Mid Cap Assicurazioni
Webuild Mid Cap Edilizia E Materiali

 

Dalla tabella qui sopra si può notare che la maggior parte dei titoli, trenta su quaranta totali, fanno parte del principale indice  di Piazza Affari, il FTSE Mib. I restanti 10 titoli fanno parte del segmento a Mid Cap di Borsa Italiana.

Per quanto riguarda i settori, quello dei Servizi Pubblici è il più popolato con 8 titoli (A2a, ENEL, Erg, Falck Renewables, Hera, Iren, Italgas e Terna), segue il settore bancario con cinque titoli (Banca Generali, Banco BPM, BPER Banca, Intesa Sanpaolo e UniCredit).

Vi sono poi tre settori che contano 4 titoli ciascuno e sono quello delle Assicurazioni, Automobili E Componentistica e Prodotti E Servizi Industriali. Per le Assicurazioni troviamo Generali, Poste Italiane, Unipol e Unipolsai; per il settore Automobili E Componentistica vi sono Brembo, Ferrari, Pirelli e Stellantis. Infine, per la categoria  Prodotti E Servizi Industriali, Atlantia, CNH Industrial, Nexi e Prysmian.

Tre titoli per le categorie Energia e Servizi Finanziari, di cui fanno parte rispettivamente ENI, Saipem e Snam, e Anima Holding, Banca Mediolanum e Mediobanca. Meno rappresentati i settori Edilizia E Materiali (Webuild), Media (Mediaset), Prodotto E Servizi Per Consumatori (Moncler e Salvatore Ferragamo), Salute (Amplifon e Recordati), Tecnologia (Reply e STMicroelectronics) e Telecomunicazioni (Telecom Italia).

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti