USA: 5 vincitori e 5 perdenti con piano infrastrutturale di Biden | Investire.biz
Kimura Trading

USA: 5 vincitori e 5 perdenti con piano infrastrutturale di Biden

Il passaggio al Senato del piano da quasi 1.000 miliardi questa settimana riserverà vincitori e perdenti tra le aziende e i vari settori dell'economia. Vediamoli insieme

Il Congresso degli Stati Uniti questa settimana sarà chiamato a pronunciarsi sul maxi-piano infrastrutturale da quasi 1.000 miliardi di dollari presentato da Joe Biden. Le previsioni sono ancora per un ritocco da parte del Senato prima del via libera e del passaggio alla Camera dei Rappresentanti per l'approvazione definitiva.

Una componente importante del progetto è costituita da 550 miliardi di spese federali da spalmare in 5 anni che riguardano la modernizzazione di strade, viadotti, ponti, connessioni a banda larga, sistemi idrici ed elettrici. Il resto dei 450 miliardi di dollari del Piano Biden ha già ricevuto il lasciapassare dal Parlamento USA. Un accordo bipartisan è stato raggiunto durante il fine settimana, adesso rimane qualche limatura e poi il disegno di legge sarà pronto per essere omologato.

 

Piano infrastrutturale USA: 5 settori che vincono 

Se non ci dovessero essere grandi modifiche, è possibile fare una resa dei conti per vedere quali sono i settori e le aziende che da questa tornata legislativa ne usciranno vincitori e quali invece perdenti. Iniziamo a vedere i 5 settori che con il piano infrastrutturale potranno vincere e avvantaggiarsi nel loro business:

 

I corrieri

Società come Amazon, FedEx e UPS beneficeranno dell'investimento di 110 miliardi di dollari che il progetto di legge destinerà per il miglioramento di ponti e strade. Questo rende il percorso di consegna dei pacchi molto più agevole e con notevole risparmio di costi. Inoltre, vi è un altro grande vantaggio determinato dall'eliminazione dall'accordo bipartisan dell'aumento dell'imposta sul gas.

 

Le compagnie aeree

Il disegno di legge prevede lo stanziamento di circa 25 miliardi di dollari per l'ammodernamento degli aeroporti e per la riduzione delle emissioni. Ciò significa che le compagnie aeree come American Airlines, Delta Air Lines e Southwest Airlines non dovranno sborsare un centesimo per sostenere il costo delle riparazioni.

 

I produttori di materie prime

La costruzione di strade, ponti, cavi elettrici e quant'altro richiederanno una quantità enorme di materie prime come l'acciaio, l'alluminio, il rame, il cemento, ecc. Tutto ciò comporta che il prezzo di queste probabilmente continuerà a salire più di quanto non abbia fatto sinora, per la gioia dei produttori.

 

I provider di Internet

Il rifiuto da parte del Congresso di approvare i sussidi alle aziende che hanno già costruito reti,  cosa che avrebbe alimentato una maggiore concorrenza, ha fatto il gioco dei fornitori a banda larga come Comcast Corp. e Charter Comminications. In aggiunta a questo, il disegno di legge prevede un programma di emergenza a banda larga per aiutare i consumatori a pagare il servizio, di conseguenza i fornitori potrebbero usufruire di un bacino di utenza maggiore.

 

I produttori di energia nucleare

Il piano infrastrutturale stabilisce uno stanziamento di 6 miliardi di dollari per sostenere i reattori nucleari in difficoltà, in un contesto in cui la concorrenza del gas naturale e delle energie rinnovabili è molto forte. Il provvedimento eviterebbe così la chiusura di impianti a operatori come Southern Co. ed Exelon Corp., nonché favorirebbe alcuni minatori di uranio come Energy Fuels.

 

Piano Infrastrutturale USA: 5 settori che perdono

L'accordo bipartisan danneggerà allo stesso modo aziende e settori che saranno coinvolti negativamente nel piano, alcuni addirittura tra lo stupore generale viste le aspettative. Tra essi si possono annoverare:

 

I minatori di criptovalute

Per diverso tempo i portafogli crittografici hanno operato in una zona grigia, dove la sorveglianza da parte dell'Internal Revenue Service era inesistente. Il disegno di legge mira ad aumentare la presenza dell'IRS riguardo il monitoraggio delle transazioni in criptovalute. In sostanza, le aziende dovrebbero segnalare le operazioni di risorse digitali all'istituto, cosa non semplice per effetto della difficoltà tecnica a raccogliere le informazioni da segnalare.

 

I produttori di auto elettriche

Sembra difficile da credere in quanto gli investimenti sulla transizione energetica erano un cavallo di battaglia di Joe Biden prima del suo insediamento alla Casa Bianca. Eppure i fondi per i veicoli elettrici e le stazioni di ricarica delle batterie in questo piano sono molto meno dei 174 miliardi di dollari che il Presidente USA aveva proposto all'inizio del 2021. Per il momento vi sono appena 7,5 miliardi per i caricabatterie e 2,5 miliardi per gli autobus elettrici. Una delusione, insomma.

 

Gli operatori chimici

Gli operatori chimici inquinanti avranno vita dura con il piano Biden perché verrà ripristinata la tassa sulle aziende chimiche per ripulire i siti di rifiuti pericolosi. Questa tassa non esiste più dal 1995 e ora invece sarà in vigore per 10 anni.

 

I produttori di farmaci

Il pacchetto infrastrutturale imporrà ai produttori di farmaci di rimborsare Medicare per i medicinali che vengono sprecati per via di un imballaggio eccessivo. Le aziende che maggiormente hanno contribuito allo spreco in questi ultimi anni sono state Amgen, Celgene e Bristol-Myers Squibb. Per questo verrebbero svantaggiate dal programma.

 

I produttori di energia pulita

Vale lo stesso discorso fatto per le auto elettriche. Il piano manca di 8 miliardi di dollari in crediti d'imposta verso i produttori di turbine eoliche, pannelli solari, energia geotermica, ecc. che erano stati promessi e dei quali ne sono stati stanziati solamente 2,3 miliardi.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti