Kimura Trading

Criptovalute: i 5 migliori Exchange per compra le valute digitali

Per introdursi nel mondo degli investimenti in criptovalute è fondamentale la conoscenza di uno degli strumenti principe di tutto l’ecosistema: l’Exchange. Si tratta di piattaforme di trading dove è possibile scambiare le criptovalute fra di loro e con moneta FIAT.

È bene sapere che possiamo suddividerli in due grandi settori: vi sono quelli in cui con la moneta FIAT possiamo acquistare alcune criptovalute direttamente, vi sono quelli in cui non è presente la moneta FIAT e si scambiano solo criptovalute.

In realtà questa suddivisione, molto valida fino a qualche tempo fa, sta gradatamente andando ad affievolirsi perché i primi tendono ad aggiungere sempre più coppie scambiabili, mentre i secondi stanno implementando sempre più sistemi di acquisto diretto attraverso moneta FIAT.

Alcuni di questi stanno inoltre introducendo ulteriori strumenti finanziari come ad esempio il lending e, per molti versi, tendono sempre più ad assomigliare alle banche tradizionali. È un mercato in perenne evoluzione e i giganti del settore sono sempre più attivi e impegnati nel tentativo di fornire agli utenti qualcosa in più rispetto alla concorrenza.

 

I 5 migliori Exchange

In questo articolo vi parlerò dei migliori cinque Exchange per sicurezza, esperienza di utilizzo e varietà delle funzioni.

  1. Coinbase Pro. È la porta d’ingresso principale. Una volta fatto l’account è possibile fare bonifici sul proprio conto e procedere con gli acquisti. I fondi arrivano in un paio di giorni e le commissioni sono relativamente basse (0,5% su ogni acquisto, nessuna commissione di deposito). Da non confondersi con il fratello maggiore Coinbase del quale è praticamente l’upgrade, dove le commissioni sono più alte e si può acquistare anche con una semplice Postepay.
  2. Binance. Le monete acquistabili direttamente su Coinbase Pro non sono tante e se ad esempio fossimo interessati all’acquisto di Cardano (una a caso) non possiamo farlo. Conviene passare da BTC (o ETH) e inviare su Binance; qui avremo un’ampia gamma di scelta e potremo scambiare i nostri BTC con tante altre monete. Binance offre inoltre vari servizi come il lending o il margin trading e ha una propria blockchain e una propria valuta che offre alcuni vantaggi; se ad esempio ne possedete potete decidere di pagare le fees degli acquisti con quest’ultima e avere uno sconto del 25%. Ultimamente è stato introdotto anche un sistema di pagamento diretto con FIAT ma le commissioni sono un po’ più care. In definitiva si tratta di una piattaforma più per esperti ma da esplorare di certo, anche perché in continua evoluzione.
  3. Crypto.com. Nato da poco dalle ceneri del vecchio progetto Monaco (una carta che poteva contenere criptovaluta), si sta facendo strada con a grandi bracciate fra la concorrenza grazie soprattutto a un marketing parecchio aggressivo. Punta di diamante il programma Syndicate, secondo il quale in alcuni giorni specifici determinate cripto possono essere acquistate col 50% di sconto (il 9 giugno sarà la volta di Cardano). È un exchange molto simile a Binance e offre servizi analoghi; staking, app per smartphone ecc.
  4. Bittrex. Un exchange più “vecchio stile”, semplice da usare e minimale rispetto ai precedenti, ultimamente ha perso terreno verso la concorrenza ma rimane sempre un valido strumento anche perché sono listate alcune coin che non potete trovare negli altri.
  5. Switcheo. Si tratta di un servizio più avanzato, credo unico nel suo genere, che permette di effettuare gli swap fra gli ecosistemi di EOS, NEO ed Ethereum senza stare a spostarsi da un exchange all’altro (a seconda di dove sono listate le monete che avete esigenza di maneggiare). Lo cito soprattutto per questo motivo; in alcune situazioni potrebbe rivelarsi molto utile.

La carrellata potrebbe allungarsi parecchio ma penso che in questi 5 Exchange potrete trovare tutto ciò di cui avete bisogno. Il mondo delle criptovalute non è esattamente semplice e credo sia sempre buona cosa limitare il più possibile le informazioni in articoli di questo tipo. Per la stessa ragione ho citato solo alcune delle funzionalità che hanno, ovviamente la cosa migliore è sempre quella di sperimentare direttamente e prendere familiarità con le varie dashboard.

0 - Commenti