Flash crash: Bitcoin a 8.000 $, ecco cosa è successo su Binance | Investire.biz
Kimura Trading

Flash crash: Bitcoin a 8.000 $, ecco cosa è successo su Binance

Le quotazioni del Bitcoin hanno subito un flash crash limitato alla piattaforma Binance. Vediamo cosa è successo e quali effetti ha avuto il crollo sul mercato

Le quotazioni del Bitcoin hanno subito un flash crash sulla piattaforma di Binance, calando dell’88% in pochi secondi. Dopo aver raggiunto la zona degli 8.200 dollari, i prezzi sono tornati a scambiare in area di massimi storici e al momento veleggiano a quota 63.480 dollari.

Intanto dopo la quotazione del primo ETF in USA sulla prima valuta virtuale per capitalizzazione aumenta l’interesse degli investitori istituzionali sulle criptovalute: il fondo pensione dei vigili del fuoco di Houston ha comprato un valore di 25 milioni di dollari in Bitcoin ed Ether.

 

Flash crash Bitcoin su Binance: i motivi e gli effetti

Secondo Binance, il flash crash sul Bitcoin è stato dovuto ad un errore nel software di trading di uno dei suoi clienti istituzionali, ora risolto. Secondo gli esperti l’evento è strano, in quanto tipicamente i grandi investitori hanno dei sistemi che impediscono a queste problematiche di emergere.

I programmi infatti tendono a bloccarsi se è stato perso troppo denaro in un’operazione o se il prezzo usato in un trade è troppo distante dal best price. Anche gli Exchange dovrebbero avere queste protezioni attive.

Per fare un esempio, Coinbase cancella automaticamente gli ordini troppo al di fuori di certi parametri. Il crollo verticale del prezzo ha avuto degli effetti diffusi anche sulle altre piattaforme, con i corsi che hanno messo a segno ribassi nell’ordine del 5%, allontanandosi dai top storici.

 

Bitcoin: analisi tecnica e strategie operative

Da un punto di vista grafico, le quotazioni del Bitcoin hanno dato vita ad un pattern di bearish Engulfing con le candele del 19 e 20 ottobre 2021. Se il pattern dovesse essere attivato, si potrebbe assistere ad un movimento correttivo che permetta ai prezzi di riassorbire parte degli eccessi di acquisti delle ultime settimane.

Una flessione potrebbe spingersi dapprima verso la soglia psicologica dei 60.000 dollari, per poi passare in caso di prosecuzione delle vendite al successivo supporto a 57.650 dollari. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long da 57.470 dollari. Lo stop loss sarebbe identificabile a 53.120 dollari, mentre l’obiettivo a 68.000 dollari.

 

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti