Wall Street: due azioni USA che beneficiano del lockdown

  • Durante la pandemia da coronavirus alcuni servizi ricoprono particolare importanza, in particolar modo in corrispondenza del lockdown planetario;
  • in questo periodo si registra un forte incremento nell’utilizzo di internet e dei cellulari;
  • le persone tendono a fare scorta di prodotti, quindi le aziende della grande distribuzione stanno incrementando le proprie vendite.

Con le persone costrette a rimanere a casa per contenere il numero dei contagi da Coronavirus, alcune esigenze quotidiane stanno ricoprendo maggiore importanza.rispetto a quello che era lo stile di vita prima dell'inizio della pandemia. Due settori sono tra i maggiori interessati a questi cambi di abitudini: quello delle telecomunicazioni e quello della grande distribuzione. Relativamente al primo, è sotto gli occhi di tutti come l'uso dei cellulari per comunicare e l'uso di internet per le attività di svago e quelle di smart working abbiano assunto una valenza strategica e fondamentale per le persone. Anche la grande distribuzione sta registrando un forte aumento di interesse, sia per la tendenza a fare scorta di prodotti con l'inizio della fase di lockdown sia per il maggior numero di persone che ha iniziato a mangiare con regolarità a casa. In quest'ottica, oggi ci concentriamo e analizziamo due società statunitensi quotate a Wall Street che appaiono molto promettenti. Reatà che in Borsa hanno già beneficiato di quanto sta accadendo nel Mondo in questo periodo. Vediamole insieme:

 

Verizon

Il colosso delle telecomunicazioni statunitense detiene oltre 150 milioni di clienti, che difficilmente rinunceranno al telefono cellulare e all’abbonamento a internet durante questa emergenza. In questi giorni Verizon ha registrato un forte incremento dell’utilizzo della rete, derivante proprio dall’aumento di telefonate e messaggi inviati da casa durante il lockdown. In Aprile si è verificata un’espansione del 20% del traffico internet. Nel bel mezzo della pandemia, Verizon può essere dunque considerato alla stregua di un titolo difensivo in quanto si occupa di servizi ormai diventati essenziali, a maggior ragione in un periodo del genere. Le azioni della società sono quotate al NYSE e sono state protagoniste di un’ampia fase laterale compresa tra area 54 dollari ad azione e i 61,58 dollari. Dopo avere raggiunto a dicembre 2019 il massimo degli ultimi 20 anni a 62,22 USD, il titolo a Wall Street ha iniziato una rovinosa discesa che ha caratterizzato il primo trimestre del 2020. I minimi di periodo sono stati toccati a 48,84 dollari ad azione. Da questo livello, molto battuto in passato, è iniziato un nuovo rialzo che ha riportato il titolo oltre la media mobile a 200 giorni. Da un punto di vista di trading, le strategie operative long e short ricavate dall'analisi del grafico con time frame giornaliero sono: 

Long

Ingresso: breakout area 58,68 USD
Stop: appena al di sotto di 56,36 USD
1° Target: area 60,35 USD 2° target: 61 USD

Short

Ingresso: breakout area 56,36 USD
Stop: appena al di sopra di 58,68 USD
1° Target: area 52,16 USD 2° target: area 49,18 USD

 

Target

Come altri rivenditori di generi alimentari statunitensi, Target sta beneficiando della corsa agli acquisti scatenati dal diffondersi del Covid-19. A differenza di molti altri competitor, il gigante della grande distribuzione con sede a Minneapolis ha un ulteriore freccia al proprio arco per cavalcare il momento: una solida struttura di e-commerce. Target ha verticalizzato e al tempo stesso consolidato la propria posizione di rilievo grazia all'aquisizione di Shipt, piattaforma che garantisce la consegna delle merci in giornata. Questo servizio nell'attuale contesto storico ricopre un'importanza fondamentale nel rispondere alle esigenze dei clienti e contribuisce a rafforzare la visibilità sui risultati dell'azienda quotata a Wall Street. In Borsa le azioni Target hanno registrato una discesa costante durante il primo trimestre del 2020, movimento che però si è inserito all’interno di un solido trend rialzista di lungo periodo. La discesa delle quotazioni del titolo si è fermata in prossimità di un ottima area supportiva quale quella dei 90 dollari ad azione, ottimo supporto da cui è iniziato il trend rialzista che finora a contraddistinto i corsi nel mese di aprile. Da un punto di vista operativo, strategie di trading al rialzo o al ribasso ricavate dall'analisi del daily chart possono essere sviluppate così: .

Long

Ingresso: breakout area 118,88 USD
Stop: appena al di sotto del minimo relativo precedente
1° Target: area 125,66 USD 2° target: area 130,24 USD

Short

Ingresso: breakout area 90,17 USD
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
1° Target: area 80 USD 2° target: area 72,95 USD

0 - Commenti