Kimura Trading

Accordo Mediaset-Vivendi: dividendo straordinario in arrivo

Dopo cinque anni di scontro, Mediaset, Fininvest e Vivendi hanno trovato un’intesa per mettere fine alle loro controversie. Ecco tutti i dettagli

Dopo ben cinque anni di scontro, Mediaset, Fininvest e Vivendi hanno finalmente trovato un’intesa per mettere fine alle loro controversie, rinunciando reciprocamente a tutte le cause e denunce pendenti.

Si tratta di un accordo strategico che consentirà a Mediaset di perseguire i propri progetti di sviluppo internazionale senza più i blocchi creati dalle controversie legali. Vediamo tutti i dettagli.

 

Mediaset-Vivendi: c’è l’accordo, ecco tutti i dettagli

Dopo cinque anni di scontri le due società annunciano la pace. L’accordo era nell’aria già nel pomeriggio di ieri, quando sono emersi i primi dettagli relativi a trattative in corso tra i due colossi del settore media. 

I francesi di Vivendi hanno intenzione di cedere il 19,9% delle quote - detenute dalla fiduciaria Simon - entro cinque anni e si impegnano a non interferire nel progetto europeo di Mediaset.

Fininvest avrà il diritto di acquistare le azioni eventualmente invendute in ciascun periodo di 12 mesi, al prezzo di 2,70 euro per azione, dopo lo stacco del dividendo. Vivendi cederà a sua volta entro l’estate una parte delle sue quote e rimarrà azionista di Mediaset con la quota residua del 4,61%. 

Contestualmente entrambi i gruppi rinunciano a tutte le cause pendenti, compresa quella a Milano per il mancato acquisto di Premium, in base alla quale Vivendi avrebbe dovuto risarcire Mediaset per una cifra di 1,7 milioni.

Il Tribunale di Milano Sezione Civile aveva respinto le altre due richieste di risarcimento del gruppo italiano nei confronti di Vivendi in merito alla violazione dei patti parasociali e alla concorrenza sleale seguite alla vicenda Premium. Ma ci sono altre cause pendenti su cui Mediaset farà un passo indietro, come quella sul progetto MediaForEurope che Vivendi aveva chiesto di bloccare in varie sedi legali.

Dailymotion, società controllata da Vivendi, si è impegnata a pagare 26,3 milioni di euro per la definizione del contenzioso relativo al copyright con RTI e Medusa. Il closing dell'accordo è previsto per il 22 luglio 2021.

 

Accordo Mediaset-Vivendi: dividendo straordinario in arrivo

All'assemblea ordinaria di Mediaset, prevista il 23 giugno 2021, Fininvest proporrà la distribuzione a tutti gli azionisti di un dividendo straordinario di 0,30 euro per azione in pagamento il 21 luglio 2021.

Fininvest e Vivendi si sono obbligate a votare a favore di tale deliberazione. Le due aziende si impegnano a non interferire nel reciproco ambito di attività in futuro, salvo il caso dell'asta su M6 in Francia dove entrambe sono orientate a gareggiare in modo trasparente.

 

Azioni Mediaset: cosa fare a Piazza Affari?

Nella giornata di oggi le azioni Mediaset hanno proseguito il recente movimento rialzista partito dai minimi del 21 aprile scorso in area 2,30 euro per azione, testando un importante livello di resistenza statica. Il livello che potrebbe porre fine al recente uptrend è la resistenza orizzontale che conta i massimi registrati a novembre 2019, area corrispondente inoltre alla mediana dell’ampio trading range che si è sviluppato da luglio 2018 a dicembre 2019.

Per quanto riguarda le strategie operative, segnali di forza in caso di un ritracciamento in area 2,65 euro potrebbero essere interpretati come ottima opportunità di acquisto in linea con il recente trend al rialzo. In questo caso il target potrebbe essere identificato sul livello tondo dei 3 euro. La positività verrebbe meno invece con un ritorno al di sotto dei 2,30 euro per azione.

 

 

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti