Buzzi: Ucraina inserisce titolo in Black List, buy o sell l'azione? | Investire.biz

Buzzi: Ucraina inserisce titolo in Black List, buy o sell l'azione?

09 mar 2023 - 17:59

Il sell-off odierno arresta al momento il trend rialzista presente sul titolo Buzzi. Quali i supporti da non perdere per evitare nuovi ribassi? Scopriamoli insieme.

Nonostante un recupero dai minimi intra, quella odierna è una giornata all'insegna della debolezza sui mercati europei, che pagano i timori di banche centrali hawkish in tema di rialzo dei tassi di interesse. In questo contesto il Ftse Mib è riuscito a mantenersi sopra i 27.700 punti, evitando una prosecuzione delle vendite in direzione dei 27.500 punti e a seguire verso i 27.300-27.200 punti. Al rialzo nuovi segnali di rafforzamento del trend ascendente si avrebbe solo con il superamento dei 28.000-28.150 punti che rappresentano i massimi degli ultimi 13 anni. Tra i titoli che a Piazza Affari stanno facendo segnare una performance decisamente negativa troviamo Buzzi Unicem, dopo le decisioni prese nelle ultime ore dall'Ucraina. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

 

 

Buzzi Unicem: inserita dall'Ucraina nella Black List

La decisione presa da Buzzi un anno fa di non lasciare la Russia, dopo l'inizio del conflitto in Ucraina, ha portato nelle ultime ore la National Agency for the Prevention of Corruption dell'Ucraina ad inserire l'azienda cementiera italiana in una Black List. L'accusa è quella di essere una degli sponsor internazionali della guerra a causa delle varie attività dell'azienda presenti all'interno della Federazione Russa. Infatti secondo l'agenzia nazionale ucraina per la prevenzione della corruzione, Buzzi non solo è tra le prime 5 società dell'industria russa del cemento, ma ha continuato a fornire prodotti a grandi aziende controllate dallo Stato come Rosneft e Rosatom. 

In questo contesto non dobbiamo dimenticare come nel corso degli ultimi anni Buzzi abbia versato all'erario di Mosca non solo oltre 60 milioni di euro di tasse ma anche altri oneri obbligatori, elementi questi che hanno portato l'Ucraina ad adottare il provvedimento odierno. Andiamo ora a vedere la reazione del titolo e cosa potrebbe comportare per le prossime sedute.

 

 

Azioni Buzzi: analisi tecnica e strategie operative

Con volumi quasi tripli rispetto alla media giornaliera mensile, è una seduta all'insegna del sell-off quella odierna sul titolo Buzzi con i prezzi che, dopo essere scesi fin verso i 20,60 euro, si attestano sui 21 euro. Dal punto di vista operativo il movimento odierno sta mettendo a serio rischio quel trend rialzista partito sull'azione dai minimi di settembre in area 14 euro e che ha spinto durante la scorsa ottava le quotazioni a superare la soglia dei 22 euro. 

Nel breve termine fondamentale sarà quindi la tenuta dei 21 euro, dove transitano sia la trendline rialzista che parte dai minimi di periodo che l'indicatore giornaliero del Supertrend, per evitare ulteriori ribassi che potrebbero spingere i corsi fin verso gli ex massimi di febbraio 2022 in area 20,30 euro. Nel caso in cui anche questi sostegni dovessero essere rotti, si avrebbe un ulteriore indebolimento della struttura grafica con possibili discese fin verso la soglia dei 19 euro.

Al contrario la tenuta dei 21 euro potrebbe essere letta come una nuova occasione di acquisto sull'azione, con primi target rialzisti i 21,50-21,60 euro e successivamente i 22 euro. L'eventuale superamento di queste aree resistenziali rimetterebbero in moto il trend primario rialzista, con ulteriori allunghi verso i 22,80 euro e a seguire l'area dei 24 euro che rappresentano i massimi del 2021.

Vuoi seguire ogni giorno la nostra operatività sia sul mercato azionario italiano che su quello americano? Iscriviti al servizio Pit Trading ed entra a far parte del nostro canale privato Telegram.

 

0 - Commenti

I Nostri Partners


Malta

ELP Finance LTD

34, Wied Ghomor Street, St. Julians STJ 2043 – Malta

+356 20 341590

Switzerland

ELP SA

Corso San Gottardo 8A, 6830 Chiasso, Switzerland

+41 91 9228169

L’utilizzo del presente sito è soggetto al diritto svizzero, che ha giurisdizione esclusiva in relazione all’interpretazione, applicazione ed effetti delle condizioni d’uso. Il tribunale cantonale competente avrà giurisdizione esclusiva su tutti i reclami o le controversie derivanti da, in relazione a o in relazione al presente sito web ed al suo utilizzo.

Le informazioni presenti sul sito web non devono essere considerate consigli di investimento personalizzati e sono disseminate sul sito e accessibili al pubblico in generale. Tutti i link e i banner sui siti web di ELP SA o ELP Finance LTD (di seguito il “gruppo ELP” o “ELP”) indirizzano verso società finanziarie, fornitori di servizi di investimento o banche regolamentate in Europa. Gli strumenti finanziari menzionati nel presente sito web possono essere soggetti a restrizioni di vendita in alcune giurisdizioni.

Continuando ad accedere o utilizzare questo sito web o qualsiasi servizio su questo sito, dichiari di accettarne i termini e condizioni. Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Il trading e la speculazione finanziaria comportano un alto livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di decidere di investire dovresti considerare attentamente i tuoi obiettivi di investimento, il livello della tua esperienza, la tua disponibilità ad assumersi dei rischi e consultare un consulente indipendente. C'è sempre la possibilità di perdere l'investimento, per intero o parte di esso. Quindi ti suggeriamo di investire denaro che puoi permetterti di perdere.

Dichiarazione di non responsabilità - Informativa sui rischi - Informativa sul trattamento dei dati personali - Termini e condizioni - Codice Etico - Cookie policy - Privacy Policy

© 2023 Investire.biz, all rights reserved.