Vivere di Trading è possibile?

ll trading online è una professione molto impegnativa e stressante, senza contare che non sempre si riesce ad ottenere un profitto costante.

Pensare di vivere di trading è un sogno che sembra irrealizzabile.

Proviamo a  sintetizzare in questo elenco gli elementi che  impediscono di vivere di trading:

1) utilizzo di capitali medio/bassi;

2) ricerca di performance elevate ed in poco tempo;

3) utilizzo di brokers non professionali e non regolamentati;

4) mancanza di autocontrollo (Psicologia del Trader);

5) mancanza di un buon piano di trading;

6) mancanza  di una strategia di trading automatizzata;

7) mancanza di un piano di trading alternativo;

8) mancanza di un buon piano di gestione del rischio e dei soldi.

Quanto si guadagna facendo trading?

Tutti noi vorremmo riuscire a guadagnare tanti soldi usando un pc o uno smartphone,  in una spiaggia di fronte al mare e leggendo qualche report finanziario.

La verità è che prima di vivere di trading e raggiungere risultati e profitti costanti abbiamo bisogno di formarci in 3 aree:

1) autodisciplina psicologica;

2) saper perdere soldi;

3) saper formulare piani di rientro e di lungo termine.

Per quanto riguarda l’aspetto psicologico, si tratta dello “strumento” migliore per diventare trader vincenti. Purtroppo questo argomento è sottovalutato dalla maggior parte dei neofiti trader così da incrementare il tempo medio di studio per diventare professionisti e vivere di trading.

---

Vuoi imparare come gestire il lato psicologico nel trading?

Acquista il corso "Fare Trading con la Testa", guarda qui il programma.

---

Saper perdere soldi, ovvero accettare gli stop loss e gli errori è un altro elemento chiave per arrivare al successo. La natura umana ci spinge sempre a rifiutare le sconfitte e così facendo ci spingiamo sempre più verso un rischio estremo, esagerato rispetto alle nostre possibilità tale da farci fallire.

Per vivere di trading bisogna trasformare ogni fallimento in un successo.

Partire da 20.000 euro ed arrivare ad oltre 1 milione di euro in 12 anni  è possibile avendo una performance mensile del 4%, considerando condizioni di trading e di performance costanti nel tempo.

Dobbiamo però riflettere su alcuni punti:

Se la nostra strategia riesce a generare una performance costante del 48% all’anno (12 mesi) si può avere un capitale finale di 368.393 euro di profitto + 767.486 euro di capitale accumulato ovvero un totale di circa 1.040.098 euro.

Si è simulato il pagamento dell’imposta sulle plusvalenze attualmente in vigore in Italia pari al 26% dei profitti realizzati.

Per vivere di trading con una simulazione del genere bisogna avere pazienza e attendere almeno 5 anni per raggiungere un capitale adeguato per un reddito annuale soddisfacente. Questo vuol dire che se riuscissimo ad avere una performance costante del 48% annuale, in questo caso non potremmo vivere di trading finchè non riusciamo a costruire un capitale adeguato. La pazienza è un elemento chiave.

Il 48% in 12 mesi vuol dire realizzare una performance mensile del 4%.

Sul forex con l’utilizzo della leva finanziaria non è impossibile realizzare il 4% al mese di media.

Allora perchè riescono a farlo in pochi?

La risposta va cercata in tutto quello che è oltre la strategia pura, quindi va cercate nelle emozioni, avidità, capitale a disposizione e cultura finanziaria.

L’enorme potenzialità del forex ci induce in modo quasi naturale a pensare che dobbiamo guadagnare il 20% al mese o cifre superiori. L’errore è qui: pensare al guadagno e non alla gestione del rischio.

Uno dei primi allenamenti e studi da fare quando si vuole diventare trader è di gestire il rischio e mantenerlo al minimo.

Quindi non resta che iniziare ad applicare, concretamente, i consigli, studiare, avere tanta passione e nel giro di un po di tempo si sarà pronti ad affrontare questa avventura con lo spirito giusto.

Buon lavoro!­

---

Chi non si FORMA si FERMA!

Iscriviti ai nostri CORSI e WEBINAR che trovi nella pagina "Appuntamenti"

---

4 - Commenti

michael verde

michael verde - 09 luglio 10:34 Rispondi

Paolo Cerruti

Paolo Cerruti - 09 luglio 22:11 Rispondi

Ivan Benetton

Ivan Benetton - 10 luglio 17:36 Rispondi

Paolo Becks

Paolo Becks - 15 luglio 10:26 Rispondi