Entro il 2080, gli italiani saranno una minoranza in Italia

Come sarà composta la popolazione italiana negli anni a venire?

I dati ufficiali mostrano come la crescita della popolazione italiana crescesse fino al 2015, momento dal quale è cominciato un rapido declino del numero dei cittadini "indigeni".

Ogni anno, infatti, il numero di italiani cala di 250 mila unità e questo declino accellererà.

L'immigrazione, fino ad oggi, è stata per lo piu' rumena, fenomeno che è previsto in forte calo, a causa della prolungata crisi economica che interessa il paese, motivo per cui il bel paese non è piu' in cima alla lista dei luoghi preferiti dai migranti europei.

Secondo Eurostat, entro 60 anni da oggi, (e se consideriamo il continuo flusso di migranti in arrivo dall'Africa anche prima) il 50% della popolazione sarà di origine africana o asiatica.

Il motivo è che il tasso di fertilità delle donne italiane è di 1.34, molto inferiore al livello minimo di sotituzione che è di 2,1. Lo stesso vale per tutti i paesi che compongono l'europa, cosa che rende il continente uropeo molto simile al Giappone.

I leader di tutta europa conoscono questi numeri, cosa che lascia pensare che sia stato deciso un piano di ripopolazione fatto di migranti, che non potrà che cancellare, nel lungo termine, la cultura delle varie nazioni interessate. 

Le autorità giapponesi, consci del medesimo problema presente nella loro nazione, si sono rifiutate, invece, di sostituire il proprio popolo con persone di cultura diversa, pur sapendo che, nel lungo termine, la nazione è destinata ad essere solamente un nome.

Come si risolverà questo problema culturale?

Secondo un nutrito gruppo di di antropologi, le "frizioni" tra culture si risolveranno con la seconda generazione, momento in cui l'Italia diventerà come gli Stati Uniti d'America, dove italo americani convivono perfettamente con gli afro-americani. In altre parole, l'unica differenza tra gli italiani ed i nuovi italiani, sarà solamente nel colore della pelle.

Ci sono anche teorie molto diverse...Molti fanno notare come in Francia, per esmepio, dove si è già arrivati alla terza generazione di migranti, i problemi non sembrano cessare (basti pensare ai gravi problemi di convivenza tra francesi nativi e francesi di origine straniera, che hanno infiammato le periferie delle grandi città, le cosi dette banlieue).

Come sarà l'italia se il flusso di migranti si interrompesse e se gli italiani continuassero a non fare figli?

Le stime parlano chiaro. All'attuale tasso di nascite, la popolazione italiana, nel 2100, sarà ridotta di ben 27 millioni di unità, ovvero un calo del 60%.

Immigrazione: un piano studiato?

I normali cittadini non conoscono questi numeri e queste stime, numeri che sono ben conosciuti dai leader e politici europei. Le ONG tedesche, spagnole, norvegesi, irlandesi e olandesi hanno, dal 2014, trasportato oltre 600 mila migranti sulle coste italiane, cosa che è stata fatta con la piena complicità delle autorità italiane, (guarda i video di Emma bonino e Di Maio in allegato) cosa che fa pensare ad un piano progettato da tempo, sul quale la popolazione non ha voce in capitolo.

L'immigrazione di massa è l'unica soluzione?

Io non sono ne un sociologo ne un politico, ma credo che una politica che incentivi le nascite, potrebbe fare al caso nostro! Cosa succederebbe se, i famosi 30 euro al giorno per migrante affidati alle strutture ricettive, fossero date alle famiglie, per ogni figlio?

Io credo che, magicamente, tutti quanti comincerebbero a SxxxxxE come i ricci! :-)

---

Vuoi capire tutto della guerra in Siria?

Guarda questo video

 

 

13 - Commenti

Mark uri

Mark uri - 19/06/2018 10:56 Rispondi

Luca Discacciati

Luca Discacciati - 19/06/2018 11:49 Rispondi

Davide Vimercati

Davide Vimercati - 19/06/2018 11:24 Rispondi

nicola piasentin

nicola piasentin - 19/06/2018 11:28 Rispondi

Luca Discacciati

Luca Discacciati - 19/06/2018 11:50 Rispondi

Andrea Bonino

Andrea Bonino - 19/06/2018 12:35 Rispondi

Marco Patrone

Marco Patrone - 19/06/2018 13:37 Rispondi

nicola piasentin

nicola piasentin - 19/06/2018 15:13 Rispondi

Alessandro Pompili

Alessandro Pompili - 19/06/2018 14:57 Rispondi

Matteo Montu'

Matteo Montu' - 19/06/2018 15:24 Rispondi

Sergio Fontana

Sergio Fontana - 19/06/2018 18:38 Rispondi

Mancini Marco

Mancini Marco - 19/06/2018 19:15 Rispondi

Ersin Trader

Ersin Trader - 20/06/2018 00:10 Rispondi