Nuovi massimi per le borse americane

L'indice S&P500 americano ha segnato, nella giornata di ieri, il nuovo massimo storico, recuperando cosi' il crollo avvenuto da settembre 2018 fino a fine 2018, quando il mercato perse quasi il 20%.

Dai minimi di inizio anno, l'SP500 è salito di circa il 17%, il maggior rialzo dal 1987, ed addirittura il Nasdaq, l'indice dei titoli tecnologici, è salito del 22%, la miglior risalita dal 1991.

Ad aiutare i rialzi delle borse (nel medio termine) è stata la politica accomodante delle Federal Reserve, che mantenendo i tassi di interesse molto bassi, ha mantenuto alto l'interesse per il mercato azionario, mentre nel breve i prezzi sono saliti grazie ai risultati positivi del social network Twitter e di Lockheed Martin, il gigante del settore aerospaziale.

Ben il 79% delle aziende usa hanno riportato utili al di sopra delle aspettative degli analisiti, ora si attendono i risultati di Facebook, Microsoft e Amazon, che saranno comunicati questa settimana.

I rialzi delle borse usa continueranno?

E' la statistica a far bene sperare Wall Street, infatti Dal 1950, l'indice S & P 500 ha registrato 10 primi trimestri in cui l'indice ha guadagnato almeno il 10%. In nove di queste 10 occasioni, l'indice è salito per il resto dell'anno, con una media del 5,8%. L'unico anno in cui è diminuito è stato il 1987, noto per il Black Monday, quando l'indice è diminuito del 15% dopo il primo trimestre, ma ha comunque chiuso l'anno con un guadagno del 2%.

---

Vuoi imparare a fare Trading Intraday?

Sono aperte le iscrizioni al corso "SHORT TERM TRADING", clicca QUI per vedere il programma

Ai partecipanti verrà rilasciato il certificato di partecipazione

---

0 - Commenti